mercoledì 30 ottobre 2019

"PATTO" segreto 2: la CHIESA muta CRISTO con MARX!



Ecco il doppio volto della Chiesa di Cristo. Ved.
QUI.

Sebirblu, 28 ottobre 2019

Ciò che è emerso dal Sinodo sull'Amazzonia è stato principalmente il suo lato oscuro, non soltanto per la venerazione profanatoria e blasfema degli idoli e i simboli tribali esposti, che nulla hanno a che vedere con il cristianesimo, ma soprattutto per il "Patto delle Catacombe", un evento passato quasi inosservato, che ha contribuito profondamente a definire il volto della Chiesa post-conciliare.

La concezione di questo accordo si dipana in un periodo molto lungo, almeno anteriore allo stesso Concilio, quando la visione di una Chiesa povera germinava già nello spirito di Giovanni XXIII.

In un messaggio radiofonico diffuso l'11 settembre 1962 (ad un mese dall'avvio ai lavori), egli asseriva: "Di fronte ai paesi sottosviluppati, la Chiesa si presenta così qual è e come vuole essere: la Chiesa di tutti e particolarmente dei poveri".

Ciò dette inizio alla "Teologia della Liberazione", un vasto movimento di pensiero che dal 1968 incendiò l'America Latina:

Fu durante l'estate di quell'anno che Gustavo Gutierrez – cappellano degli studenti peruviani – concepì per primo tale espressione. In quel tempo, il secondo congresso assembleare del Celam (Consiglio episcopale latino-americano) si riunì a Medellin (Colombia) per riflettere sulla trasformazione della Chiesa in America Latina alla luce del Vaticano II.

Nel loro testo finale i vescovi proclamarono di essere sulla soglia di un'epoca nuova nella storia del proprio continente, epoca chiave caratterizzata dal desiderio ardente di libertà totale da ogni specie di servilismo.

"La Teologia della Liberazione dice ai poveri che lo stato in cui vivono non è voluto da Dio", dichiarò Gustavo Gutierrez.

Ed è palesemente falso, perché include numerose implicazioni che ci porterebbero lontano dal discorso vero sul perché della vita dell'uomo e le sue scelte animiche personali; cfr. QUI, QUI, QUI, QUI QUI.

Da questo errore di fondo, dovuto all'ignoranza e all'impossibilità intrinseca per i pastori di dare una risposta valida al grido degli indigenti nel chiarire loro il perché della propria situazione, ne deriva una visione distorta, causa di ribellione, senso di ingiustizia sociale e desiderio di rivalsa sull'opulento mondo circostante.

Ma quel ch'è peggio risiede nella convinzione maturata nel cuore dei ministri di Dio (progressisti e novatori) che è inutile parlare del Cristo e della Salvezza da Lui apportata, quando questa non cambia lo stato sociale dei miseri e degli oppressi.

Per tale motivo, ciò che ne è derivato è il criterio secondo cui il miglior modo di esprimere l'autenticità evangelica poggia sul fatto di combattere la povertà, che NON  è  assolutamente  vero...



... così come non è vero che questo camaleonte sia un ramo.

«La creazione di una società giusta e fraterna è la salvezza degli esseri umani, se per salvezza intendiamo il passaggio da un "meno umano" ad uno "più umano". Non si può oggi dichiararsi cristiani senza un impegno di 'Liberazione'» – sempre Gustavo Gutierrez.

Riprendendo il discorso dalle parole espresse nel 1962 da Giovanni XXIII sopra dette, adesso, Jorge Mario Bergoglio, che studiava teologia a Buenos Aires alla fine del Concilio, personifica al più alto livello della Chiesa e dall'inizio del suo pontificato (abusivo; ved. QUI, QUI, QUI e QUI) lo spirito del "Patto delle Catacombe".

Il 13 marzo 2013, 3 giorni dopo la sua invalida elezione (ved. QUI, QUIQUI e QUI) egli affermava davanti alla stampa: «Ah, come vorrei una Chiesa povera per i poveri!» E non ha mai smesso da quel momento in poi di tradurre questa volontà in parole e azioni.

Nel lontano 16 novembre 1965, poco prima del termine del Vaticano II, l'8 dicembre, nel medesimo luogo di oggi ‒ le Catacombe di Santa Domitilla ‒ 42 vescovi, specialmente dell'America Latina, firmarono quello che fu chiamato il "Patto delle Catacombe" promettendo di vivere essi stessi in povertà, respingere tutti i simboli e i privilegi del potere e porre i poveri al centro del loro ministero... (QUI, l'articolo di Padre Scalese e i punti sottoscritti, mai ottemperati).

Scrive il prof. De Mattei:

«Mons. Luigi Bettazzi, vescovo emerito di Ivrea, unico firmatario vivente del Patto delle Catacombe, ha rivelato che il testo del 1965 fu scritto da mons. Hélder Câmara (1909-1999), arcivescovo di Olinda e Recife (Brasile) [...] che aveva stabilito una ferrea alleanza con il card. Suenens.»

Racconta sempre Roberto de Mattei nel suo "Concilio Vaticano II, una storia mai scritta" (Lindau):

«I due, assai legati fra loro, tanto che Câmara considerava l'altro "il mio leader", mi appaiono molto rappresentativi della crisi del mondo cattolico che viene avanti ormai da decenni, e che per certi aspetti sembra conoscere, a mio avviso, una lenta ma inesorabile inversione di tendenza.

L'attività di Leo Suenens, spesso in collaborazione con i cardinali Alfrink, Liénart, Frings ecc., potrebbe essere riassunta con queste parole: aggiornamento del dogma, adeguamento della Chiesa alla modernità.

A lui si deve infatti la definizione del Vaticano II come "il 1789 della Chiesa". Helder Câmara, grande sostenitore del cosiddetto "spirito del Concilio", espressione con cui si fecero dire al Vaticano II anche cose mai dette, fu invece l'alfiere della "Chiesa dei poveri", convinto che la Carità fosse da anteporre, o meglio da contrapporre, alla Verità e al dogma (già "ridimensionati", appunto, dal Primate cardinale Suenens).

Quest'ultimo, nel dibattito sugli ordini religiosi femminili auspicò una revisione del concetto di obbedienza, l'abbandono delle forme di pietà e degli abiti tradizionali; quanto ai sacerdoti chiese una riforma dei seminari affermando di averla intrapresa personalmente nella sua diocesi.



Suore "moderne" dopo il Concilio Vaticano II.

Riguardo alla famiglia, mentre Câmara organizzava la claque, Suenens si schierò per una revisione della dottrina tradizionale del matrimonio, lasciando intendere la sua apertura all'uso degli anticoncezionali e al "controllo delle nascite" accennando ad una presunta "esplosione demografica attuale" e alla "sovrappopolazione in molte regioni della terra". [...]

Oggi i frutti della sua opera sono evidenti: i seminari belgi si sono svuotati, proprio a partire dagli anni del suo magistero; l'università di Lovanio, di cui fu anche rettore, rifiuta di definirsi ancora "cattolica".

Il Belgio è un paese secolarizzato ed anticristiano come pochi al mondo, con un altissimo tasso di disgregazione familiare; la gran parte dei crimini di pedofilia nella chiesa belga, come dimostrato in passato, sono da ascriversi, non senza motivo, "soprattutto agli anni Sessanta", cioè all'epoca delle sue riforme.

L'altro personaggio emblematico, dicevo, è il vescovo brasiliano Câmara, autentico precursore della "Teologia della Liberazione".

Cosa ha portato il concetto di "Chiesa dei poveri", di cui Câmara, insieme a Lercaro e ad altri, fu uno degli araldi? Iniziando dall'America latina, appunto alla "Teologia della Liberazione", cioè alla trasformazione del cristianesimo in un messianismo politico di stampo marxista.

Con un duplice effetto: prima la trasformazione di teologi e sacerdoti in guerriglieri e idolatri del dittatore cubano Fidel Castro, poi la scristianizzazione galoppante della stessa America Latina.» [...]

Ritornando ad oggi, continua De Mattei:

«Tra coloro che appoggiarono il "Patto delle Catacombe", ci fu il card. Giacomo Lercaro (1891-1976), arcivescovo di Bologna. Il suo nome non risulta tra i firmatari, ma si fece rappresentare da mons. Bettazzi, suo vescovo ausiliare.[...]

La cerimonia del 1965 fu presieduta da mons. Charles-Marie Himmer (1902-1994), vescovo di Tournai (Belgio); quella del 2019 dal card. Claàudio Hummes (Brasile), nominato da Bergoglio relatore generale al Sinodo per l'Amazzonia.

Celebrando nelle Catacombe di Santa Domitilla l'«Eucaristia del Patto», definita dai partecipanti «un atto d'amore cosmico», il card. Hummes ha mostrato la stola di mons. Câmara di cui è devotissimo.



Card. Clàudio Hummes (classe 1934).

Il documento sottoscritto nel cimitero sotterraneo di via Ardeatina da vescovi e laici, tra cui gli organizzatori della mostra blasfema "Amazzonia, Casa Comune" nella chiesa di Santa Maria in Traspontina, è un testo in quindici punti intitolato:

"Patto delle Catacombe per la Casa Comune. Per una Chiesa dal volto amazzonico, povera e serva, profetica e samaritana". Il patto socio-politico degli anni Sessanta è divenuto il patto socio-cosmico dell'era di Greta Thunberg.

I firmatari proclamano l'impegno a battersi:

(punto 2) "...per un'ecologia integrale, in cui tutto è interconnesso, il genere umano e tutta la Creazione perché tutti gli esseri sono figlie e figli della Terra e su di loro aleggia lo Spirito di Dio". (Gen 1, 2).

(punto 4) "rinnovare nelle nostre chiese l'opzione preferenziale per i poveri, in particolare per i popoli originari, e insieme a loro garantire il diritto ad essere protagonisti nella società e nella Chiesa".

(punto 5) "abbandonare, di conseguenza, nelle nostre parrocchie, diocesi e gruppi, ogni tipo di mentalità e posizione colonialista, accogliendo e valorizzando la diversità culturale, etnica e linguistica in un dialogo rispettoso di tutte le tradizioni spirituali".

Non si tratta di un evento puramente commemorativo, ma dell'ultimo atto di un processo che inizia con il Concilio Vaticano II e culmina con l'ascesa al soglio pontificio di Jorge Mario Bergoglio. [...]

Il Sinodo sull'Amazzonia è dunque il simbolico compimento del Concilio Vaticano II, la realizzazione di quella "opzione preferenziale per i poveri" per cui si batterono mons. Helder Câmara e don Giuseppe Dossetti, il cardinale Suenens e il cardinale Lercaro».




Dice il vaticanista Marco Tosatti QUI, e invito a leggere tutto l'articolo:

"Ratzinger è stato l'uomo che più ha lottato contro l'«autodistruzione della Chiesa attraverso i suoi ministri». Oggi egli assiste alla momentanea sconfitta di tutto ciò che ha fatto e detto per decenni.

A trionfare su tutta la linea, oggi, sono i suoi stessi avversari di ieri. Per capirlo, bisogna prendere tra le mani un vecchio libro «Senza misericordia» pubblicato da 'Kaos edizioni' nel luglio 2005, subito dopo l'elezione di Ratzinger al soglio pontificio.

Gli autori si firmavano «Discepoli di verità»: nemici del papa, uomini di Chiesa nascosti sotto pseudonimo, lanciarono così il loro atto d'accusa contro l'avversario di sempre.

Il I paragrafo della seconda parte si apre subito con un titolo significativo: «Contro la 'Teologia della Liberazione'. La prima accusa al futuro papa è proprio questa: l'aver lottato una vita, a partire da un documento del 1984, contrastando la confusione tra Vangelo di Cristo e «vangelo» di Marx.

I teologi della Liberazione, nota Ratzinger, errano, perché separano o addirittura contrappongono il pane alla Parola. Il paragrafo indica due nomi, tra coloro che egli identifica come pericolosi seminatori dell'errore, richiamandoli e convocandoli a Roma: il peruviano Gustavo Gutierrez (menzionato sopra; ndr) e il francescano brasiliano Leonardo Boff. Quest’ultimo, siamo nel 1985, afferma che «la maggior parte del clero brasiliano ha già adottato la 'Teologia della liberazione'».

Poche pagine più avanti, i «Discepoli di verità» ricordano un'altra diatriba: quella tra Ratzinger e mons. Pedro Casaldàliga, vescovo dell'Amazzonia impegnato nel sociale, secondo lo spirito dell'utopia socialista.

Dopo l'ammonizione romana a Casaldàliga, il 27 settembre 1988 ben venti vescovi del Brasile indirizzano a Ratzinger una dichiarazione di solidarietà al presule richiamato. [...]

Benedetto XVII e Giovanni Paolo II identificano nel cattolicesimo marxisteggiante dell'America latina uno dei cancri della Cattolicità. E richiamano alla vera fede Gutierrez, Boff, Casaldàliga e Gerbara.




Abbiamo visto la provenienza di questi eretici: l'America latina e, per lo più, il Brasile.

Si tratta di una constatazione interessante alla luce di alcuni fatti: Bergoglio ha avuto, tra i grandi elettori, il cardinale brasiliano Clàudio Hummes, pubblicamente vicino, in gioventù, alla 'Teologia della Liberazione'; Bergoglio oggi convoca un Sinodo sull'Amazzonia, che è in buona parte in Brasile, e ha scelto come relatore generale il già citato Hummes.

La teologia della Liberazione latino americana, o ancor meglio, brasiliana, sta per avere la sua rivincita?

Sembra evidente che sia così: non solo perché Bergoglio manifesta da sempre una predilezione per i governi di sinistra, compresi quelli comunisti (da Evo Morales al partito comunista cinese, passando per la stretta relazione con la sinistra americana di Sanders, la sinistra argentina e il Pd italiano), ma anche perché negli anni scorsi ha platealmente riabilitato proprio i teologi condannati da Ratzinger.

Nel giugno 2018, per esempio, Bergoglio ha ricevuto, ringraziato e pubblicamente elogiato Gustavo Gutierrez, mentre successivamente ha avuto modo di sdoganare anche il ribelle socialista Leonardo Boff, che ne aveva salutato con entusiasmo l'elezione, inviandogli una lettera in occasione della pubblicazione di un suo libro.

E Pedro Casaldáliga? Bergoglio lo ritiene un buon maestro. Prova ne sia, almeno, il servizio elogiativo uscito sull'Osservatore romano del 18 febbraio 2018, in cui il vescovo a suo tempo richiamato da Ratzinger e Giovanni Paolo II diventa, sul quotidiano del Vaticano, nientemeno che un «profeta», il «referente della Chiesa dei poveri ‒ in Brasile e al di là delle sue frontiere ‒ impegnato nella difesa dei diritti dei contadini, degli indigeni e dei quilombolas [discendenti degli schiavi africani], con la partecipazione attiva delle comunità ecclesiali di base e, al loro interno, dei laici come protagonisti principali.

Casaldáliga è anche autore di un «suo» credo che contiene affermazioni come questa: «Credo in un'umanità diversa, più fraterna. Il mondo ha bisogno di respirare armoniosamente in maniera umana. Gli uomini tutti devono arrivare a riconoscersi gli uni gli altri come uomini, come fratelli, nell'utopia della fede... credo nell'uomo nuovo...»  

Un vero manifesto dell'umanesimo senza Cristo, quello di Conte e di Bergoglio (ved. QUI; ndr). Anche in questo caso il contrario dell'umanesimo cristiano, così definito, da Benedetto XVI: «Noi invece abbiamo un'altra misura: il Figlio di Dio, il vero uomo. È Lui la misura del vero umanesimo»". [...]



Il vescovo Pedro Casaldàliga (classe 1928) con gli indigeni del Mato Grosso (Amazzonia)

Come si vede, si tratta di una vera e propria CONGIURA contro la Chiesa Cattolica sancita nascostamente nel 1965 e conclusasi altrettanto in sordina questo 20 ottobre 2019.

Ma come tutte le alleanze più o meno segrete, anche il "Patto delle Catacombe" unisce e contraddistingue i suoi membri e simpatizzanti con un sigillo di antica fattura: l'«Anello di Tucum». Proprio quello che è stato infilato all'anulare sinistro di Bergoglio durante la cerimonia pagana nei Giardini Vaticani.

Il suo significato si riferisce ai tempi in cui i neri e gli indiani venivano sfruttati nella società al tempo dell'Impero in Brasile. Divenne quindi il simbolo della resistenza nella lotta per la liberazione dei popoli oppressi e sfruttati.

Mentre i 'ricchi' potevano permettersi agevolmente di utilizzare l'oro, i 'poveri' cominciarono a servirsi dell'«Anello di Tucum» (anche nei matrimoni) fatturandolo con il nocciolo nero del frutto di una particolare palma brasiliana: l'Astrocaryum vulgare.

Ma c'è un aspetto molto importante, di solito sconosciuto ai più, da tenere sempre nella dovuta considerazione: qualsiasi cerimonia tribale con l'uso di manufatti di legno, maschere, idoli ed altro, come questo anello, convoglia le vibrazioni energetiche emesse durante le evocazioni e gli incantesimi (positivi o negativi) su tali oggetti, che possono quindi diventare pericolosi per gli influssi o le 'presenze' che attirano, a seconda delle finalità con cui vengono usati.

Attenzione dunque ad indossare o a portarsi a casa con leggerezza qualsiasi cosa di questo tipo, come ha deciso di fare (non si sa quanto in modo sprovveduto) Bergoglio e la sua équipe di porporati nei Giardini Vaticani o nella chiesa di Santa Maria in Traspontina presso gli altari. Ecco perché è necessario riconsacrare gli ambienti profanati!




Perciò, con l'«Anello di Tucum» offerto all'argentino "Vescovo di Roma" e con la sottoscrizione effettuata ancora una volta col "Patto delle Catacombe", si è sancito definitivamente il passaggio dalla Chiesa bimillenaria di Cristo a quella filo-marxista, ecologica e socio-politica dei popoli oppressi e bistrattati del pianeta.

"Il Comunismo sta avanzando senza dare nell'occhio" particolarmente in America Latina, ha ammonito l'Arcangelo Michele tramite "Luz de Maria" in un recentissimo messaggio, QUI, confermando tutto quanto è scritto in questo post. 

Nel marzo prossimo si compirà il settimo anno (cruciale secondo le profezie bibliche) di governo del Falso Profeta, eletto proprio al fine di distruggere la Chiesa di Nostro Signore e fondarne un'altra, non più trascendente e santa, bensì immanente ed anticristica, proiettata verso l'«Uomo» e la sua «Casa Comune»... come descritto così bene da Solovëv e Benson QUI e QUI.


Ma Dio interverrà nella storia del Mondo...
poiché l'UMILE ANCELLA di Nazareth
TRIONFERÁ CON IL SUO CUORE IMMACOLATO,
come da Lei promesso a Fatima nel luglio 1917.




Relazione adattamento e cura di: Sebirblu.blogspot.it

Fonti degli estratti: corrispondenzaromana.it
                                  : marcotosatti.com 
                                   

Nessun commento:

Posta un commento