venerdì 8 maggio 2020

Alzate il capo, che la vostra Liberazione è vicina




..."Quando cominceranno ad accadere queste cose,
alzatevi e levate il capo,
perché la vostra liberazione è vicina"...
[Lc. 21, 25-28].


Sebirblu 7 maggio 2020

In questo tempo in cui la confusione e lo smarrimento, se non il dolore per la perdita di molte persone care, hanno raggiunto come un uragano il cuore di tanti che non se lo aspettavano, vorrei trasmettere un messaggio che induce a riflettere, perché sono proprio la sofferenza e la costrizione che quasi sempre risultano decisive per un profondo cambiamento interiore.

Proviene dall'Alto, e potrà essere pienamente accolto non solo da coloro che hanno affinato il proprio Spirito superando scogli e prove di ogni specie, ma anche da chi, timido e inesperto, si affaccia adesso ad una realtà apparentemente astratta, ma autentica, che ora gli schiude le porte affinché entri nella Conoscenza Vera.

Nel famoso discorso profetico che si può trovare QUI, Gesù disse:

"Allora due uomini saranno nel campo: uno sarà preso e l'altro lasciato. Due donne macineranno alla mola: una sarà presa e l'altra lasciata." [Mt. 24, 40-41].

E San Paolo in ben due punti delle sue lettere annunciò:

"Ecco,  io  vi annuncio un mistero:  Non  tutti  morremo,  ma  tutti  saremo  mutati, in un momento, in un batter d'occhio, al suono dell'ultima tromba. Perché la tromba suonerà, e i morti risusciteranno incorruttibili, e noi saremo mutati." [1Cor. 15, 51-52].

Ed anche:

"poi noi viventi, che saremo rimasti, verremo insieme con loro rapiti sulle nuvole ad incontrare il Signore nell'aria; e così saremo sempre con Lui." [1Tess. 4,17].

È incomprensibile come in più di duemila anni la Chiesa di Roma non sia stata in grado di spiegare veramente questi passi delle Sacre Scritture se non per l'abbraccio mortale offerto al Principe di questo mondo che ora le sta assestando il "colpo finale".




La realtà dell'esistenza di altre civiltà stellari più evolute della nostra, secondo lo Spirito e non la materia, è stata tenuta diabolicamente nascosta, non soltanto dai governanti del mondo, ma anche colpevolmente e in maniera assai più grave dalla Sede Vaticana per il timore di perdere il POTERE.

Queste cose le ho spiegate ampiamente QUI, e da poco pure QUI, nell'articolo che ancora non è stato "scoperto" nella sua vera importanza e attualità. È passato quasi inosservato e pertanto invito fortemente a leggerlo.

Gli avvistamenti di luci non identificate (gli UFO) nei cieli di tutto il mondo, durante l'espandersi della pandemia, sono aumentati in modo esponenziale sotto gli occhi ostinatamente rivolti al basso della maggioranza delle popolazioni, inconsapevoli che TUTTO STA PER CAMBIARE da un momento all'altro, prendendo tutti di sorpresa.

Pur  rimanendo guardinghi da eventuali  "affondi" delle élites dominanti (vaccini, scie chimiche e diavolerie elettroniche) per asservire e sterminare le genti, visto che per loro il pianeta è oltremodo affollato (ved. QUI), sarebbe necessario prepararsi spiritualmente agli eventi, se non si vuole esserne travolti in tutta la loro crudezza.

Il "Rapimento" o "sollevamento" di coloro che rientrano nelle frequenze animiche elevate, e per questo motivo sottratti dalla Misericordia Divina alla "tribolazione" più spaventosa che l'essere umano abbia mai sperimentato nella sua storia (peggio di Sodoma e Gomorra,  perché  oggi  si  è  raggiunta  una  depravazione  che  le supera di gran lunga) viene dato ormai per imminente da diversi comunicati diffusi da fonti credibili.

Prima del messaggio ricevuto dalla nostra altissima Guida (un Éntele; ved. QUI, QUI e QUI) il 4 ottobre 1985, riporto tre esempi simili sul tema, esposti da veggenti diversi.




Robert Brasseur, Quebec (Canada)

21 aprile 2017

"Figlio mio, non disperare mai. L'ora presente rimane un tempo di espiazione per molti miei figli. Dio vi prepara per questa Nuova Terra. Presto sarete portati sulle nuvole ed ogni cosa si svolgerà in un batter d'occhio; non avrete coscienza di alcuna Transizione.

Il vostro corpo terrestre sarà trasformato e non sarà più lo stesso. Sarà una mutazione radicale. Dio sta per concedervi questo affinché possiate gustare un piccolo anticipo della Terra rinnovata, una parte infinitesimale del paradiso.

Gioirete soltanto dell'Amore e non ci sarà che Amore. Per quelli rimasti fedeli, tutto accadrà nell'armonia, ma gli esseri umani che non avranno creduto nel loro Creatore avranno da soffrire. La strada si dividerà tra buoni e malvagi. Questo ti suggerisca quanto sia importante pregare per i tuoi fratelli e sorelle."

Marcos Tadeu, Jacarei (Brasile)

16 dicembre 2012

"Il tempo fugge veloce figli miei, presto sarete rapiti in aria con gli angeli e questo mondo in cui siete ora... sarà passato e non esisterà più... tutto sarà nuovo, ogni lacrima asciugata, Cieli nuovi e Terra nuova si riveleranno davanti a voi.

Maria Valtorta, Viareggio (Italia)

28 ottobre 1943

"Il Sollevamento verrà presto. Verrà in TRE riprese: prima i santi, poi i peccatori che hanno già fatto penitenza, infine quelli che mi cercano urlando all'ultimo momento.




"Ed ecco, infine, l'ammaestramento a cui ero presente nel lontano 1985: 

«Io vi saluto.

Siate tutti benvenuti nella sintonia d'Amore, concordando e armonizzando, perché possiate sempre divenire migliori in attesa che il giorno definitivo per questa vostra permanenza, che giunge al termine, vi trovi preparati, sereni e tranquilli poiché avete tenuto in dispregio le cose del mondo.

Avete questa sera letto alcuni passi su Francesco d'Assisi, passi che riguardano la sua povertà e il suo modo di intenderla, abbracciandola con amore.

So che per voi è molto difficile staccarvi dalle faccende umane, ma È GIUSTO che Io vi dia il consiglio da seguire poiché OGNUNO DI VOI SAPPIA che tralasciando le cose del mondo SI GIUNGE AL PADRE, tenendo in dispregio le lusinghe del mondo si apre per voi un varco che vi conduce all'EVOLUZIONE. È una "conditio sine qua non".

Usate il vostro denaro tanto quanto basta perché possiate sopravvivere e portare avanti il vostro corpo che necessita di riposo e di cibo, ma non certo di sontuosità, di abbellimenti o di sovrastrutture che gravano moltissimo sul vostro stesso organismo e appesantiscono l'Anima.

Libratevi nell'aria, perché l'aria è il percorso che vi porta al Padre; ATTRAVERSO L'ARIA SARETE RAPITI (cfr. QUI, QUI e QUI); alcuni di voi diranno: «Ma è vero che queste cose succederanno?»

Sappiate che Gesù lo disse nel Vangelo; sappiate che Gesù è Verità, Gesù è Via, Gesù è Vita, quindi niente orpelli, niente ornamenti, niente sovrastrutture; siate "nudi" come nudi siete venuti al mondo... basta un solo vestito, basta un solo tipo di abbigliamento che vi serve per tutta la vita...

Ma non state alla lettera per le parole che vi dico... cambiate anche acconciature e vestito, ma siate parchi, siate semplici nel vestire, siate semplici quando mangiate, siate semplici in tutto... poiché le cose belle, VERAMENTE BELLE, NON SONO DI QUESTO MONDO.

Sappiate aspettare con  pazienza,  perché  la  PROMESSA  DI  GESÙ  SI  AVVERERÀ  e  tutti  concordi  in armonia  gusteremo  le  gioie  più belle,  le  gioie  che vanno oltre  un certo sentire umano basato sui cinque sensi, ma è un sentire talmente superiore che li compenetra tutti, e soprattutto vi lega al Padre in una fusione meravigliosa che diventa superlativo.




 Dal Relativo andrete verso l'Assoluto,
Dall'Irreale andrete verso il Reale,
 Dalla Forma andrete verso la Sostanza!

Siate solerti nell'Opera, seguite le orme dei "Grandi" che hanno saputo impostare la loro vita  secondo certi canoni precisi di sofferenza,  restrizioni,  rinunce  e  attraverso la PREGHIERAattraverso la RINUNCIA con voi stessi, e attraverso l'AMORE per i fratelli (o CARITÀ) arriverete al TUTTO. (Essenziale leggere QUI).

Desidero infine dirvi che, lo vogliate o no, l'aiuto dall'Alto arriva sempre, in ogni caso, però è importante che ognuno di voi ci metta la buona volontà per riceverlo.

INGINOCCHIATEVI idealmente dinnanzi al Padre, accettando con UMILTÀ quello che vi viene dato senza pretendere MAI nulla, PERCHÉ PER IL MALE CHE È STATO FATTO NESSUNA COSA VI SI DEVE.

Ma Egli nella Sua grande Misericordia dà a TUTTI, ai buoni e ai cattivi, ai santi e ai delinquenti.

Adesso vi abbraccio tutti e vi benedico, perché sento di farlo: "Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo".  Pace a Tutti.  Salve.»

Chiosa finale

A questo punto, forse alcuni scuoteranno il capo, ma non si dimentichino costoro le parole cristiche incise a caratteri di fuoco: 

«Ti ringrazio, Padre, Signore del Cielo e della Terra, perché hai tenuto nascoste queste cose ai sapienti e agli intelligenti e le hai rivelate ai piccoli.» [Mt. 11,26].

Relazione e cura di: Sebirblu.blogspot.it

Nessun commento:

Posta un commento