martedì 30 marzo 2021

Mariofanìe e Rivelazioni private: UN DINIEGO UNICO!

 


Sebirblu, 29 marzo 2021

Questo articolo che mi accingo a terminare è quello che avevo lasciato in sospeso per dare la precedenza alla meravigliosa quanto sconosciuta storia (ved. QUI) delle apparizioni e dei prodigi che la Madonna compì, e ancora compie, a San Damiano Piacentino, tramite la mistica veggente "Mamma Rosa".

C'è un triste filo conduttore che accomuna tra loro quasi tutti gli interventi della Madre Santissima in ogni regione della Terra e, certamente, non dei più edificanti da raccontare.

Concerne la "persecuzione" sistematica, miope ed ottusa di gran parte di quel clero che, invece di affidarsi alla Luce dello Spirito Divino (che "soffia dove vuole"), cercando di interpretare correttamente gli eventi e l'intimo delle persone coinvolte in base ai frutti copiosi di Fede, Speranza e Amore che in diversi luoghi sono scaturiti, continua ad impedire, trattenere e vietare il corso naturale voluto dal Cielo. (Cfr. QUI, il caso di "Natuzza", ma soprattutto di Bergoglio QUI, QUI e QUI).




Mi riferisco ad un numero sempre più grande di mariofanìe le quali, se da un lato richiedono prudenza da parte della Chiesa, dall'altro reclamano un giusto e profondo discernimento dei Ministri preposti alle indagini che, se liberi da pregiudizi, pastoie dottrinali ed eccessiva razionalità, potrebbero sicuramente decidere per il Bene comune e la Volontà di Dio. (Cfr. QUI e QUI, QUI e QUI).

Ho detto "se", ma questo per il momento rimane solo una teoria, visto che nella stragrande maggioranza dei casi la risposta alle molteplici manifestazioni mariane, o celesti in genere, risulta scettica, ostile, o addirittura diabolica.

"Mamma Rosa", riprendendo per un attimo il discorso iniziale, è stata incompresa, contraddetta, calunniata, perseguitata... per aver annunciato la verità (ved. QUI, ed anche QUI) e infine abbandonata all'indifferenza del popolo italiano.

Nulla però in rapporto a quello che è accaduto a Ghiaie di Bonate (Bg): una vera manipolazione maligna, esercitata ad oltranza su una povera bimba di sette anni, che per tutta la vita ha dovuto subire angherie e soprusi di ogni tipo, proprio dalla Chiesa! Ora, a distanza di ben 75 anni sembra ci sia una piccola apertura, ma non di certo inerente al riconoscimento di autenticità delle apparizioni. (Cfr. QUI, QUI e QUI un importantissimo pdf sulle lettere di Adelaide a papa Roncalli).



Adelaide Roncalli (1937 - 2014)


A guidare gli "uomini di Dio" c'è molta "ratio" e poco "ardore", altrimenti lo Spirito Santo o Spirito di Sapienza li assisterebbe nel discernere laddove la manifestazione della Regina degli Angeli è davvero autentica. Ma qualche eccezione rimane, come dimostra questo scritto (QUI) di mons. Andrea Gemma vescovo esorcista scomparso un anno e mezzo fa:

«Grazie alla condiscendenza di carissimi amici, ho avuto la fortuna di recarmi in pellegrinaggio al Tempietto dove, circa 70 anni or sono, la Vergine Santa si è fatta vedere sensibilmente da una fanciulla ‒ Adelaide Roncalli ‒ di appena sette anni presentandosi come "Regina della famiglia".

La cosa sconcertante seguita a quelle apparizioni è il fatto che alcuni ecclesiastici locali si misero in testa allora di stroncare il fenomeno che nel frattempo radunava folle strabocchevoli di devoti.

Da  questo  intento  scaturì  allora  una  autentica  persecuzione  psicologica  e  fisica contro quella innocente creatura la quale ‒ orrore! ‒ fu costretta a rinnegare ciò che continuava a ripetere di aver veduto, cioè la Vergine Santa che le affidava i suoi messaggi.


Adelaide con don Cortesi che la indusse a ritrattare...

La fanciulla fu tenuta a lungo segregata sotto la custodia di religiose diabolicamente conniventi e preoccupate soltanto di eseguire quegli incomprensibili ordini ricevuti.

Spero proprio che quei prelati e quelle suore, almeno prima di presentarsi al giudizio divino abbiano chiesto sinceramente perdono a Dio, prima di tutto, per quella povera bimba e alla comunità dei fedeli, rimasta, com'è avvenuto a me, scandalizzata da un comportamento né cristiano, né umano.

Peccato che questi arcigni inquisitori non abbiano tenuto presente il Principio di Gamaliele* ed hanno potuto pensare di opporsi ad un preciso disegno di Dio del quale la Madonna si fece allora tramite.

* [Il vescovo si riferisce ad Atti 5, 38-39: «Non occupatevi di questi uomini e lasciateli andare. Se infatti questa teoria o questa attività è di origine umana, verrà distrutta; ma se essa viene da Dio, non riuscirete a sconfiggerli; non vi accada di trovarvi a combattere contro Dio!»]


La piccola Adelaide "segregata" dalle suore...

Non sono ben sicuro ma mi pare di aver sentito che sul caso si sia riaperto il dibattito ecclesiale in loco, dando ragione ai fatti e quindi risarcendo anche quella povera anima, a cui anch'io, ministro della stessa Istituzione che così male la trattò, chiedo umilmente perdono invitando alla preghiera per questa Santa Chiesa che talvolta, magari con le più pie intenzioni, continua a calpestare i diritti della verità e dei figli di Dio che la testimoniano.

Mi dicono, infatti, che la veggente non ha mai ribattuto e recriminato contro chi tanto a suo tempo la umiliò e la fece soffrire.

A Ghiaie di Bonate ho pregato per questa Chiesa che amo e che vorrei, come dovrebbe essere, sempre santa e immacolata, tutrice della verità e avvocata dei piccoli e degli umili, non emula degli aguzzini del passato e del presente.

Di certo a quel luogo benedetto ritornerò per respirare quell'aura di sobrietà e di innocenza che 70 anni or sono fu rappresentata da quella bimba privilegiata da Maria come depositaria delle Sue Carezze Celesti.»

Ed ora i due video sulla vicenda (la prima e la seconda parte) e il film "Ghiaie" realizzato da "Fiori di Sambuco". QUIQUI e QUI, i relativi link per visualizzarli sullo smartphone.







Rimanendo in Lombardia, c'è un altro luogo che ricevette l'onore di essere visitato dalla Madre Santissima: Fontanelle di Montichiari in provincia di Brescia. (QUI, il pdf di tutta la storia).

Riccardo Caniato, primo curatore dei "Diari" di Pierina Gilli, la veggente bresciana a cui apparve "Maria Rosa Mistica", rispondendo ad alcune domande postegli da "La Bussola Quotidiana, QUI, disse:

«Le indagini su Pierina Gilli furono affrettate, probabilmente a causa di un certo pregiudizio. Tutte le voci a lei favorevoli furono messe a tacere, per dare spazio solo ai pareri contrari alla sua credibilità e al suo stato di salute mentale.

Inoltre, occorre sottolineare che la Gilli, ai tempi delle indagini, fu intrappolata per quaranta giorni senza contatti con il mondo esterno: non poteva confessarsi, non poteva parlare coi parenti e non poteva ricevere l'Eucaristia.

In uno stato simile, le fu detto che se non avesse abiurato le apparizioni sarebbe stata scomunicata. Non ha mai ritrattato. Senza contare che, in quel periodo, la poveretta soffriva dolori lancinanti nel corpo e subiva assalti diabolici continui, tra i quali i tormenti notturni che non le permettevano mai di riposare».

 

Pierina Gilli  (1911-1991)

Perché tanto accanimento contro di lei?

«Da una parte c'è il fatto che le profezie fatte dalla Madonna si dovevano compiere pienamente, la Vergine infatti l'aveva avvertita che la sua missione le sarebbe costata grandissime sofferenze, tra cui calunnie, umiliazioni e il fatto stesso di non essere creduta da molti anche all'interno della Chiesa; dall'altra, penso riguardi il contenuto dei messaggi che non erano affatto ‒ diremmo oggi ‒ "politicamente corretti".»

In che senso? Cosa disse la Madonna a Pierina?

«Le apparve presentandosi come "Maria, Rosa Mistica e Madre della Chiesa", mostrandosi in vesti candide con tre rose sul petto.  Fu  Lei stessa  a spiegare  il senso di tali rose: erano le preghiere, le penitenze e i sacrifici richiesti alla veggente e a chiunque avesse creduto a questa Sua venuta, per riparare i torti di tre specifiche categorie del clero:

1) I consacrati che vengono meno alla loro vocazione.

2) Quelli tra loro che vivono in peccato mortale.

3) I sacerdoti che tradiscono Gesù, come ha fatto Giuda.

Chiaramente per la Chiesa di allora, con i seminari ancora pieni, era impensabile un richiamo tanto esplicito e drammatico circa le proprie mancanze e negligenze.

In poche parole, nell'immediato dopoguerra, la Madonna paventava una grande crisi di fede che avrebbe colpito il cuore della Casa di Dio nei suoi figli prediletti, il corpo ecclesiale, perciò richiamava con forza ad una nuova conversione di fronte al dilagare dell'indifferenza e delle gravi nefandezze.

Ebbene se, al tempo, poteva sembrare la follia di una sedicente veggente, oggi tutti possono riconoscere che in esse c'era una profezia».




Scendendo lungo lo stivale, le pluri-comparse e le lacrimazioni ematiche della Madonnina di Pantano a Civitavecchia, sebbene fossero scaturite anche in presenza di un vescovo ‒ mons. Girolamo Grillo ‒ e sostenute da Giovanni Paolo II, non ebbero alcun riconoscimento ufficiale perché solo per un soffio non venne raggiunta la maggioranza richiesta... Ah, questi protocolli che offuscano il cuore e il Vero!

Quante intromissioni indebite ebbe questo evento dalla Magistratura! E quante calunnie e diffidenze subì la famiglia Gregori! (ved. QUI e QUI, l'evolversi di questa storia e i tre video: il primo sull'intervista fatta a papà Fabio, il secondo con il Vescovo in uno dei suoi ultimi interventi e il terzo è il servizio de "La Storia siamo noi" sul tema. Rispettivamente QUIQUI e QUI per gli smartphone).








Sempre sulla medesima scia, caratterizzata da calunnie, incomprensioni, patimenti, ma anche da tante consolazioni dall'Alto, si incamminò Bruno Cornacchiola, la cui autobiografia consiglio vivamente di leggere QUI, anche se corposa.

Leggendola, nessuno dovrebbe più sentirsi rifiutato dal Cielo per i propri errori passati e i trascorsi a volte inenarrabili, perché la sublime Bontà di Dio si manifesta proprio quando i casi sono disperati e meno si aspetta l'aiuto.

Il 12 aprile 1947,  a Roma,  in località "Tre Fontane", apparve a quest'uomo e ai suoi tre bambini la "Vergine della Rivelazione" i cui messaggi e profezie sono davvero impressionanti per l'esattezza con le quali si sono e si stanno compiendo.

Ma la cosa più importante, e chi leggerà la storia ne converrà, resta lo straordinario cambiamento di Bruno che, dall'abisso più fosco nel quale sin dalla nascita si trovava, fu innalzato alle vette della spiritualità più santa e paziente, sotto la protezione della Madre Santissima.

Ecco  due video,  l'uno è  un breve sunto  della storia  con la testimonianza  dei suoi figli Isola e Carlo, l'altro è un reportage completo, arricchito di riferimenti storici col commento di Saverio Gaeta.  Per la visione sugli smartphone cliccare QUI e QUI.





Il Sud d'Italia è caratterizzato da diverse mariofanìe, ma quella che si distingue particolarmente per la persecuzione più dura, prolungata e distruttiva nei confronti della veggente è avvenuta a Manduria in provincia di Taranto.

Debora Moscongiuri, classe 1973, sin dalla più tenera infanzia conobbe la sofferenza più acuta; la sua consolazione era solo la nonna materna legata molto a Padre Pio, ma all'età di dodici anni il suo unico e caro "sostegno" andò in "cielo" e la sua vita cambiò totalmente... pian piano il mondo la assorbì e divenne atea, ma... una Voce maschile un giorno, mentre in compagnia del fidanzato andava a fare la spesa, le accarezzò il cuore sussurandole dolcemente all'orecchio:

«Figlia, guarda l'orizzonte e vedrai che la tua strada non è questa, ma un'altra».

Arrivata l'estate con i suoi allettamenti, la cosa si ripeté, proprio nel momento in cui gioiosamente dava il suo assenso per una serata in discoteca...

«Figlia, cammina nella Mia Parola e Io ti condurrò pian piano là dove esiste il giusto Padre».

Da allora molte cose sarebbero accadute ribaltando completamente la sua vita e proiettandola, al suo "SÌ", nei piani più alti dello Spirito, fino al punto di accettare la compartecipazione al dolore delle piaghe del Cristo e della Sua Passione.

"La Vergine dell'Eucaristia" le appariva e la guidava indicandole la via del 'Servizio' da compiere per le anime assetate di Bene ma... ovviamente interrotta, contrastata e persino percossa dal Maligno che non le lasciava tregua. (La sua storia completa e le relative testimonianze sono QUI e QUI).


"La Vergine dell'Eucaristia"

L'accanimento della Curia nel perseguirla di continuo ha pochi eguali: Manduria è stata addirittura descritta come l'anticamera di una ipotetica e fantasiosa opera del Male. Le apparizioni mariane combattute con mille artifici e iscritte non solo in quelle non riconosciute, ma addirittura bollate come false e demoniache!

Questo costituisce un grosso problema per la Chiesa, poiché quando una certa gerarchia si oppone fortemente e non studia i fatti, i benefici, le grazie, le conversioni e tutti gli scritti che per lungo tempo sono stati donati e documentati mediante il servizio del carisma profetico, si verifica un grave danno per tutti... e tutti perdono! Nostro Signore infatti insegnava che "dal frutto si riconosce l'albero"!

A mio parere, questa immensa e spropositata persecuzione nei confronti di Debora è la conseguenza del suo spirito libero, che mai si è piegato a compromessi o a ipocrisie tipiche del mondo ecclesiale, avendo tenuto sempre alto il suo pensiero molto critico e ribelle nel denunciare il Vero e la condizione di sudditanza totale all'Élite in cui si trova la "Falsa Chiesa" attualmente.

D'altronde, gli innumerevoli messaggi ricevuti, spesso anche dalla Viva Voce della Vergine o di Suo Figlio Gesù, non fanno altro che ripetere ciò che in questi otto anni di pontificato disastroso è accaduto e continuerà ad accadere, secondo le profezie di santi e mistici di ieri e di oggi in ogni punto del pianeta.


"Il Re della Rivelazione" 

Il 2 settembre 2004 Gesù le disse:

«Ti ho detto che saresti stata perseguitata ed estromessa dai farisei dei tuoi tempi, che rifiutano il mio dolore anche se lo predicano con la bocca. Quando sorge una mia voce tra il popolo ecco che si generano i nuovi tribunali.

Negano i frutti dello Spirito e scacciandovi, deridendovi, gettano voi in una grande sofferenza animica... ma essi odiano Me anche se fanno di voi l'oggetto della loro furia. Non solo cattivi pastori ma anche cattivi laici vi impongono una dura croce nel definirvi eretici.

Quanta angustia causano al mio Cuore i mancanti di pietà, di carità, feroci con le coscienze altrui e vigliacchi con le proprie. Voi parlate con parole di vita, le anime si risvegliano, il nuovo tempo avanza, ma l'esilio dei miei figli devoti mantiene la sua amplificazione.

È il Male di ogni era quello di non voler vedere ciò che è buono! La tribolazione in cui vi pongono è figlia del loro ottuso razionalismo che scatena invidia e calunnia... poi giudizio e durezza.»

I filmati che seguono mostrano: il primo, un documentario sugli eventi di Manduria e il secondo riporta i messaggi ricevuti da Debora che si possono visualizzare sugli smartphone cliccando QUI e QUI.





Anche le visioni celesti avute da Giuseppe Auricchia ad Avola in Sicilia (ved. QUI) sono state osteggiate clamorosamente! Forse, perché tutto quello che ha rivelato nelle sue incredibili profezie sulla Chiesa, sulle dimissioni forzate di papa Ratzinger e molto altro ancora si sono tutte avverate?

Altro esempio di "non constat",  perciò di non accoglimento,  riguarda le apparizioni di Amsterdam a Ida Peerdeman, mai accolte dalla Santa Sede, sebbene la "Signora di tutti i Popoli" sia venerata come Mediatrice e Corredentrice da migliaia di fedeli nell'intero pianeta.

E proprio dallo pseudo-papa (cosa che avvalora ancor più la validità di queste visioni) è giunta la "precisazione" che Maria sarebbe solo una semplice discepola (sic!) nonché meticcia... e sicuramente non Corredentrice... (Ved. QUI).

E pensare che in quel luogo la Madonna rivelò alla veggente che il piano di Salvezza preparato da Dio per il mondo si sarebbe realizzato per Suo tramite. La Signora le diede un'immagine ormai famosa ed una preghiera ben mirata a beneficio dei defunti in sofferenza, come ho spiegato nel mio articolo QUI, annunciandole l'imminente "Illuminazione delle coscienze" e tantissime profezie.

Aggiungo alla serie di "mancate risposte" da parte della Chiesa i fatti di Dozulé in Francia (ved. QUI) per cui Gesù, apparendo in luoghi e tempi diversi a ben tre mistiche: Madeleine Aumont, JNSR e Conchiglia, ha voluto parlare dell'importanza vitale per l'umanità di erigere un'enorme croce bianco-azzurra, innanzitutto a Roma, e poi in varie parti del globo, a baluardo e sostegno dei cristiani. Inutile dire che il desiderio di Nostro Signore NON è stato esaudito.

Ecco il video esplicativo sulla Croce Gloriosa di Dozulé.  QUI per gli smartphone.



Medesima sorte hanno avuto le visioni delle quattro veggenti di Garabandal (Spagna) che finora non sono state riconosciute malgrado le prove eclatanti e soprannaturali realizzatesi tramite loro, soprattutto sulla profezia dell'Avvertimento: ved. QUI, ma anche QUI e QUI

Ora, di seguito, il film: "Garabandal: solo Dio lo sa", di cui non avevo conoscenza. Penso proprio che valga la pena di essere visto. Per gli smartphone, cliccare QUI.



Concludo questa piccola parata di eventi meravigliosi, osservando che Esseri ben più conosciuti, come Padre Pio (ved. QUI), suor Faustina Kowalska, K. Emmerick, M. Valtorta, L. Piccarreta, don S. Gobbi e... e... e... hanno subìto di tutto pur di aderire al Piano Divino e farsi annunciatori di Verità per il genere umano! 

In questo modo diventano vive le parole di Gesù:

«Se il mondo vi odia, sappiate che prima di voi ha odiato Me. Se foste del mondo, il mondo amerebbe ciò che è suo; poiché invece non siete del mondo, ma vi ho scelti Io dal mondo, per questo il mondo vi odia.

Ricordatevi della parola che Io vi ho detto: "Un servo non è più grande del suo padrone". Se hanno perseguitato Me, perseguiteranno anche voi; se hanno osservato la Mia parola, osserveranno anche la vostra. Ma faranno a voi tutto questo a causa del Mio nome, perché non conoscono Colui che Mi ha mandato». (Gv. 15, 18-21).

Relazione e cura di Sebirblu.blogspot.it


sabato 27 marzo 2021

DOZULÉ! 3 Voci, 1 Filo: M. AUMONT•JNSR•CONCHIGLIA


La Croce sulla collina Haute Butte di Dozulé in Normandia (Francia)

Sebirblu 27 marzo 2021

Il 28 marzo ricorre il 49° anniversario di Dozulé, luogo delle Apparizioni di Gesù a Madeleine Aumont, una mistica francese scomparsa il 27 gennaio del 2016 a 91 anni di età. Il numero "49" non è un "caso", visto che anche i dettati ricevuti dalla veggente rientrano nella stessa cifra... ma ne parlerò più avanti, quando completerò le mie ricerche in modo più approfondito.

Quello che molti non sanno è che tali apparizioni sono legate ad altre due donne i cui messaggi, come quelli di Madeleine d'altronde, hanno fatto il giro del mondo e sono tuttora letti da moltissimi fedeli e ricercatori spirituali sparsi ovunque sul pianeta: esse sono "JNSR" ("Je ne suis rien" = "Io non sono nulla") e "Conchiglia" che citerò solo col nome, per la perentoria ingiunzione, inoltrata a tutti sul web, dal Movimento d'Amore San Juan Diego, col proposito di eliminarne gli scritti e le rivelazioni, che ho regolarmente tolto.

Sulla vicenda però, nessun disappunto, perché nel frattempo ho scoperto che questo articolo completo, come era all'inizio e che adesso ripropongo, è stato da qualcuno provvidenzialmente pubblicato in "Archivi" QUI, e dunque messo a disposizione di chiunque voglia completarne la lettura, al fine di poter valutare meglio l'incredibile triplice richiesta di Nostro Signore a ben tre mistiche che non si conoscevano fra loro.

La storia ebbe inizio a Dozulé, un grosso borgo della Normandia, in Francia, situato a circa 25 km da Lisieux. 

Gli avvenimenti straordinari si verificarono tra il 1972 e il 1978, quando Gesù apparendo a Maddalena Aumont, moglie di un operaio e madre di cinque figli, le dettò una serie di messaggi (49 per l'esattezza) colmi di insegnamenti e di avvisi per l'Umanità intera. (QUI, la relazione completa).

Tali comunicati erano prevalentemente in latino, linguaggio che Maddalena non conosceva, e dunque rivolti in modo particolare alla Chiesa, alla quale il Cristo rivolse la richiesta di erigere su quel luogo, la collina denominata Haute Butte, una enorme croce luminosa accompagnata dalle parole "Ecce crucem Domini".

La Croce Gloriosa, che fu vista per ben 6 volte dalla veggente svettare luminosissima, avrebbe dovuto essere alta 738 metri con bracci di m 123, dimensione pari all'altezza del monte Golgota, per rappresentare così Gerusalemme; ma la Chiesa (come troppe volte è successo in passato e nel presente) non ha mai accolto il comando del Signore, almeno fino ad oggi.




I messaggi che il Cristo desidera vengano conosciuti dal mondo intero, riguardano gli ultimi tempi:

‒ L'imminenza della Grande Tribolazione: "Non lamentatevi del cataclisma generale di questa generazione, perché tutto questo deve accadere... deve compiersi il tempo delle nazioni." (11ª apparizione).

"Vivete il tempo del supremo sforzo del Male contro il Cristo... Gog e Magog, il loro numero è incalcolabile." (12ª app.)

"Dite alla Chiesa che rinnovi il suo messaggio di Pace al mondo intero, perché l'ora è grave. Satana dirige il mondo, seduce gli Spiriti, li rende capaci di distruggere il genere umano in pochi minuti. Se lo stesso non vi si oppone, lascerò fare e sarà la catastrofe, talmente grande che non ne è esistita un'altra, così, dal tempo del diluvio." (14ª app.)

"È arrivato il tempo di pentirsi, perché è prossimo un cambiamento universale che non è mai avvenuto sin dal principio del mondo e non ve ne sarà più uno eguale... Allora, in quel momento tutte le nazioni della terra si lamenteranno ed è presso questa Croce che troveranno Pace e Gioia." (21ª app.)

"Vivete il tempo in cui vi dicevo: ci saranno su questa Terra sconvolgimenti di ogni genere. È l'iniquità la causa della miseria e della carestia. Le nazioni saranno nell'angoscia per i fenomeni e i segni nel cielo e sulla terra. Tenetevi pronti perché la Grande Tribolazione è vicina e tale che non ce n'è stata mai una simile dall'inizio della storia e non ce ne sarà più." (33° messaggio).

‒ Il verificarsi di una siccità mondiale: "Una siccità grandiosa si abbatterà sul mondo intero... "Quando questa sciagura affliggerà il pianeta, solo la Vasca che Dio ha fatto scavare, conterrà dell'acqua, non per essere bevuta, ma per detergervi come atto di Purificazione." (17° mess.)


Vasca della Purificazione che il Cristo ha chiesto di scavare a 100 metri dal luogo delle Croce.

‒ La grande Evangelizzazione: "Dopo l 'Evangelizzazione planetaria, allora ritornerò nella Gloria." (11° mess.)

‒ L'apparizione nel cielo del Segno del Figlio dell'Uomo, che sarà visto da tutti e che fermerà miracolosamente la follia umana: "Se l'uomo non erige la Croce, la farò apparire IO, ma non vi sarà più tempo." (20ª app.)

"È venuto il momento di resuscitare gli Spiriti..." (31ª app.)

"Ecco che si eleva nel cielo il Segno del Figlio dell'Uomo che Madeleine ha visto brillare da Oriente a Occidente, ed è per questa Croce innalzata sul mondo che le nazioni saranno salvate." (33° mess.)

"L'Umanità non troverà la Pace finché non conoscerà il Mio Messaggio e non lo metterà in pratica." (36ª app.)

‒ Il prossimo Ritorno di Gesù nella Gloria: "La Croce Gloriosa o il Segno del Figlio dell'Uomo è l'annuncio del prossimo Ritorno nella Gloria di Gesù Risorto. Quando questa Croce sarà elevata da terra, Io attirerò tutti a Me." (16ª app.)

''Sarà l'ultimo Anno Santo...'' (17ª app.)

"Dopo questi giorni di angoscia, allora apparirà nel cielo il Figlio dell'Uomo, proprio Lui, con grande Maestà e Potenza, per riunire gli eletti dai quattro angoli della terra..." (21° mess.)

‒ Il Giudizio di Dio e la Nuova Gerusalemme: "Il libro che IO tengo tra le mani è il Libro della Vita. Mio Padre sta per darMi il potere di aprirlo ed è su questa montagna benedetta e sacra, luogo che Egli ha scelto, che sta per rinnovarsi ogni cosa... È qui che voi vedrete la Città Santa, la Nuova Gerusalemme. Ed ecco che apparirà la dimora di Dio tra voi..." (48° mess.)

"Quando questa Croce sarà elevata da terra, in quel momento IO rivelerò alle Chiese i misteri che sono scritti nel Libro della Vita che è appena stato aperto... (49° mess.)

‒ Il Nuovo Regno, dove finalmente non ci saranno che pace e gioia.


La mistica Madeleine Aumont (1924-2016)

Poi Gesù ha dettato una novena e una preghiera, da recitare per mezzo del Rosario, e ha fatto queste Promesse:

"Tutti quelli che saranno venuti a pentirsi ai piedi della Croce Gloriosa saranno salvi." (14°mess.).

"La Croce Gloriosa rimetterà ogni peccato." (15ª app.)

"Tutti coloro che, pieni di fiducia, saranno venuti a pentirsi, saranno salvati in questa vita e per l'eternità. Su loro Satana non avrà più potere alcuno." (17° mess.)

"Ogni focolare che dirà questa preghiera (QUI) con grande fiducia sarà protetto da ogni cataclisma. Il Signore verserà nei loro cuori la Sua misericordia." (28° mess.)

"Vos Amici mei estis, si feceritis quae Ego preacipio vobis..." ( Siete Miei amici, se farete ciò che IO vi comando). I giorni saranno abbreviati a causa degli eletti, ma guai a quelli che non eseguono la Parola di Dio." (10° mess.)

Come si legge, l'annuncio cristico più importante, per mezzo della Croce Gloriosa, è quello della Sua imminente Venuta e l'urgenza per tutta l'Umanità di prepararvisi convenientemente.

Tra l'altro, è doveroso aggiungere che il messaggio di Dozulé è indirizzato ad ogni uomo di qualsiasi religione, razza o condizione sociale.





E dal momento che la richiesta del Signore presentata a Madeleine Aumont non è stata ascoltata, il Cristo si è rivolto ad un'altra mistica francese (Fernande Navarro), nominandola appunto JNSR, come suddetto, affinché si innalzino in tutto il mondo delle croci di m 7,38 per m 1,23  perfettamente in scala con la prima che avrebbe dovuto essere eretta,  in onore di Sua Madre,  la Vergine Maria:

«Dio non vi chiede mai l'impossibile e in tutto ciò che farete per Me, troverete la ricompensa nell'atto stesso in cui lo compirete per la Mia Gloria. Io sono con voi in tutto ciò che farete, affinché regni la Mia Santa Croce sul Mondo intero, perché è con Essa che annuncio la Mia Venuta nella Gloria.

Noi vinceremo con la Mia Croce. Deve essere come un'eco che si ripete all'infinito, rimbalzando di monte in monte. Migliaia di voci, migliaia di Croci che si innalzeranno sul mondo intero: la Croce mette in fuga il Male...

Si, avete capito giusto: è per mostrare ai popoli che devono vivere all'ombra della Mia Croce, e per tale motivo esse devono essere luminose; saranno tantissime come stelle della Terra, accese grazie all'uomo che ha obbedito alla Volontà di Dio, stelle accese per Maria, la Stella del mare, la Stella di Sion, la Stella delle Nazioni, che profumerà la terra asfissiata dall'odore nauseabondo del peccato...

Dio Vuole salvarvi. Viene a salvarvi... Attraverso l'uomo Voglio accendere un campo di stelle sulla Terra; Voglio che egli vi partecipi... in onore della Mia Santissima Madre desidero due colori ‒ bianco e azzurro ‒ perché Ella era sul Golgota ai piedi della Croce, dinnanzi al Crocifisso d'Amore.

È la Rosa bianca di purezza che ha in Sé la Fede, la Speranza, la Carità. Ha riempito il suo velo, azzurro come il cielo, di tutte le Sue Grazie: ad ogni Croce lo dispiegherà ai Suoi Figli per distribuirle.

Le Croci che edificherete avranno dimensioni rappresentative di quella Gloriosa di Dozulé che ho chiesto alla Chiesa, perché essa è l'unica che deve renderMi questa Gloria.

Voi le costruirete in scala 1:100 su alture di media altezza, perché la Mia Croce di 738 metri deve dominare su tutte le altre essendo la stessa il Gesù Risorto. Io vedrò queste Croci innalzarsi, come voci che Mi chiamano, e gli uomini andranno a pregarvi affinché Dio ritorni presto.

Ve l'ho detto: è con la Mia Croce e con il Rosario della Mia Santa Madre che vinceremo il Mondo e il tempo. Migliaia di Croci, migliaia di Rosari... è la Luce che guida il non credente...» (JNSR, mess. del 16 luglio 1996).

"Ogni Croce sarà eretta come una sentinella che veglia su di voi, perché la città dove sarà innalzata sarà sotto la Mia protezione. I bracci disposti da Est ad Ovest vi stringeranno nella Mia Misericordia.

Le Mie Croci si opporranno al Male... sono il Baluardo contro il Male. Esse saranno le porte che chiuderanno le vostre città, le vostre campagne, proteggendovi così dalla tempesta che infierirà al di fuori...» (JNSR, mess. del 28 agosto 1996).


Copyright  Conchiglia.net - Dozule.org 

E  la  risposta è arrivata,  come da immagine,  ma  non  ancora sufficiente  per  poter dire che la grande maggioranza dei popoli abbia preso coscienza dell'importanza di un simile ordinamento divino, atto a perdonare le colpe e gli errori dei singoli e a mettere nelle giuste condizioni chiunque voglia essere liberato dalla nauseabonda fanghiglia  che  sta  sommergendo  la  cristianità  planetaria.

Poi Gesù, ancora una volta, ha coinvolto la terza veggente - "Conchiglia" - dal cui Movimento d'Amore San Juan Diego, come suddetto, ho ricevuto l'ordine tassativo di cancellare i messaggi, benché convalidanti quanto rivelato dal Cielo alle altre due mistiche. Ripropongo QUI, il link suesposto per continuare la lettura.

Per questo motivo devo terminare anzitempo questo articolo, tarpato pesantemente nei suoi contenuti, ma augurando a tutti di tenere accesa la fiamma della Fede per non fare la fine delle "Vergini stolte" descritte nel Vangelo poiché non avevano più olio nelle lampade.

Concludo con una nota. Ricordando il giorno che si celebra domani sull'ingresso trionfale di Nostro Signore a Gerusalemme, invito a leggere QUI. 


"Le vergini stolte" (Mt. 25, 1-13)  di Walter Rane

Relazione, adattamento e cura: Sebirblu.blogspot.it

Fonti: www.dozule.org
     "   : www.ressource.fr

martedì 23 marzo 2021

Dei 3 Arrivi Divini (Parusìe) il 2° è alle Porte!




Sebirblu, 23 marzo 2021

Pochi teologi hanno saputo finora approfondire i sacri testi biblici che parlano della Parusìa*  intermedia  indicante  la  "Venuta – o Presenza di Gesù – in questo mondo".

*Questo termine è di origine greca. Il suo significato etimologico è: "Arrivo provvidenziale di un personaggio potente, che tramite la sua presenza salva delle persone cadute in disgrazia (e incapaci di rialzarsi da sole).

La maggioranza dei moderni studiosi di teologia non si interessa dei messaggi che il Cielo manda alla Terra tramite molti mistici dei nostri tempi, spesso dotati di carismi straordinari.

In mancanza di questo aiuto, essi finiscono per compiere lo stesso errore dei "capi" del Sinedrio alla prima Venuta di Gesù. Lo hanno respinto, e non hanno voluto cambiare pensiero a favore di un'interpretazione più elevata delle antiche Scritture.

Questa visione materialistica li ha resi schiavi allora − ed altrettanto li rende oggi − di un'utopia letale, quella che li spinge a concepire il "Regno di Israele" (che attende ancora il suo Messia; ved. QUI e QUI) come un Governo mondiale fatto di potere politico. (Ved. QUI e QUI).

Il prof. Johannes De Parvulis, del quale ho pubblicato gli scritti in alcuni post, come QUI, si è occupato in modo ampio della Parusìa intermedia e del Millennio Felice* (ved. QUI) menzionato in Apoc. 20:1-6.

*Tale Millennio, per precisione, non c'entra nulla con il "Millenarismo" condannato dalla Chiesa sotto vari aspetti: origeniano, cerintiano, agostiniano. Cfr. QUI ‒ pag. 17  par. 3

Per questo motivo, ho deciso di riportare un brano tratto da un suo ispirato lavoro (QUI) riguardante proprio il tema dell'imminente "Ritorno del Signore" in questi tempi oscuri e travagliati.




Le Tre Parusìe del Cristo 

Secondo molti profeti cristiani contemporanei, la Trinità divina ha stabilito che Dio-Figlio si presentasse all'Umanità in tre riprese:

La prima come REDENTOREla seconda come REla terza come GIUDICE.

Ciò significa che il numero delle Parusìe non è di due, bensì di tre. Parecchi studiosi rigettano questa rivelazione.

Parlano regolarmente della sua prima venuta, quella della Redenzione, e della sua ultima, quella della Fine del Mondo, ma ignorano volontariamente quello che da qualche anno i mistici rivelano al mondo circa il numero totale delle Venute del Signore.

Il grafico che segue permette di identificare rapidamente e facilmente il posto dei tre "Arrivi" nell'arco della "Settimana universale". La "Parusia intermedia" (quella che coincide con l'inaugurazione del Regno messianico) si presenta agli inizi del settimo millennio.




I nuovi profeti affermano che due mila anni fa la prima Parusìa segnò la fine dell'Era di Giustizia e l'inizio dell'Era di Misericordia, che la seconda, imminente, segnerà la fine dell'Era di Misericordia e l'inizio dell'Era di Santificazione. La terza, che è prevista tra mille anni, segnerà la fine dell'Era di Santificazione (con la "Fine del mondo").

Lo schema mostra il punto esatto in cui si posiziona la "Parusìa intermedia" nel computo dei 7 millenni o "Settimana universale" con le suddette caratteristiche. Essa (situata tra il 6° ed il 7° millenario) fa da ponte tra l'Era di Misericordia e l'Era di Santificazione. (Cfr. anche QUI; ndr).




Questo dimostra che il "Piano per l'Umanità" (e nulla è più ovvio) fu concepito da Dio in modo trinitario. Ecco, a convalida, un passo profetico presente nel "Libro azzurro" (QUI, scaricabile) di don Stefano Gobbi:

«La seconda comparsa di Gesù, il Suo Ritorno nella gloria, sarà prima della Sua ultima apparizione per il Giudizio finale, la cui ora è invece ancora nascosta nei segreti del Padre.*

Assomiglierà alla Sua prima venuta, la notte di Natale, [nel senso che] il mondo si troverà tutto avvolto nella tenebra della negazione di Dio, e quasi nessuno sarà pronto ad accoglierlo. [...]

Verrà all'improvviso, quando gli uomini non si aspetteranno il Suo Ritorno. Verrà per un giudizio che troverà l'uomo impreparato. Verrà per instaurare nel mondo il Suo Regno dopo aver sconfitto ed annientato i Suoi nemici. Anche in questa seconda venuta, il Figlio verrà a voi attraverso Sua Madre.» (24 dicembre 1978).

*Nel Vangelo troviamo scritto che "il momento esatto della Fine del mondo è conosciuto solo da Dio Padre".  E il Figlio?  E lo Spirito Santo?  Non sono essi nell'unità perfetta delle tre Persone? Come mai le tre Persone Trinitarie non si scambiano all'istante tutte le Conoscenze?

La risposta che intravvedo è questa: Alcune conoscenze appartengono a Dio Padre in maniera esclusiva, e questo è voluto non solo dal Padre, ma anche dal Figlio e dallo Spirito Santo.

Tutto ciò che la Persona del Padre  preferisce  riservare  in maniera  esclusiva a Se stessa non è affatto richiesta dalle altre due Persone trinitarie, che accettano questa situazione coscienti del fatto che... va bene così (finché il Padre non decide Lui stesso di condividere).

Il Ritorno di Cristo, ormai prossimo, non merita forse una preparazione? Ebbene, il vantaggio di conoscere i diversi aspetti della "Parusìa intermedia" è quello di dare ad ognuno di noi la possibilità di arrivarci in modo adeguato.

(Attenzione,  però,  a non essere ingannati dal "Blue Beam Project"  QUI e QUI).




Il contesto in cui oggi viviamo mi fa pensare ai contadini che in passato raccoglievano il grano manualmente. Alla raccolta seguiva un grande e impegnativo lavoro, quello della battitura. Tale lavoro veniva eseguito nel cortile della fattoria con l'ausilio dei flagelli.

L'uso di questi aveva per scopo di separare il grano dalla paglia, perché la vera ricchezza non è la paglia, ma il grano.

Purificarlo tramite i flagelli significava batterlo per mezzo di essi. I colpi servivano a separarlo dalla paglia e dalla pula (che altrimenti lo avrebbero reso indigesto).

L'esempio della battitura ci fa capire il significato delle purificazioni apocalittiche. Quale senso hanno i flagelli che oggi si abbattono sull'Umanità? Non hanno forse lo scopo di separare la paglia dal buon grano? Certo! Il fatto mi sembra evidente.

Un'altra cosa risulta per me chiara. Il "granaio" rappresenta il Paradiso: Dio vuole riempirlo di grano buono... "Come in Cielo, così in Terra..."




Per colmare il "vuoto dogmatico" sulla "Parusìa intermedia" il Cielo è intervenuto con molti messaggi. Fra i più interessanti ci sono quelli dell'«ODS».* 

*ODS: "Opera della Divina Sapienza". Titolo completo: "Opera della Divina Sapienza per gli eletti degli Ultimi tempi". La persona che ha ricevuto questi messaggi è una madre di famiglia che abita nella regione di Montecassino (Italia). Ha scelto l'anonimato per ragioni personali. I messaggi che il Cielo le ha affidato sono diffusi in lingua italiana via Internet: www.sapienzaweisheit.com.

Ecco, a seguire, cinque estratti tra quelli che più meritano d'essere conosciuti:

1) – Nel primo di questi, Gesù ripete che il piano concepito da Dio in nostro favore si svolge in tre periodi. Egli dice:

– «Amata sposa [...] Il mio progetto d'Amore per l'Umanità si svolge in tre fasi: la Mia prima Venuta sulla Terra è stata per redimere le anime, la seconda (prossima) è per restaurare tutte le cose*, la terza sarà per concludere la storia umana che avverrà con il Giudizio universale.» (12 agosto 2000).

*Questo rinnovamento coincide con la "Restaurazione di tutte le cose" di cui parla S. Pietro in Atti 3, 20-21.

2) – Il secondo comunicato contiene alcune parole che Gesù rivolge a Sua Madre. La messaggera umana ci informa che nel parlarLe, Gesù si esprime così:

– «Rallégrati, Madre santissima: [...] Il mistero nascosto da secoli e millenni ora viene palesato, e tutti ne conosceranno l'essenza. La Mia prima Venuta sulla Terra è stata l'Inizio, la seconda sarà la Continuazione, la terza la Conclusione.» (27 maggio 2000).

3) – Nel terzo messaggio, Gesù parla della sua "Venuta intermedia" presentandola come imminente, e invitando i suoi seguaci a prepararsi per questo grandioso evento. Egli dice:

– «Oggi, amata sposa, sono in parecchi a scrutare nelle Scritture per capire il senso del tempo attuale. Molti di costoro non intendono quello che più volte annuncio palesemente, che cioè tornerò. Tornerò non solo nell'ultima Venuta finale, ma in una seconda, intermedia, che la precederà.

I Miei amati piccoli che hanno il loro cuore nel Mio Cuore e palpitano del Mio stesso Amore, mi attendono perché hanno compreso tutto alla Mia Luce. Si preparano di giorno in giorno con l'adorazione continua, con una dedizione completa.

I razionalisti, senza la Mia Luce ma solo con la propria, non mi attendono, non si preparano. Ripetono : "Non si parla mai nelle Scritture di una Venuta intermedia". Essi non saranno pronti al Mio Ritorno, e non potrò dare loro i doni sublimi che ho preparato per chi si è lasciato avvolgere dalla Mia Luce e ha cercato tutto da Me.» (28 maggio, 2000).




4) – Nel quarto messaggio, Gesù spiega la differenza che esiste tra la "Fine dei tempi" e la "Fine del mondo", dicendo:

– «Questa fine prossima [...] non sarà ancora la "Fine del mondo", ma la "Fine dei tempi", quella di un sistema vecchio. Non sarà la conclusione della storia ma di una sua fase lunga e dolorosa, che ha visto l'uomo ribellarsi a Dio come mai prima. [...]

Come quando vedete sull'albero crescere le nuove gemme e dite "Ecco, è giunto il tempo nuovo", così, vedendo i germi della Nuova Terra, siate pieni di viva speranza. Anche se ogni rinnovamento è preceduto da un po' di disordine, poi vedrete compiute le meraviglie del Mio Amore.» (20 giugno, 2000).

5) ‒ Nel quinto (ed ultimo) di questi messaggi, Gesù ci avverte in anticipo che il giorno in cui Dio interverrà per purificare la Terra "la grande clessidra della storia sarà capovolta..." :

– «Sposa amata, ancora una volta, la finale, chiamerò a Me con voce possente l'intero genere umano. Tutto il mondo sentirà e capirà. Voglio che anche gli estremi confini della Terra sentano il Mio richiamo d'Amore.

Questa sarà l'ultima fase, la più grande e decisiva. Anche i sopiti, i superficiali, i distratti sentiranno la potenza del Mio richiamo. Nessuno potrà dire: "Nulla ho compreso perché nulla ho udito".

Sentirai, amata sposa, che tremendo rimbombo! Pensa ad un forte tuono che all'improvviso scuota cielo e terra e desti le popolazioni intere. Ognuno si affaccia alla finestra. Tutti accorrono sui balconi. Il cuore trema.

Ecco, voglio che il Risveglio sia generale, e che tutti capiscano quanto ciò che avviene non sia opera d'uomo ma di Dio offeso e dimenticato, Dio Creatore di Tutto, Dio Salvatore di ogni uomo, Dio Spirito d'Amore che non vuole perduta una sola anima. [...]

Amata, ripeti alle creature che seguono il cammino di Luce che possono donare ancora molto ai fratelli giacenti nel Buio, fino al momento del mio "Basta".

Allora ogni cosa si fermerà. La grande clessidra della storia sarà capovolta e farà scendere il suo primo nuovo granello. Del passato nulla resterà, nulla si ricorderà, perché "Io avrò fatto nuove tutte le cose".» (25 maggio, 2000).




Conclusione

Il Ritorno del Signore,  nell'attuale momento storico  in cui tutto sembra precipitare in un abisso senza fondo, è di una necessità estrema per instaurare il "Suo Regno"! D'altronde, le anime di buona volontà non l'attendono forse da secoli con la recita del "Padre nostro"?

Relazione, adattamento e cura di Sebirblu.blogspot.it

Fonte: parvulis.com