giovedì 12 marzo 2015

Fulford: Imminente l'Evento chiamato "Cigno Nero"




Imminente lo storico evento del Cigno Nero

Benjamin Fulford, 10 marzo 2015

Ora ci sono molti segni innegabili che un evento storico chiamato "Cigno Nero" (metafora di accadimento a forte impatto; ndt) sia imminente.

L'esatta natura di tale fatto è incerta, ma si tratta della fine di un sistema di governance risalente a migliaia d'anni addietro e l'emergere di un nuovo paradigma per l'Umanità.

Dal momento che la leadership globale occulta mette in relazione i suoi intrighi con i movimenti celesti, esiste la possibilità che tale evento possa essere collegato al 19 marzo con la super-luna e al 20 marzo con l'eclissi solare.

Tutto ciò è in arrivo dopo il 17 marzo, giorno di elezioni in Israele che si pensa mettano fine al regime Sio-nazi di quel paese.

L'umiliazione del primo ministro israeliano Benyamin Netanyahu, durante la sua visita negli Stati Uniti la scorsa settimana (non invitato), è stata una chiara indicazione di questo.

Il suo discorso non è stato trasmesso dalle principali reti di notizie americane ed è stato accolto con manifestazioni anti-Nentanyahu dagli ebrei di New York e di Israele.

Per coronare il tutto, un ex dirigente del Mossad lo ha accusato di mentire continuamente sulla cosiddetta "minaccia iraniana". È anche possibile che gli sia stato segretamente intimato di compiere un suicidio politico con quel discorso.

L'altro segno inusuale avutosi è la ri-organizzazione della CIA che è stata annunciata la scorsa settimana. Essa ora si trova sotto il controllo della Defense Intelligence Agency (DIA), secondo fonti della CIA stessa con base in Asia.




Il contenuto del riordino e il nuovo assetto della missione di tale agenzia investigativa sono in linea con il pensiero del Pentagono.

Solo l'identità degli epurati da quell'istituzione non è stata resa pubblica, ma fonti della CIA dicono che i primi ranghi della precedente Direzione operativa controllata dai Bush, sono cambiati.

Ciò ha aperto la strada per un ulteriore ripulitura della cloaca di Washington DC. Un attacco pesante al sindacato del crimine Bush/Clinton è già in corso.

Robert Menendez, ex capo della Commissione Esteri del Senato, si trova ad affrontare pesanti accuse penali. La medesima cosa vale per Chris Christie governatore del New Jersey, alleato di Bush.

Ora i media corporativi sono saturi di storie su Hillary Clinton e i 6 miliardi di dollari scomparsi dal Dipartimento di Stato americano durante il suo mandato. Bill Clinton è costretto a fronteggiare imputazioni di pedofilia nella scandalo miliardario di Jeffrey Epstein.

L'obbiettivo finale consiste nel raggiungere la famiglia Bush. Una volta rimossi i Bush, sarà possibile vedere se rappresentano una copertura per altri ben più nascosti, ossia i mastri burattinai.




I Bush


Anche in Gran Bretagna continua a svolgersi un'implacabile offensiva nei confronti dei satanisti Sio-nazi.

L'ultima rivelazione è che l'ex primo ministro Margaret Thatcher e l'attuale primo ministro David Cameron sono entrambi colpevoli di aver coperto scandali pedofili.

Pure l'alto burocrate e potere segreto nel Regno Unito, il Capo di Gabinetto Jeremy Heywood, risulta legato a questa cover-up o nascondimento.


È come una partita a scacchi in cui si inizia abbattendo pedine, cavalli ed alfieri dell'avversario prima di avvicinarsi alle torri, alla regina e al re.

Perseguendo queste persone, quindi, dovrebbe essere possibile, in seguito, annullare l'immunità diplomatica concessa a Tony Blair. Ciò gli aprirebbe un procedimento d'accusa per crimini di guerra, inducendolo allora a svelare tutto sui Rothschild, aprendo così la strada all'epilogo finale.

Questo è probabilmente il motivo per cui la settimana scorsa Jacob Rothschild ha dichiarato "Gli investitori sono davanti ad una situazione geopolitica così pericolosa come quella precedente alla seconda Guerra Mondiale"


La famiglia Rothschild e i suoi alleati hanno bruciato recentemente degli archivi storici al fine di occultare le circostanze in cui la Società delle Nazioni e l'ONU sono stati creati, secondo fonti russe del FSB.




Il primo è stato un incendio in una biblioteca in Russia, il 30 gennaio 2015, che conteneva antichi documenti storici slavi. Il successivo rogo è avvenuto in un deposito di documenti a Brooklyn, in New Jersey, il 31 gennaio scorso.


Secondo i russi, i documenti distrutti contenevano prove che lo zar Nicola II aveva donato dell'oro per edificare la Società delle Nazioni prima che la Seconda Guerra mondiale iniziasse.

In conseguenza a ciò, rivendicano i russi, la proprietà dell'88,8% dell'oro detenuto dalla Federal Reserve Board può essere attribuita a Nicola II.

Subito dopo aver elargito l'oro, lo Zar e la sua famiglia furono assassinati nel corso della rivoluzione russa finanziata dai Rockefeller.

Peraltro, i sovietici sostengono che l'ex Premier russo Alexei Kosygin fosse, di fatto, il figlio dello zar Nicola II e quindi esisterebbero a tutt'oggi dei legittimi richiedenti affinché l'oro ritorni in Russia.

La sola verifica indipendente a cui posso risalire con tali dichiarazioni consiste in alcuni documenti mostratimi da un bibliotecario della Banca del Giappone comprovanti che 10 tonnellate d'oro russo furono importate nella nazione nipponica da una nave da guerra giapponese durante la rivoluzione bolscevica.




Il Giappone non ha mai restituito l'oro. Forse l'ambasciata russa lì accreditata dovrebbe fare qualche indagine.

Se le accuse russe fossero vere potrebbero spiegare l'improvvisa preoccupazione di Jacob Rothchild riguardante "l'aggressività sovietica e la sua politica di espansione". E spiegherebbe anche la recente aspra critica della Russia verso i servitori dei Rothschild come il primo ministro britannico David Cameron.

Questo può anche essere connesso ad un altro mistero. Il sito d'informazione King World dello scarabeo d'oro ha citato il trader di metalli a Londra, Andrew Maguire, il quale avrebbe detto che la HSBC starebbe chiudendo tutti i suoi sette caveaux d'oro nella capitale britannica, entro due mesi.


L'enigma, naturalmente, è esattamente ciò che è accaduto o sta per accadere a tutto quest'oro.

È molto probabile che esso sia stato venduto e il denaro riciclato attraverso gli Stati Uniti e i mercati azionari giapponesi, al fine di tentare la fuga con i soldi prima che i legittimi proprietari inoltrino denuncia per il suo ritorno.

Date un'occhiata a questo grafico mostrante come il prezzo dell'oro e il mercato azionario Nikkei si siano mossi in modo analogo ma in opposte direzioni. Qualcuno ha diretto la vendita dell'oro e, contemporaneamente, l'acquisto di azioni giapponesi.





La traccia conduce inoltre, secondo fonti nipponiche yakuza, a Wilbur Ross Jr. che "ha dedicato 25 anni alla presidenza della Società Giapponese di New York fino a curare la pratica per bancarotta della Rothschild Inc."

Ross, nel mese di febbraio, è stato insignito dell'Ordine del Sol Levante, Oro e Silver Star dal governo nipponico per i suoi contributi alle relazioni Usa-Giappone."


Esiste pure una forte possibilità che tutto l'oro sia finito in Cina. Questo perché il yuan cinese, il dollaro USA e il prezzo dell'oro, nei mesi recenti, si sono mossi in tandem l'un l'altro nei confronti delle altre valute mondiali.

Per di più ultimamente, i cinesi hanno esposto un cartello vicino all'aeroporto di Bangkok con l'immagine di una moneta d'oro annunciante il Yuan cinese come "Nuova valuta del Mondo".


Il regime schiavista dei Rothschild in Giappone, rappresentato da Shinzo Abe e la troupe del Partito liberal-democratico sono stati anche attori di ruberie di grande ampiezza.

Secondo un informatore della polizia di sicurezza giapponese, Abe avrebbe rubato almeno 200.000 miliardi di yen dalle casse dei fondi pensione nazionali, dalla Banca di Risparmio Postale e dalla Cassa di Risparmio Agricola (Norinchukin).

Questo denaro è stato mandato all'estero per sostenere le banche della Cabala Sio-nazi, secondo la sorgente.

A detta dei giornali governativi di propaganda giapponese, queste istituzioni stanno "incrementando gli stanziamenti di investimento per le obbligazioni estere al fine di massimizzare i rendimenti".

Si tratta di un furto bell'e buono e ciò non contribuirà a salvare una Cabala ormai matematicamente condannata.

Può darsi che, proprio perché ho scritto un articolo in lingua giapponese riguardo a questo furto, ho ricevuto oggi una telefonata da qualcuno con questo numero: 81- (0) 80-5242-0737 che annunciava: "Mi ucciderò stasera". Chiaramente era spaventato, ma non è il caso di chi scrive.

Il regime Abe sembra avere anche fretta di stabilire un governo militare. Le recenti proposte da lui avanzate includono la soppressione del controllo civile sulle forze di autodifesa giapponesi e la ricostituzione di un organismo nipponico di spionaggio internazionale sul modello del MI6 britannico.


Benjamin Netanyahu e Shinzo Abe

Forse, tale fretta di formare un direttivo militare è dovuto al fatto che ci sarà un processo all'Alta Corte di Tokio questo venerdì 13, dove il Partito di Indipendenza del Giappone presenterà la prova che il regime di Shinzo Abe è stato messo al potere con elezioni truccate.

I "voti" che hanno insediato Abe al potere sono stati, per oltre il 90%, contati da macchine costruite dalla Mushashi Engineering.

Questa società appartiene alla Fortess Asset Management che, a sua volta, è diretta da Peter L. Briger, componente del Consiglio sulle Relazioni Estere di David Rockefeller.

Il Giappone, insieme con l'Arabia Saudita e i paesi membri del Consiglio di cooperazione del Golfo sono tutto quello che oggi rimane tra la Cabala Sio-nazi e il fallimento.

Il Pentagono, la polizia nipponica e le forze giapponesi di autodifesa "white hats" (cappelli bianchi) necessitano di maggiori informazioni sul caso, per cacciare lontano dal Giappone i Sionisti-nazi come Ross e Briger.

Infine, come ripetuto sovente, gli Stati Uniti e il Giappone, hanno bisogno entrambi di nazionalizzare le proprie banche centrali e riprendersi il potere di creare e distribuire i soldi alle popolazioni e ai loro rappresentanti eletti onestamente (e senza corruzioni).

Il denaro che è stato rubato dalle banche centrali private attraverso il controllo delle loro famiglie deve quindi essere restituito ai legittimi proprietari.

Le banche locali oneste, le associazioni di risparmio e le società genuinamente imprenditoriali (e non "cleptocratiche") possono continuare ad operare in un sistema del genere.

Quando ciò accadrà, il genere umano sarà libero dalla schiavitù del debito di Babilonia per la prima volta in migliaia d'anni.




Non è il Cigno Nero che noi dovremmo avere ma il Cigno Bianco, l'evento che tutti stiamo aspettando. I tempi sono maturi ora.


Fonte: eclinik.co

venerdì 6 marzo 2015

La Truffa delle Banche spiega i Problemi del Mondo


Krystian Wodniok

Sebirblu, 5 marzo 2015

All'inizio di questo articolo, Henry Makow presenta un interessantissimo libro francese di Stephen Goodson che rivela al lettore come è potuto nascere in seno alle civiltà il cancro dell'usura, coinvolgendo subdolamente tutto il pianeta e, soprattutto, senza che le popolazioni se ne accorgessero.

Per voi Lettori, e per chiunque volesse approfondire la conoscenza e le origini di questo enorme raggiro, ho trovato un saggio, a firma dello scrittore menzionato sopra, nel sito di "nocensura.com".




La truffa delle Banche Centrali spiega i problemi del mondo

Henry Makow, 22 febbraio 2015

Ecco un pensiero spaventoso. E se un potente culto satanico si fosse impadronito della razza umana, sostituendosi a Dio, per asservirla spiritualmente mentalmente e fisicamente?

Tale culto ha preso vita attraverso una truffa molto semplice. È stata introdotta fra le nazioni e i popoli, la moneta, creando un mezzo di scambio sotto forma di debito che porta interesse del quale raccoglie il rimborso integrale.

Emettere denaro è compito precipuo dello Stato di cui è perfettamente capace di incaricarsi senza causare nessun debito, né il minimo interesse.

Questo inganno basilare è la spiegazione di quasi tutto ciò che non va nel mondo.

E per distrarre la società dalla vera piaga che le divora il cuore, i banchieri centrali hanno sempre prodotto una lunga serie di nemici fittizi e di guerre inutili.




I S I S

Per esempio, le agenzie investigative (CIA, MI-6 e Mossad), sono responsabili del 90% del "terrorismo". Sono loro che hanno creato e finanziato l'ISIS e l'estremismo islamico, tanto da farne uno spauracchio.

Le misure antiterroristiche (la militarizzazione delle forze di polizia, la sorveglianza generalizzata praticata dal NSA, ecc.) proteggono il monopolio del credito e non i popoli.

Lo stato poliziesco che sta emergendo serve ad assicurarsi che il "debito" sia onorato e gli interessi pagati. I popoli del mondo intero rappresentano un'ipoteca su triliardi di dollari di "indebitamento", vale a dire l'insieme della massa monetaria esistente.

Al fine di perpetuare l'inganno, i banchieri spartiscono il loro bottino con tutta una casta di privilegiati. Innanzitutto, hanno reclutato molti dei loro compari Ebrei. Poi, milioni di "Gentili" (i non ebrei; ndt) attraverso la Massoneria ‒ quella che proviene dal giudaismo cabalistico, ossia dal satanismo.

Essi mantengono sotto le loro ali grandi imprese che controllano. Il sistema educativo, i media e i politici completano l'elenco dei traditori.

La democrazia è una frottola. L'Occidente ha distrutto la Libia e la Siria. Abbiamo forse sentito la minima critica dai media "di opposizione" o da parte dei politici? Il volo MH-17 è stato abbattuto. Non se ne è più fatta menzione da quando è stata smascherata come colpevole la "marionetta" Ucraina.




I banchieri centrali promuovono l'immigrazione di massa, la mescolanza razziale, il mondialismo, il femminismo, l'omosessualità, la diversità e la pornografia, tutto ciò per dividere e degradare il tessuto sociale.

"Noi corrompiamo per controllare meglio", scrisse Giuseppe Mazzini. In questo modo si perviene ad abbattere i quattro cardini dell'identità umana: la razza, la religione (Dio), la nazione e la famiglia.

Se osserviamo coloro che sostengono il raggiro "diabolico", ci troviamo di fronte ad una società fondamentalmente sovvertita, una società la cui "classe dirigente" non è nient'altro che un'amministrazione coloniale che cospira contro il grande-pubblico.

L'intera popolazione planetaria si trova nel rifiuto e soffre della sindrome di Stoccolma (QUI, il significato; ndt). Speriamo che i nostri padroni finanziari non facciano troppi danni se ci pieghiamo ai loro imbrogli.

Oh sì, l'11 settembre, Sandy Hook, Ottawa, Charlie Hebdo e via dicendo, sono stati tutti degli autentici atti "terroristici". Il ruolo dei media nell'attuazione di queste beffe mostruose, è particolarmente ripugnante.

Malauguratamente, il fatto di rabbonire i "banksters" non farà che generare ancor più terrorismo e guerra. Se il passato è una premessa, le nostre prospettive non sono poi così buone...




La  Russia

La maggioranza dei conflitti serve a proteggere, consolidare e ad estendere il monopolio monetario fraudolento dei banchieri.

La Rivoluzione Bolscevica fu una loro astuzia, di questi ebrei cabalisti, al fine di distruggere l'ultimo paese che costituiva una minaccia alla loro esclusiva mondiale sul credito.

Edificata nel 1860, la Banca di Stato dell'Impero Russo coniava la moneta pressoché senza debito e senza interesse. Contrariamente all'immagine diffusa dai media occidentali giudeo-massonici, la Russia pre-rivoluzionaria era fiorente.

Goodson scrive: "Nel 1861, lo Zar Alessandro II (1855-1881), abolì la schiavitù che in quel tempo colpiva il 30% della popolazione. Nel 1914, pochissime terre erano possedute dai proprietari terrieri russi... l'80% di quelle arabili era tra le mani dei contadini ed erano state cedute loro per modiche somme."

Nel 1913, il territorio sovietico produceva circa il 40% dei cereali e superava del 25% i raccolti combinati dell'Argentina, del Canada e degli Stati Uniti.

Dal 1890 al 1913, Goodson spiega che la produzione industriale era quadruplicata e che quel settore era capace di soddisfare l'80% della domanda interna per i prodotti manifatturieri.

Dal 1895 al 1914, l'aumento annuo del PIL fu del 10%. Nel 1912, la Nazione beneficiava del tasso di imposizione più leggero al mondo perché non pagava gli interessi su debiti fittizi."

«Durante tutto il periodo del sistema bancario statale, non ci furono né inflazione, né disoccupazione di alcun genere», precisa Goodson.


Lo Zar Alessandro II che abolì la servitù della gleba.

E prosegue:

"Il 7 novembre 1917, i Rothschild, temendo che l'emulazione di questo straordinario esempio di libertà e di prosperità distruggesse il loro impero bancario, provocarono e finanziarono una rivoluzione giudeo-bolscevica in Russia che devastò e rovinò un paese meraviglioso e mandò a morte per massacro e carestia più di 66 milioni di innocenti, secondo Aleksandr Solženicyn.

I dirigenti comunisti come Trotsky, Lenin e Stalin non erano altro che uomini di paglia operanti per conto dei Rothschild. Il Comunismo fu presentato come la rivoluzione del popolo. In effetti, esso provocò l'annientamento brutale di una straordinaria civiltà profondamente cristiana, fiero di un culto giudeo-satanico dedito all'asservimento dell'Umanità.

Il fatto che i loro crimini innominabili non siano mai menzionati in Occidente rivela che la società ad esso relativa è soltanto una colonia mentale e fisica che non ha alcuna credibilità, né la più piccola legittimità morale.

Cosa si pensa invece della Russia di Putin? È certo che viene considerata una difesa per l'Umanità contro il Nuovo Ordine Mondiale. Sicuramente tutto ciò che dicono i russi ha molto più senso di quello che emana da Washington, da Ottawa o dalle capitali europee.

Ma dobbiamo chiederci se i Rothschild lasceranno distruggere la nazione russa con il rischio di vedersela scappare. È altamente improbabile.

Mentre la maggior parte dei Russi è probabilmente sincera, temo che Putin faccia parte di una opposizione controllata. Spero di sbagliarmi, ma necessitano sempre due campi per giustificare una guerra e le spese in armamenti che ne derivano.

Putin incontra regolarmente Henry Kissinger, la Russia rimane pur sempre dotata di una Banca Centrale controllata dai Rothschild. Come i Protocolli (di Sion; ndt) asseriscono: "Nessuno si oppone mai a noi senza il nostro consenso."




Conclusione

Attualmente, l'Umanità perde il suo appuntamento con il Creatore, semplicemente perché tutti noi guardiamo nella cattiva direzione.

I Cristiani devono cessare di essere gli stupidi volontari e i complici della loro propria distruzione. La prima tappa consiste nel rigettare la manipolazione che demonizza l'Islam e i musulmani. Questo equivale alla creazione di un falso nemico.

Mi dispiace che molti "compatrioti" siano degli sprovveduti. La maggioranza dei musulmani preferirebbe rimanere al suo paese se non fosse distrutta dall'Occidente Sionista.

I cristiani, i musulmani e gli ebrei onesti devono unirsi e concentrarsi sul vero nemico: il cartello giudeo-massonico delle Banche Centrali e il suo esercito di stupidi, opportunisti, mentitori e lacchè di ogni orizzonte.

Secondo le parole di Goodson: "Se vogliamo liberarci e riprendere la nostra sovranità di fronte alla schiavitù imposta dai banchieri privati, dobbiamo smantellare le loro Banche Centrali, o saremo noi stessi abbattuti e condannati all'oblio."

Dobbiamo agire come se l'Umanità fosse l'espressione più alta della vita in questo Universo. Abbiamo raggiunto dei traguardi notevoli sul piano materiale e tecnologico. Dobbiamo riprodurre, al presente, questo successo nel campo politico, economico e culturale.


  

martedì 3 marzo 2015

I Meravigliosi Viaggi Astrali di Robert Monroe




Sebirblu, 2 marzo 2015

Questo post conferma a pieno titolo, gentili Lettori, quello da me pubblicato QUI (e del quale consiglio di cliccare tutti i link), che ha suscitato il vostro vivo interesse, dimostrando sempre più come la coscienza collettiva si stia risvegliando a quella parte della vita che, in special modo in Occidente, è rimasta quasi totalmente sconosciuta.

Ho letto tanti anni fa il libro di Monroe e sebbene l'abbia riscontrato molto "tecnico", penso che a molti di voi non dispiaccia la sua rigorosità scevra da impulsi emotivi ed eccessivamente mistici.

D'altronde è stato un ingegnere, e questo suo aspetto razionale, a mio parere, diventa più accattivante per tutti coloro che ancora insistono a voler rimanere "coi piedi per terra" fornendo loro una maggiore garanzia al "nuovo" che avanza.




Le Esperienze fuori dal Corpo (OBE): Primi resoconti

Nella primavera del 1958, Robert Monroe incominciò ad avere i primi "sintomi" inspiegabili relativi a quei fenomeni di scorporazione, che da quel momento in poi non lo avrebbero abbandonato più.

Di notte, mentre si stava addormentando, o anche di giorno, magari durante un sonnellino pomeridiano, percepiva delle forti vibrazioni in tutto il corpo.

Non si trattava di brividi o tremolii fisici, bensì di una sorta di corrente elettrica che lentamente pervadeva il suo corpo, non facendolo dormire e pilotandolo verso quelle stravaganti esperienze, di uscita della coscienza al di fuori del corpo fisico.

Malgrado ciò, fin dalle sue prime esperienze – in inglese Out of Body Experiences o OBE – egli mantenne un atteggiamento equilibrato e razionale. La sua prima naturale reazione fu infatti quella di chiedersi, se per caso, fosse malato o stesse avendo delle allucinazioni.

Ma  chi  era  Robert Monroe?  Era  un  imprenditore  di  successo,  un  ingegnere,  il quale improvvisamente iniziò a percepire strane sensazioni durante la fase dell'addormentamento e a fare ancor più strani sogni, così vividi da sembrare reali, ad avere visioni impossibili da spiegare.

Si rivolse inizialmente a vari medici specialisti, senza però riuscire mai ad avere risposte esaurienti riguardo al suo  "disturbo".  Quando furono escluse malattie di tipo fisico, incominciò a sottoporsi ad esami di tipo psichiatrico, senza tuttavia riscontrare, anche in questo caso, alcun segno di malattia.

Ovviamente non mancarono le facili diagnosi… "hai lavorato troppo" e di conseguenza le facili soluzioni, del tipo "riposati", o "dimagrisci" ecc. Tutte risposte che nel complesso rappresentavano solo una incapacità di affrontare il dilemma, da parte di chi lo esaminava.

Ma lui non si arrese ed iniziò un percorso basato su indagini personali, approdando ad un tipo di studio scientifico di questi fenomeni, sicuramente da reputarsi rigoroso, poiché basato su centinaia di prove ed esperimenti, realizzati anche con l'aiuto di studiosi e scienziati riconosciuti tali.

Il campo di studio, tuttavia, era del tutto nuovo in quegli anni in Occidente e necessitava perciò di metodologie di indagine particolari.


Robert Monroe - Indiana, Stati Uniti  (1915 - 1995)

Ciò che va specificato è che allora, le OBE e tutti i fenomeni annessi, erano ancora considerati come stramberie o tutt'al più fatti soggettivi, fantasie di mistici, visioni o altro.

Nel suo libro "I miei Viaggi fuori dal Corpo", Monroe descrive fedelmente decine di esperienze da lui vissute: dai primi episodi del 1958 alle prove successive, andando avanti fino al 1964.

In  esso  hanno  molto  peso  le riflessioni personali,  le  impressioni riportate  dopo ogni "uscita" ed anche la descrizione dei metodi approntati per realizzare alcuni test, spesso effettuati, come già ribadito, con la supervisione di medici interessati al fenomeno.

Queste verifiche, avevano lo scopo di ottenere prove oggettive riguardo alla veridicità delle sperimentazioni, ossia dimostrare come non si trattasse di semplici sogni, ma di veri e propri spostamenti della coscienza al di fuori del corpo fisico.

I Meravigliosi Viaggi astrali di Robert Monroe

Egli ha descritto nei suoi libri centinaia di meravigliose escursioni astrali, viaggi della coscienza in un altro mondo, immensamente più vasto di quello in cui viviamo, un mondo infinito.

Ogni singola sua esperienza durava da pochi secondi a molte ore, poteva essere il frutto di uno sforzo volontario, oppure un episodio spontaneo.

La realtà di un piano non fisico in altre dimensioni sembra impossibile, tuttavia anche uno scettico ammetterà che almeno con l'immaginazione tutto possa esistere e potrà allora prefigurarsi cosa sia un luogo dove ogni angolo è contemporaneamente un piccolo pensiero ed un immenso universo, dove il tempo risulta inesistente, perché ogni attimo può essere eterno.


Christophe Vacher

Il Mondo Astrale e il Corpo omonimo

Intorno ai quarant'anni, Robert Monroe incominciò a sperimentare stati di coscienza straordinari che più tardi lo avrebbero portato a cambiare completamente i propri concetti sulla scienza e su Dio, a considerare con un'ottica assolutamente diversa la vita e la natura dell'uomo.

Ricercando e studiando ogni traccia di questa fenomenologia nella storia e nella letteratura dell'uomo, scoprì come fossero sempre esistiti riferimenti più o meno espliciti ai viaggi astrali e al corpo omonimo nelle culture di popoli diversi.

Per arrivare a comprendere queste sue esperienze, mantenne sin dalle prime volte, un atteggiamento rigoroso, distaccato e perfino scettico.

Cercò l'aiuto di alcuni studiosi dalla mentalità aperta, con i quali poter intraprendere un percorso di studio per tali fenomeni, mettendo a punto metodologie adeguate allo scopo.

Tuttavia, per lui fu grande la solitudine di fronte alla comunità scientifica ufficiale, che ovviamente snobbava apertamente questi fenomeni e il tentativo di indagarli.

Monroe non cercava pseudo-scienziati che abbracciassero a priori tesi fantasiose o che fossero disposti ad avallare le farneticazioni di un visionario.

Egli desiderava ricavare un resoconto scientifico, serio e inoppugnabile, che dimostrasse, senza ombra di dubbio, la veridicità di questi particolari stati di coscienza. Si sottopose quindi, in prima persona, ad indagini ed esami differenti per arrivare a quel risultato.

L'Energia vibrazionale e la Proiezione astrale

Egli cominciò, così, a vivere le sue meravigliose esperienze nel mondo astrale.

Nella fase di rilassamento poco prima di addormentarsi, entrava spontaneamente in uno stato che definiva "vibrazionale" perché il suo corpo fisico veniva pervaso da una potente vibrazione energetica, un'onda che risuonava da una parte all'altra di esso con forza crescente, fino a quando la sua coscienza riusciva a proiettarsi al di fuori.

A questo punto lui, o meglio il suo Io, non si trovava più nel suo organismo, – che restava tuttavia disteso a dormire, come fosse quello di un'altra persona, – ma all'esterno, come sospeso.

Volava, fluttuava, sospinto ora dalla faticosa volontà del pensiero, ora da inconsce paure o emozioni.

Monroe chiamò il veicolo dei suoi spostamenti secondo corpo, il corpo astrale descritto da sempre in molte culture, religioni e filosofie di pensiero. Un corpo invisibile, che come la magia più impensabile, vola e si teletrasporta da un luogo all'altro, in un istante.


Gilbert Williams

La Mano sotto il Pavimento

Una volta, a notte inoltrata, Monroe fece uno strano sogno ad occhi aperti. Era sdraiato sul suo letto senza riuscire a prendere sonno. Di nuovo comparvero con forza le solite vibrazioni che ormai da mesi lo disturbavano.

Sua moglie dormiva al suo fianco, e fuori dalla finestra vedeva il paesaggio illuminato dalla luna. Si sentiva perfettamente cosciente. Con il braccio che penzolava parzialmente fuori dal letto, provò ad "allungare la mano" fino a toccare le coperte sulla sponda del letto.

Poi successe l'impossibile: spinse leggermente le dita contro le coperte, e dopo un iniziale senso di resistenza, queste attraversarono la stoffa e il legno del letto, arrivando a toccare il pavimento.

Spinto dalla curiosità, provò a distendere ulteriormente il braccio e, con sua meraviglia, sentì che la mano attraversava anche il pavimento, avvertendone persino la consistenza ruvida; la allungò ancora ed ebbe la sensazione che l'intero braccio stesse attraversando ora, anche il pavimento del piano terra, raggiungendo così lo scantinato.

Lì si fermò in una pozza d'acqua, avendo la chiara sensazione di muovere le dita proprio nell'acqua. Ad un tratto, preso dal timore di non riuscire più a recuperare il braccio, lo ritrasse repentinamente, e le vibrazioni si affievolirono all'istante.

Si alzò sbalordito, accendendo la luce per controllarsi la mano e vedere se, per caso, fosse bagnata, ma non notò nulla di anomalo, la mano era perfettamente asciutta e nella stanza tutto era al proprio posto. Era proprio come se avesse sognato ad occhi aperti, ma il sogno sembrava realtà. Una realtà impossibile!

Eccitato ed incuriosito da quanto accaduto, il mattino dopo si ripropose di fare un buco nel pavimento del piano terra, per vedere se effettivamente nello scantinato sottostante, esistesse veramente una pozza d'acqua.

In questo modo avrebbe trovato una prova oggettiva, comprovante che quanto vissuto non fosse stato un sogno. Tuttavia poi, il buon senso gli suggerì di soprassedere ad utilizzare un sistema di indagine tanto distruttivo e dispendioso.

Si ripropose invece di ripetere l'esperimento in un'altra occasione, cercando le prove dell'oggettività del fenomeno con sistemi più pratici ed economici.

Questo è uno dei primi episodi descritti da Monroe, nel suo libro "I miei Viaggi fuori dal Corpo". Fu proprio in seguito a questi primi avvenimenti, che decise di intraprendere una vera e propria indagine scientifica, relativa a questi fatti.

In principio dovette superare la paure, i timori per la propria salute e lo stupore continuo. Tuttavia, col ripetersi delle esperienze, acquisì maggiore dimestichezza e controllo, fino a diventare uno sperimentatore di se stesso.

Fu proprio grazie a questo atteggiamento rigoroso che il lavoro di Monroe suscitò nel tempo un certo interesse, anche tra quegli scettici che inizialmente non lo presero in considerazione.




Fluttuare nella Stanza

Una notte, come accadeva ormai da tempo, egli fu colto dall'ormai ricorrente "disturbo", delle vibrazioni simili a corrente elettrica, che gli percorrevano il fisico per intero.

Quella volta però si manifestarono in modo un pochino diverso, inizialmente solo in prossimità della testa, per poi diffondersi, pian piano, anche al resto del corpo.

Non sapendo cosa fare per eliminarle, pensò di distrarsi pensando al suo hobby preferito, l'aliante, e mentre aspettava che le vibrazioni se ne andassero, si propose di andare l'indomani a fare un volo.

Subito dopo, ebbe la sensazione che qualcosa stesse premendo contro la sua spalla, qualcosa di piatto e spazioso. Allungò la mano per sentire cosa fosse e capì che si trattava di una parete liscia.

Tendendo il braccio ancor di più, sentì che era molto estesa. Credette di essere caduto dal letto e gli sembrò che si trattasse del pavimento. Allora si sforzò di aprire gli occhi per poter vedere qualcosa nel buio, ma si rese conto che esso non aveva mobili appoggiati.

Pensò quindi di toccare un muro della stanza, ma stranamente non c'erano finestre, né quadri appesi. Eppure, quella strana superficie liscia gli era familiare, sebbene da quella prospettiva non la riconoscesse.

Rimase sbigottito quando finalmente capì di quale parete si trattasse: era il soffitto! Stava fluttuando nella sua stanza da letto, muovendosi dolcemente e rimbalzando contro di esso.

Si girò allora nell'aria e guardando verso il basso, vide il letto, sopra il quale giacevano distesi sua moglie e un'altra persona, entrambi addormentati. Che strano e spiacevole sogno stava facendo: stava sognando qualcuno a letto con la propria moglie!

Allora guardò meglio e vide che quel qualcuno che dormiva non era un estraneo, ma lui stesso! Questa visione lo sconvolse enormemente: ebbe infatti la sensazione di essere morto!

I sogni, per loro natura, contengono quasi sempre eventi improbabili e scenari indicibili, proprio perché sono una proiezione di pensieri e logiche inconsce. È quindi molto frequente che abbiano uno svolgimento apparentemente disordinato e incontrollato.


Ben Goossens

Il sogno visto dalla parte della veglia, dove la razionalità e il buon senso forzano prepotentemente le parole a rimanere sui binari del comprensibile, è un'avventura difficile da raccontare.

Per farlo è quasi sempre necessario descrivere situazioni impossibili e luoghi inverosimili, o veri a metà, e persone conosciute da sempre ma di cui non si conosce né il nome, né la sembianza. Per questo motivo qualsiasi stramberia, anche la più grande, non dovrebbe sconvolgere a lungo, se è stata solo sognata.

La vera stranezza di quei "sogni" tanto vividi vissuti da Monroe, consisteva invece nel fatto che sogni non erano. Sembravano tanto verosimili, perché erano reali.

Una volta però accettata la possibilità di poter uscire dal corpo fisico in piena consapevolezza e di poter volare liberi nello spazio e nel tempo, allora quei magici voli possono essere spiegati semplicemente come brevi passeggiate in giro per il mondo astrale e assumere a lungo andare, per chi li vive, addirittura una connotazione di normalità.

Questo è esattamente ciò che successe, esperienza dopo esperienza, a Robert Monroe, per il quale i viaggi astrali diventarono una sorta di routine.

Emozioni e Volontà

Basandosi su quanto osservato nei suoi numerosissimi viaggi fuori dal corpo, egli afferma che nel mondo astrale sembrano esistere vere e proprie leggi fisiche, analoghe a quelle che dominano il piano di terza dimensione.

In particolare, egli parla di una sorta di legge d'attrazione, secondo cui Esseri simili si attraggono tra loro. Nel mondo astrale, e non solo in verità, due individui sono conformi quando hanno emozioni e pensieri analoghi.

Ciò vuol dire che la forza che attrae è di natura "emotiva" e per fare un'analogia simpatica, si potrebbe dire che, come nel mondo fisico due masse si attirano tra loro grazie alla forza di gravità, così nel mondo astrale due entità si attraggono grazie alla "forza dell'emotività".

A questo riguardo, Monroe riporta parecchie situazioni vissute a livello astrale, dove a causa di desideri o paure inconsce, egli si vedeva involontariamente teletrasportato in posti ignoti, in mezzo a persone sconosciute.

Basta immaginare un luogo dove le distanze non esistono, o comunque possono esser percorse in un attimo; dove gli Esseri che lo popolano possono incontrarsi o scontrarsi senza quasi averne coscienza, come risultato di affinità recondite, paure o desideri morbosi di cui ignorano, essi stessi, l'esistenza.




Potrebbe sembrare un autentico inferno dantesco, dove il dannato è incessantemente sospinto dai propri istinti a commettere sui suoi consimili lo stesso oltraggio che altri commisero su di lui.

In tutti i resoconti delle OBE di Monroe, si riscontra tuttavia l'esistenza di un altro fattore che contrasta i desideri e le paure: è la forza di volontà, che su quel piano si oppone agli istinti e alle paure, alle emozioni e ai desideri, così come succede abitualmente anche nel mondo fisico.

Nella vita quotidiana, il buon intento è continuamente disturbato da impulsi che meccanicamente conducono i pensieri su strade già percorse, verso mete già esplorate e scenari talvolta illusori della mente.

Entrano in gioco, cioè, molteplici cause come educazione, abitudini, esperienze personali, ambiente, credenze religiose ecc. La sinergia di tutti questi elementi, spinge l'individuo di volta in volta, in direzioni diverse e talvolta agli antipodi.

La stessa cosa succede nel mondo astrale, dove però si aggiungono altri aspetti come la mancanza di inibizioni e della pura razionalità.

Quindi, se il mondo astrale è il luogo dove ognuno può essere soltanto se stesso, vale a dire nient'altro che l'insieme dei propri pensieri e delle proprie emozioni senza possibilità di imposture e maschere, allora lì diventa manifesto ciò che sulla terra è invece più astratto e occultabile.

La psiche o l'Anima dell'uomo, comunque la si voglia chiamare, nel mondo astrale è energia concreta, le cui espressioni sono chiaramente visibili.

Tutte le OBE riportate da Monroe, parlano del suo sforzo di concentrazione per recarsi in un dato luogo o da qualcuno in particolare, e di come sia facile perdere l'orientamento e scivolare verso zone ignote.

Infatti, sono molti i casi in cui egli non raggiunge la meta prefissa, trovandosi di conseguenza in situazioni impreviste, davanti a persone sconosciute o non consapevoli, che interagiscono con lui in modo inaspettato e non sempre amichevole.

La dimensione descritta da Monroe, non è quindi solo una meravigliosa esposizione fantastica ed esaltante, ma è costituita anche da quegli aspetti duri, e potenzialmente spaventosi, che spesso caratterizzano la "realtà fisica".

Relazione, adattamento e cura di Sebirblu.it