giovedì 21 giugno 2018

JNSR: Ecco quando l'Anticristo inizierà a Regnare!




Sebirblu, 21 giugno 2018

Due giorni prima dell'elezione di Bergoglio (il vescovo "venuto dalla fine del mondo", come da lui stesso asserito), la mistica JNSR, di cui ho parlato molte volte ‒ l'ultima QUI, ha ricevuto da Gesù delle indicazioni preziose su cosa fosse in procinto di accadere alla Chiesa, e l'invito a rimanere fedeli al Papa Emerito Benedetto XVI, in quanto "baluardo" della fede cattolica.

Già i "segni" al conclave (QUI) avevano annunziato che ci sarebbe stata una svolta funesta  con  il  nuovo  pontificato,  e  dopo  cinque  anni,  ahimè,  non  possiamo  far altro che  costatarne la veridicità  drammatica e desolante!  Se il popolo di Dio non si sveglia sollecitamente da questo spaventoso inganno è destinato a finire molto male, purtroppo...

D'altronde, il Nemico del genere umano non dorme (cfr. QUI, QUI e QUI) e mentre quasi tutti procedono senza alcuna consapevolezza, perché hanno trascurato di documentarsi sulle Sacre Scritture e sul vero insegnamento cristico pensando che siano "cose da bigotti", il Maligno avanza e li mette nel sacco, anzi in pentola... come una rana bollita che troppo tardi si accorge del calore in aumento e... soccombe.

Ma il Cristo, di nuovo bistrattato, misconosciuto e crocifisso dai Suoi stessi ministri apostati e traditori, che dovranno rispondere delle anime loro affidate, parla sempre al Suo "piccolo resto": lo incoraggia e lo istruisce per mezzo dei profeti del nostro tempo che, proprio perché piccolo e semplice, "riconosce la Voce del suo Pastore e Lo segue" (Gv. 10, 1-42) per essere messo al riparo dai lupi.

Ecco perciò quello che è stato trasmesso da Nostro Signore per tutti coloro che hanno "orecchi per intendere"...




JNSR, portavoce di Gesù:

Attualmente, stiamo vivendo una nuova fase, ossia quella che precede di un soffio "la Tribolazione", chiamata anche "gli ultimi giorni della Chiesa", quando, malgrado le nefandezze delle Nazioni, essa avrebbe ancora potuto garantire la pace sotto la sua egida."

Sta per cominciare, infatti, il Tempo in cui l'Anticristo prenderà possesso del suo Dominio.

La Bibbia riporta che sarà difficile, sin dall'inizio, riconoscere questo personaggio che userà ogni genere di astuzie per ingraziarsi i poteri pubblici degli Stati e soprattutto della Chiesa... senza dimenticare Israele che soccomberà di fronte al "suo fascino"...

Siamo entrati nell'arco temporale della fine, di quelli che vengono chiamati i 7 ultimi anni delle Nazioni, compresi nei "490" in cui Israele avrebbe subìto l'espiazione che meritò da Dio a causa della sua idolatria.

Questi Tempi sarebbero dovuti terminare con l'Offerta che nostro Signore fece agli ebrei nel momento della Sua Risurrezione:

"7 anni di Grazia" in onore del Grande Sacrificio Universale di Gesù Cristo, perché era scritto che il Regno di Dio sulla Terra avrebbe dovuto coincidere con il periodo in cui il popolo ebraico avrebbe beneficiato anche dei "7 anni di perdono".

Ma il rifiuto degli israeliti (a riconoscerLo come Messia; ndt) annullò questo condono di pena. Dio, nostro Padre, offeso da tale rifiuto, pospose i loro 7 anni destinati alla penitenza per la fine dei Tempi.

Egli disse: «Vi salverete gli uni per mezzo degli altri; questo significa che "pagherete" anche gli uni per gli altri, perché nemmeno voi siete senza peccato... come avreste tendenza a credere...»

Non conosciamo il periodo esatto dello svolgimento di questi 7 fatidici anni, e se essi siano già cominciati, ma è certo che li dobbiamo subire* per meritare il Ritorno glorioso del Figlio di Dio. (ved. QUI).

*Con  la  diaspora,  le 12 tribù di Israele,  moltiplicandosi,  si sono sparse  per  tutta la Terra e rappresentano l'umanità. È per questo che vien detto da JNSR "dobbiamo subire"; ndt).

È scritto che il Cristo sarebbe tornato "al termine della Tribolazione finale".




È necessario che i segni profetici vengano studiati dalla generazione contemporanea, perché è quella che assistette alla risurrezione di Israele come Nazione nel 1948, e poi di Gerusalemme (nella guerra dei 6 giorni; ndt) nel 1967.

Perciò coloro che vissero in quegli anni possono ben presenziare agli eventi finali. «Che Dio ci protegga!»

È scritto pure che «Quando la Chiesa sarà sollevata (ossia "rapita", come riporta San Paolo in 1Tess. 4, 16-17 riferendosi al "piccolo resto", cioè all'insieme dei seguaci rimasti fedeli sino alla fine agli insegnamenti del Cristo; ndt), l'ultima protezione (detta Katéchon ‒ dal greco antico "τὸκατέχον" ‒ ciò che trattiene o colui che trattiene; ndt)  impedente  al  Male   di  manifestarsi  pienamente, sarà  tolta.»

E quando la Chiesa non ci sarà più (in questa dimensione; ndt), Israele sarà di nuovo contrassegnata spiritualmente come "Nazione Unta" (prescelta) da Dio.

Ecco perciò l'inizio dei 7 anni di purificazione sotto il dominio del mondo... (quelli annullati, come detto sopra, alla Risurrezione cristica).

Il popolo ebraico avrà una seconda possibilità di riconoscere il suo Messia. I 7 anni di Grazia che gli furono offerti da Nostro Signore Gesù Cristo, stanno per essere sostituiti da 7 anni di Tribolazione sotto l'imperio dell'Anticristo; ma questa volta Israele si salverà. Tuttavia, sarà la nazione che soffrirà di più, anche se l'intero pianeta sarà sottoposto al pentimento (ved. QUI; ndt), perché siamo tutti peccatori... (Importante confrontare anche QUI; ndt).

La "Buona Novella" è che "l'ora del sollevamento della Chiesa", corrispondente in Verità alla protezione dei VERI cristiani che l'amano, sta per suonare.


"Uno sarà preso e l'altro lasciato..." (Mt. 24, 1-51)  cfr. QUI.

Questi veri cristiani sono chiamati SPIRITUALMENTE a congiungersi e ad unirsi alla preghiera incessante di tutti i componenti il Corpo Mistico e a coloro che vi si aggiungeranno, insieme alla Voce intensa e fervente del nostro Papa Benedetto XVI dal luogo dove è stato chiamato dal suo Signore.

Costoro sono invitati a pregare e ad adorare DIO nel Nome del Padre, del Figlio, e dello Spirito Santo presso il loro domicilio o non importa dove, ma strettamente collegati con il VERO Pontefice Joseph Ratzinger, Vicario di Cristo e successore di Pietro.

Per confermare la profezia d'oggi, Gesù ci suggerisce di rileggere la Sua Parola tramandataci per mezzo dell'antico Suo Apostolo delle genti. San Paolo, infatti, riferendosi ai nostri tempi,  dice  in  2 Tessalonicesi  2, 3-11:

"...Nessuno vi inganni in alcun modo! Prima infatti dovrà avvenire l'apostasia e dovrà esser rivelato l'uomo empio, il figlio della perdizione.

L'Avversario che si eleva al di sopra di tutto ciò che viene chiamato Dio o che si adora, fino a sedersi nel Tempio di Dio, facendosi passare lui stesso per Dio.

Ed ora, voi sapete bene ciò che lo trattiene perché si riveli soltanto a tempo debito.

Il mistero d'iniquità è gia in atto, ma è necessario che scompaia Colui che ne impedisce la manifestazione.*

*(Ed è proprio il nostro Buon Papa Benedetto XVI, come dice anche Antonio Socci QUI: ndt).


Ecco chi è il Katéchon - Colui che ancora trattiene la venuta dell'Anticristo!

Solo allora sarà rivelato l'Empio, che il Signore Gesù distruggerà con il soffio della Sua bocca e annienterà alla Luce della Sua Venuta.

L'Iniquo, la cui comparsa si produrrà tramite il potere di Satana, con ogni specie di miracoli, segni e prodigi menzogneri...

Per questo, Dio invia loro una potenza d'inganno affinché essi credano alla menzogna* e così vengano condannati tutti coloro che non hanno creduto alla Verità, ma hanno acconsentito all'ingiustizia."

*(Da questo si comprende perché la maggioranza dei fedeli che segue Bergoglio, il Falso Profeta – ved. QUI, QUI e QUI, ma soprattutto cliccando in 'Etichette' il suo cognome ed anche in "profezie" – ne sia inspiegabilmente ammaliata, come se fosse succube di un diabolico incantesimo, rendendola sempre più cieca alla realtà che stiamo vivendo; ndt).

Ad ulteriore conferma, JNSR riporta QUI il messaggio del 5 marzo 2013, il penultimo tradotto in italiano, in cui Gesù le spiega chiaramente il perché Benedetto XVI si dimise, onde lasciare che il "Mistero di Iniquità" si compisse, secondo la Sacra Scrittura; ndt.

In tale messaggio, Gesù dice:

«Egli ha fatto (riferendosi al Papa) ciò che DOVEVA fare...»

E aggiunge ancora:

«Qual è, in verità, il vero cristiano che non ha riconosciuto in lui "IL RIFUGIO" dove il nemico non potrà penetrare?

Egli è "IL RIPARO DELLA VERITÁ" (appunto il Katéchon; ndt) dove nemmeno il più astuto riuscirà mai a farlo deviare dal suo cammino, dalla "Via della Croce" che egli segue da sempre e che sta perseguendo fino alla CROCE dove DIO lo attende.»

Il papa è obbediente a Gesù Cristo, e forse farà progredire il Regno di Dio sulla Terra perché è scritto che gli ultimi giorni della Chiesa attuale (quelli di Benedetto XVI) sono contrassegnati dal "Rapimento".

Tutto è pronto per l'ultimo atto, e il Signore ci mette in guardia:

«Non iniziate a fare pronostici per individuare la data del Mio Ritorno. Voi lo saprete assai presto! Cominciate ad unirvi al vostro Papa Emerito con le vostre preghiere che si unificheranno alle sue e offerte a Dio nella Santa Eucaristia.

Tutto sarà scoperto da voi stessi molto presto. Siate pazienti!»

Traduzione, adattamento e cura di Sebirblu.blogspot.it

Fonte: jnsr.be

Nessun commento:

Posta un commento