giovedì 21 giugno 2018

JNSR: Ecco quando l'Anticristo inizierà a Regnare!




Sebirblu, 21 giugno 2018

Due giorni prima dell'elezione di Bergoglio (il Vescovo "venuto dalla fine del mondo", come da lui stesso asserito), la mistica JNSR, di cui ho parlato molte volte ‒ l'ultima QUI, ha ricevuto da Gesù delle indicazioni preziose su cosa fosse in procinto di accadere alla Chiesa, e l'invito a rimanere fedeli al Papa Emerito Benedetto XVI, in quanto "baluardo" della fede cattolica.

Già i "segni" al conclave (QUI) avevano annunziato che ci sarebbe stata una svolta funesta  con  il  nuovo  pontificato,  e  dopo  cinque  anni,  ahimè,  non  possiamo  far altro che  costatarne la veridicità  drammatica e desolante!  Se il popolo di Dio non si sveglia sollecitamente da questo spaventoso inganno è destinato a finire molto male, purtroppo...

D'altronde, il Nemico del genere umano non dorme (cfr. QUI, QUI e QUI) e mentre quasi tutti procedono senza alcuna consapevolezza, perché hanno trascurato di documentarsi sulle Sacre Scritture e sul vero insegnamento cristico pensando che siano "cose da bigotti", il Maligno avanza e li mette nel sacco, anzi in pentola... come una rana bollita che troppo tardi si accorge del calore in aumento e... soccombe.

Ma il Cristo, di nuovo bistrattato, misconosciuto e crocifisso dai Suoi stessi ministri apostati e traditori, che dovranno rispondere delle anime loro affidate, parla sempre al Suo "piccolo resto": lo incoraggia e lo istruisce per mezzo dei profeti del nostro tempo che, proprio perché piccolo e semplice, "riconosce la Voce del suo Pastore e Lo segue" (Gv. 10, 1-42) per essere messo al riparo dai lupi.

Ecco perciò quello che è stato trasmesso da Nostro Signore per tutti coloro che hanno "orecchi per intendere"...


Greg Olsen

JNSR, portavoce di Gesù:

«Attualmente, stiamo vivendo una nuova fase, ossia quella che precede di un soffio "la Tribolazione", chiamata anche "gli ultimi giorni della Chiesa", quando, malgrado le nefandezze delle Nazioni, essa avrebbe ancora potuto garantire la pace sotto la sua egida."

Sta per cominciare, infatti, il Tempo in cui l'Anticristo prenderà possesso del suo Dominio.

La Bibbia riporta che sarà difficile, sin dall'inizio, riconoscere questo personaggio che userà ogni genere di astuzie per ingraziarsi i poteri pubblici degli Stati e soprattutto della Chiesa... senza dimenticare Israele che soccomberà di fronte al "suo fascino"...

Siamo entrati nell'arco temporale della fine, di quelli che vengono chiamati i 7 ultimi anni delle Nazioni, compresi nei "490" in cui Israele avrebbe subìto l'espiazione che meritò da Dio a causa della sua idolatria.

Questi Tempi sarebbero dovuti terminare con l'Offerta che nostro Signore fece agli ebrei nel momento della Sua Risurrezione:

"7 anni di Grazia" in onore del Grande Sacrificio Universale di Gesù Cristo, perché era scritto che il Regno di Dio sulla Terra avrebbe dovuto coincidere con il periodo in cui il popolo ebraico avrebbe beneficiato anche dei "7 anni di perdono".

Ma il rifiuto degli israeliti (a riconoscerLo come Messia; ndt) annullò questo condono di pena. Dio, nostro Padre, offeso da tale rifiuto, pospose i loro 7 anni destinati alla penitenza per la fine dei Tempi.

Egli disse: «Vi salverete gli uni per mezzo degli altri; questo significa che "pagherete" anche gli uni per gli altri, perché nemmeno voi siete senza peccato... come avreste tendenza a credere...»

Non conosciamo il periodo esatto dello svolgimento di questi 7 fatidici anni, e se essi siano già cominciati, ma è certo che li dobbiamo subire* per meritare il Ritorno glorioso del Figlio di Dio. (ved. QUI).

*Con la diaspora, le 12 tribù di Israele, moltiplicandosi, si sono sparse per tutta la Terra, ed è per questo che vien detto da JNSR "dobbiamo subire"; ndt).

È scritto che il Cristo sarebbe tornato "al termine della Tribolazione finale".




È necessario che i segni profetici vengano studiati dalla generazione contemporanea, perché è quella che assistette alla risurrezione di Israele come Nazione nel 1948, e poi di Gerusalemme (nella guerra dei 6 giorni; ndt) nel 1967.

Perciò coloro che vissero in quegli anni possono ben presenziare agli eventi finali. «Che Dio ci protegga!»

È scritto pure che «Quando la Chiesa sarà sollevata (ossia "rapita", come riporta San Paolo in 1Tess. 4, 16-17 riferendosi al "piccolo resto", cioè all'insieme dei seguaci rimasti fedeli sino alla fine agli insegnamenti del Cristo; ndt), l'ultima protezione (detta Katéchon ‒ dal greco antico "τὸκατέχον" ‒ ciò che trattiene o colui che trattiene; ndt)  impedente  al  Male   di  manifestarsi  pienamente, sarà  tolta.»

E quando la Chiesa non ci sarà più (in questa dimensione; ndt), Israele sarà di nuovo contrassegnata spiritualmente come "Nazione Unta" (prescelta) da Dio.

Ecco perciò l'inizio dei 7 anni di purificazione sotto il dominio del mondo... (quelli annullati, come detto sopra, alla Risurrezione cristica).

Il popolo ebraico avrà una seconda possibilità di riconoscere il suo Messia. I 7 anni di Grazia che gli furono offerti da Nostro Signore Gesù Cristo, stanno per essere sostituiti da 7 anni di Tribolazione sotto l'imperio dell'Anticristo; ma questa volta Israele si salverà. Tuttavia, sarà la nazione che soffrirà di più, anche se l'intero pianeta sarà sottoposto (con l'angoscia e il pianto; ndt) al pentimento, perché siamo tutti peccatori...

La "Buona Novella" è che "l'ora del sollevamento della Chiesa", corrispondente in Verità alla "protezione dei VERI cristiani che l'amano, sta per suonare.


"Uno sarà preso e l'altro lasciato..." (Mt. 24, 1-51)  cfr. QUI.

Questi veri cristiani sono chiamati SPIRITUALMENTE a congiungersi e ad unirsi alla preghiera incessante di tutti i componenti il Corpo Mistico e a coloro che vi si aggiungeranno, insieme alla Voce intensa e fervente del nostro Papa Benedetto XVI dal luogo dove è stato chiamato dal suo Signore.

(Costoro sono invitati a pregare e ad adorare DIO nel Nome del Padre, del Figlio, e dello Spirito Santo presso il loro domicilio o non importa dove, ma strettamente collegati con il VERO Pontefice Joseph Ratzinger, Vicario di Cristo e successore di Pietro.)

Per confermare la profezia d'oggi, Gesù ci suggerisce di rileggere la Sua Parola tramandataci per mezzo dell'antico Suo Apostolo delle genti. San Paolo, infatti, riferendosi ai nostri tempi, dice ai Tessalonicesi:

"...Nessuno vi inganni in alcun modo! Prima infatti dovrà avvenire l'apostasia e dovrà esser rivelato l'uomo empio, il figlio della perdizione.

L'Avversario che si eleva al di sopra di tutto ciò che viene chiamato Dio o che si adora, fino a sedersi nel Tempio di Dio, facendosi passare lui stesso per Dio.

Ed ora, voi sapete bene ciò che lo trattiene perché si riveli soltanto a tempo debito.

Il mistero d'iniquità è gia in atto, ma è necessario che scompaia Colui che ne impedisce la manifestazione.*

*(Ed è proprio il nostro Buon Papa Benedetto XVI, come dice anche Antonio Socci QUI: ndt).


Ecco chi è il Katéchon - Colui che ancora trattiene la venuta dell'Anticristo!

Solo allora sarà rivelato l'empio, che il Signore Gesù distruggerà con il soffio della Sua bocca e annienterà alla Luce della Sua Venuta.

L'Iniquo, la cui comparsa si produrrà tramite il potere di Satana, con ogni specie di miracoli, segni e prodigi menzogneri...

Per questo, Dio invia loro una potenza d'inganno affinché essi credano alla menzogna e così vengano condannati tutti coloro che non hanno creduto alla Verità, ma hanno acconsentito all'ingiustizia.*

*(Da questo si comprende perché la maggioranza dei fedeli che segue Bergoglio, il Falso Profeta – ved. QUI, QUI e QUI, ma soprattutto cliccando in 'Etichette' il suo cognome ed anche in "profezie" – ne sia inspiegabilmente ammaliata, come se fosse succube di un diabolico incantesimo, rendendola sempre più cieca alla realtà che stiamo vivendo; ndt).

E ad ulteriore conferma, riporto QUI il messaggio del 5 marzo 2013, il penultimo tradotto in italiano, in cui Gesù spiega chiaramente a JNSR il perché Benedetto XVI si dimise, onde lasciare che il "Mistero di Iniquità" si compisse, secondo la Sacra Scrittura; ndt).

In tale messaggio, Gesù dice:

«Egli ha fatto (riferendosi al Papa) ciò che DOVEVA fare...»

E aggiunge ancora:

«Qual è, in verità, il vero cristiano che non ha riconosciuto in lui "IL RIFUGIO" dove il nemico non potrà penetrare?

Egli è "IL RIPARO DELLA VERITÁ" (appunto il Katéchon; ndt) dove nemmeno il più astuto riuscirà mai a farlo deviare dal suo cammino, dalla "Via della Croce" che egli segue da sempre e che sta perseguendo fino alla CROCE dove DIO lo attende.»

Il papa è obbediente a Gesù Cristo, e forse farà progredire il Regno di Dio sulla Terra perché è scritto che gli ultimi giorni della Chiesa attuale (quelli di Benedetto XVI) sono contrassegnati dal "Rapimento".

Tutto è pronto per l'ultimo atto, e il Signore ci mette in guardia:

Non iniziate a fare pronostici per individuare la data del Mio Ritorno. Voi lo saprete assai presto! Cominciate ad unirvi al vostro Papa Emerito con le vostre preghiere che si unificheranno alle sue e offerte a Dio nella Santa Eucaristia.

Tutto sarà scoperto da voi stessi molto presto. Siate pazienti!»

Traduzione, adattamento e cura di Sebirblu.blogspot.it

Fonte: jnsr.be

venerdì 15 giugno 2018

Fornicazione attuata fra le 2 Bestie apocalittiche




Sebirblu, 13 giugno 2018

Se qualcuno non fosse ancora convinto o continuasse a vivere la propria vita come se non stesse accadendo nulla di particolare intorno a lui, deve sapere che siamo in piena Apocalisse, e che i Segni dal Cielo ci sono tutti per chi ha occhi e Spirito aperti.

"Repubblica TV" riporta: Un violento temporale ha colpito Roma nella notte tra il 7 e l'8 giugno. Una serie di fulmini si è abbattuta sulla capitale: uno di questi ha centrato la cupola di San Pietro, causando un blackout ad uno dei simboli più celebri della città. Il video è stato girato dal giornalista Rai, Alessandro Poggi."

Ma in questo fine settimana non c'è stato solo questo segno eclatante a manifestare il severo dissenso del Cielo contro la Chiesa apostata e traditrice, ma anche la riunione organizzata da Don Minutella a Verona per consacrare al Cuore Immacolato di Maria ben oltre 1300 persone giunte da tutt'Italia e persino dall'estero (tanto che ha dovuto essere aggiunta un'altra sala provvista di schermo, e ancora non del tutto sufficiente, perché c'erano molte persone in piedi), onde proteggerle dall'enorme inganno in corso.

Qui il breve video che mostra una parte soltanto della gente affluita al convegno.



E qui il dopo...





Eh sì! Una guerra furiosa è in atto tra la Donna Vestita di Sole e il Dragone infernale, che sta sferrando gli ultimi suoi attacchi con una sfacciataggine mai vista prima, sia nell'ambito sociale che religioso! (Cfr. QUI, QUI e QUI).

Infatti, già un altro fulmine si abbatté sulla Basilica più famosa del mondo, quando Benedetto XVI dette le dimissioni nel 2013, ed ora tale evento si è ripresentato, guarda caso, proprio in concomitanza del vertice in Vaticano (a porte chiuse) con i capi delle "7 Sorelle" le compagnie petrolifere più importanti del pianeta.

Tema molto caro a Bergoglio quello del clima, delle energie rinnovabili, dell'impatto ambientale e dei rischi legati alle modifiche dell'ecosistema, già esposti nell'enciclica «Laudato si'» e promossi con gran clamore QUI, proprio il giorno dell'Immacolata Concezione, ignorandone completamente la sacralità.

D'altronde, l'indifferenza mostrata allora per la Vergine è ben più grave del silenzio mantenuto dal "pontefice" per il Gay Pride avvenuto anch'esso durante l'ultimo week end a Roma mentre si intratteneva con i globalisti miliardari della Terra. (Ulteriore motivo dell'incredibile raffica di saette sulla capitale).

Ma la concomitanza  degli  incontri di questo fine settimana  non è finita  qui,  perché a Torino,  città satanica per eccellenza,  s'è riunito il 66° convegno del Bilderberg con un invitato speciale, il cardinale Pietro Parolin, Segretario di Stato Vaticano. 
(Cfr. QUI con l'ottimo articolo di Maurizio Blondet).


Intimo conciliabolo tra Bergoglio e Pietro Parolin....

Che strane convergenze vero? Siamo di fronte ad una fusione evidentissima dei poteri forti della Chiesa di Roma con quelli dell'Oligarchia dominante il mondo che sta per realizzare l'antico sogno di un Nuovo Ordine Mondiale (ved. QUI, QUI e QUI) comprensivo di una sola Religione umanitaria, il tutto pronto per l'ingresso trionfale dell'Anticristo, come descritto sia da Benson che da Solovëv QUI e QUI.

Non dimentichiamo che queste riunioni sia positive, come quella straordinaria di Verona con Don Minutella, che negative, in Vaticano con Bergoglio (mentre a Roma sfilava il Gay Pride) e a Torino con Pietro Parolin insieme alla presenza emblematica dell'inossidabile Henry Kissinger, hanno avuto luogo in Italia, sede indiscussa degli albori del Cristianesimo con il martirio degli apostoli Pietro e Paolo e di tantissimi altri cristiani!

Inoltre si consideri l'insistente richiamo al 6 (cfr. QUI) che risulta dal mese di giugno, sesto mese dell'anno, e il 66 che caratterizza il numero di volte in cui i potenti della Terra si sono riuniti.

Se  ci  pensiamo  bene,  sono presenti  le  due  "Bestie"  apocalittiche:  l'una emergente dal mare agitato delle nazioni, raffigurazione del mondo arrogante e materialista (l'Oligarchia riunita a Torino) e l'altra salente dalla terra, simile ad agnello, emblema del potere religioso (il Falso Profeta, al  meeting di Roma presso la città del Vaticano).

(Cfr. anche QUI).

Come si è visto, c'è stato uno scambio tra loro: la Bestia del mare si è recata con i suoi capitalisti senza scrupoli da Bergoglio e quella della terra, rappresentata dal suo portavoce ufficiale cardinale Parolin è stata invitata al Bilderberg.

Ora, dal momento che il 666 costituisce la trinità diabolica formata dalle due Bestie suddette e dal Dragone, il Serpente Antico che dall'Ombra le governa (cfr. QUI), ecco formarsi sotto i nostri occhi l'immagine chiara dell'attuale scenario, con l'irruzione maestosa e decisa della Donna Vestita di Sole che raccoglie via via un piccolo ma ardente "resto" per proteggerlo dall'attacco mortifero, per mezzo di un Suo umile e fedele sacerdote guidato da Lei personalmente (ved. QUI). 




E non siamo che agli inizi! Ricordiamoci che il piccolo Davide vinse il gigante Golia semplicemente con una fionda; che le mura di Gerico (ved. QUI) caddero ad opera dell'Arca Santa (simbolo della Vergine) e che Costantino fu vincitore su Massenzio, con solo 40.000 uomini contro i 100.000 dell'avversario sul ponte Milvio, avendo confidato nella visione della Croce apparsagli sopra la scritta "In Hoc Signo Vinces" (Con questo Segno vincerai).


"Visione della Croce" (dettaglio) - Raffaello Sanzio (1483-1520)

Con le Potenze del Cielo e la Sua Regina non si scherza! Ecco alcune parti di ciò che Ella ha trasmesso sulle due Bestie apocalittiche a don Stefano Gobbi, il fondatore del Movimento Sacerdotale Mariano:

La Bestia simile ad una Pantera 

[...] «In questi tempi di apostasia, di purificazione e di grande tribolazione, il mio Cuore Immacolato è il solo rifugio e la strada che conduce al Dio della Salvezza e della Pace. Soprattutto diventa oggi il segno della mia sicura vittoria nella grande lotta che si combatte fra i seguaci dell'enorme Drago rosso e quelli della Donna vestita di Sole.

In questa terribile lotta sale dal mare, in aiuto al Dragone, una Bestia simile ad una pantera. Se il Drago rosso è l'ateismo marxista (la negazione assoluta di Dio da parte di Satana; ndr), la Bestia nera è la Massoneria.

(Infiltrata pesantemente dal 1717 in poi dal Sionismo talmudico, è diventata da 'operativa' ‒ pro Cristo ‒ a 'speculativa',  cioè contro di Lui; ved. QUI; ndr).

Il Drago si manifesta nel vigore della sua potenza; la Bestia nera invece agisce nell'ombra, si nasconde, si occulta in modo da entrare in ogni parte. Ha le zampe d'orso e la bocca di un leone, perché opera ovunque con l'astuzia e con i mezzi di comunicazione sociale, cioè la propaganda.

Le sette teste indicano le varie logge massoniche, che agiscono ovunque in maniera subdola e pericolosa. Questa Bestia nera ha dieci corna e sulle corna dieci diademi, che sono segni di imperio e di regalità.




La Massoneria domina e governa in tutto il mondo per mezzo delle dieci corna. Il corno, nel mondo biblico, è sempre stato uno strumento di amplificazione, un modo di fare udire maggiormente la propria voce, un forte mezzo di comunicazione. [...]

Il suo scopo non è di negare Dio, ma di bestemmiarlo. La Bestia apre la bocca per imprecare contro l'Altissimo, per ingiuriare il Suo nome e la Sua dimora insieme a tutti quelli che abitano in Cielo. La bestemmia più grande è quella di negare il culto dovuto solo a Lui per darlo alle creature e allo stesso Satana.

Ecco perché in questi tempi, dietro la perversa azione di questo Movimento, si diffondono ovunque le messe nere e il culto satanico. Esso inoltre agisce con ogni mezzo per impedire che le anime si salvino rendendo vana, così, l'Opera di Redenzione  compiuta  dal  Cristo. [...]

Ora comprendete come, in questi tempi, contro il terribile ed insidioso attacco della Bestia nera, Io diventi il vostro rifugio e la strada sicura che porta a Dio. [...]

La Bestia simile ad un Agnello

[...] «Vi ho annunciato la grande lotta fra Me, Donna vestita di Sole, e l'enorme Drago rosso, che ha portato l'umanità a vivere senza Dio. Vi ho anche predetto il subdolo e tenebroso lavoro, compiuto dalla Massoneria, per allontanarvi dall'osservanza della Legge di Dio e rendervi così vittime dei peccati e dei vizi.

Soprattutto, come Mamma, vi ho voluto avvertire del grande pericolo che minaccia oggi la Chiesa, a causa dei molti e diabolici attacchi che si compiono contro di essa per distruggerla.

Per raggiungere questo scopo, alla Bestia nera che sale dal mare, ne viene in aiuto un'altra, dalla terra, che ha due corna simili a quelle di un agnello.




Questo, nella divina Scrittura, è sempre stato l'emblema del sacrificio. Nella notte dell'esodo, ne viene offerto uno come vittima e, con il suo sangue, vengono aspersi gli stipiti delle case israelite per sottrarle al castigo che invece colpisce tutti gli egiziani. La Pasqua ebraica ricorda questo fatto ogni anno, con l'immolazione di un agnello, sacrificato e consumato.

Sul Calvario, Gesù Cristo si immola per la Redenzione dell'umanità, si fa Lui stesso nostra Pasqua (che vuol dire "passaggio", cfr. QUI; ndr) e diventa il vero Agnello di Dio che toglie i peccati del mondo.

A questo simbolo sacrificale è intimamente unito quello del Sacerdozio: le due corna. Il Sommo Sacerdote del Vecchio Testamento portava un solenne copricapo con due protuberanze, come la mitria indossata dai Vescovi oggi.

Mentre la Bestia nera indica la Massoneria, l'altra con due corna simile ad un agnello indica la stessa infiltrata all'interno della Chiesa, cioè la Massoneria ecclesiastica, diffusasi soprattutto fra i membri della Gerarchia, come avevo predetto a Fatima quando annunciai che il Maligno vi si sarebbe introdotto fino al suo vertice. (Ved. QUI; ndr).

Se compito della prima Bestia è di condurre le anime alla perdizione portandole al culto di ingannevoli divinità, lo scopo della seconda è invece quello di distruggere il Cristo e la Sua Chiesa, sostituendoli con un falso Cristo ed una falsa Chiesa.

‒ Gesù Cristo è il Figlio del Dio vivente, è il Verbo incarnato, è vero Dio e vero Uomo, poiché unisce nella sua Persona la natura umana e divina. Gesù, nel Vangelo, ha dato di sé stesso la Sua più completa definizione, dicendo di essere la Via, la Verità e la Vita. [...]


Requiem per la Chiesa Cattolica...

Gesù è Via, che conduce al Padre, per mezzo del Vangelo.

La Massoneria ecclesiastica favorisce le esegesi che danno di esso interpretazioni razionalistiche e umane, per mezzo dell'applicazione di vari generi letterari, in modo che venga dilaniato in ogni sua parte.

Alla fine si giunge a negare la realtà storica e autentica dei miracoli (cfr. QUI) e della Resurrezione, mettendo in dubbio la Divinità stessa di Gesù e la Sua Missione salvifica. (Si noti che il messaggio è del 1989!; ndr).

Gesù è Verità, perché è Lui ‒ la Parola vivente ‒ fonte e sigillo di tutta la Rivelazione divina. (ved. QUI e QUIndr).

La Massoneria ecclesiastica agisce per oscurare la Sua divina Parola nel tentativo ingannevole di renderla più comprensiva ed accolta, svuotandola di ogni suo soprannaturale contenuto. (Cfr. QUI e QUI; ndr).

Così si seminano gli errori in ogni àmbito della Chiesa Cattolica stessa. E a causa della loro diffusione, oggi molti si allontanano dalla vera fede, dando attuazione alla profezia fattavi da Me a Fatima:

‒ «Verranno tempi in cui molti perderanno la fede. ‒ La sua perdita è apostasia. La Massoneria ecclesiastica agisce in maniera subdola e diabolica per condurre tutti a tale apostasia.»

Gesù è Vita perché dona la Grazia.

Scopo della Massoneria ecclesiastica è quello di giustificare il peccato, di presentarlo non più come un male, ma come un valore ed un bene. Così si consiglia di compierlo come un modo di soddisfare le esigenze della propria natura, distruggendo la radice da cui può nascere il pentimento e dicendo che non è più necessario confessarlo.

Frutto pernicioso di questo maledetto cancro diffusosi in tutta la Chiesa è la scomparsa della Confessione individuale in ogni luogo. Le anime vengono portate a vivere nel peccato, rifiutando il dono della Vita, che Gesù ci ha offerto. [...]

Come Gesù, anche la Chiesa da Lui fondata, e che costituisce il Suo Corpo mistico, è Via, Verità, Vita. Essa è una sola: Santa, Cattolica e Apostolica il cui capo è Pietro.

La Massoneria ecclesiastica cerca di distruggere tale realtà con un falso ecumenismo che porta all'accettazione di tutte le chiese cristiane, affermando che ciascuna di esse possiede una parte della verità.

Essa coltiva il disegno di istituire un unico culto universale, formato dalla fusione di tutte le correnti cristiane inclusa la Chiesa cattolica, alla quale è stato trasmesso il potere di generare l'Eucarestia, per mezzo del Sacerdozio ministeriale e gerarchico. In essa, Gesù Cristo è realmente presente col Suo Corpo glorioso e la Sua Divinità.

Allora la Massoneria ecclesiastica, in tante e subdole maniere, cerca di attaccare la pietà ecclesiale verso questo Sacramento. Di esso valorizza solo l'aspetto della Cena, tende a minimizzare il suo valore sacrificale, cerca di negare la Reale e personale Presenza di Gesù nelle Ostie consacrate.


Consacrazione... e carne allo spiedo... (sic!)

Per questo sono stati gradualmente soppressi tutti i segni esterni, che sono indicativi della fede nella Presenza Reale di Gesù Eucaristico, come le genuflessioni, le ore di adorazione pubbliche, la consuetudine santa di circondare il Tabernacolo di luci e fiori.

Così, alla tenebrosa forza che oggi esercita la Massoneria ecclesiastica per distruggere Cristo e la Sua Chiesa, Io oppongo il forte splendore della mia schiera sacerdotale fedele, perché Cristo sia da tutti amato, ascoltato e seguito.

In questo soprattutto risplende la vittoria della Donna vestita di Sole e in cui il mio Cuore Immacolato avrà il suo più luminoso trionfo.»




Conclusione

Come vediamo, è incredibile come la Vergine Maria abbia predetto con assoluta precisione quello che sta accadendo oggi, e sarebbe perciò vera stoltizia sottovalutare i suoi annunci che mirano soltanto alla Salvezza dell'intera umanità.

Per questo Ella ha suscitato un bravo e coraggioso pastore come don Minutella che, malgrado tutto il veleno e l'astio che gli viene gettato addosso, continua imperterrito la sua Missione, meritando ampiamente il nostro pieno rispetto, unitamente alle preghiere di tutti che gli agevoleranno il Cammino e l'Opera, preservandolo almeno un po' dagli attacchi satanici che sembra già duramente subire.


Stralci dei messaggi presi dal libro di Don Stefano Gobbi scaricabile QUI.

martedì 12 giugno 2018

INDISPENSABILE LEGGERE, se si Vuole Soffrire Meno!




Sebirblu, 12 giugno 2018

Questo ammaestramento, come riscontreranno coloro che ormai vibrano nell'aria più rarefatta delle altezze spirituali, proviene da fonte altissima. Fonte che per Volontà Suprema è entrata nel silenzio per dar modo a tutti di non rimanere eterni studenti ma di mettere in atto gli insegnamenti ricevuti.

Si tratta del Centro Ramala, universalmente conosciuto, i cui libri, ora trovabili solo in lingua inglese QUI, sono stati tradotti in francese, tedesco, spagnolo, danese e portoghese. Forse qualche copia la si può ancora rintracciare in librerie di seconda mano.

La profondità del contenuto di questo messaggio è fuori discussione e permette ad ognuno di noi di valutare l'esperienza della vita da un punto di vista nuovo, distaccato ma reale, per far sì che il nostro coinvolgimento nei fatti più o meno dolorosi che ci investono abbiano ad essere superati più agevolmente.

È arrivato il momento, d'altronde, in cui l'Umanità DEVE prendere coscienza della Realtà dello Spirito e non indugiare oltre nel sonno millenario che l'ha condotta fino all'attuale disastrosa situazione planetaria.




Una prospettiva sul Male e la Sofferenza.

Mi domando perché riteniate che Io, sul mio piano d'esistenza, sia in una posizione atta a potervi aiutare. Quale messaggio pensate che possa dare a voi affinché rischiariate le vostre tenebre qui sulla Terra, aiutandovi a portare più facilmente i singoli fardelli karmici?

Il velo tra l'essere incarnati e non, tra quello che chiamate vita e morte, sebbene talora potrebbe sembrare sottile a causa di comunicazioni come questa, tuttavia, costituisce una separazione ben definita tra i due piani dimensionali.

Dovete sapere che proprio come voi non potete vedere Me, Io non posso vedere voi in forma fisica. Vi percepisco solo come un'emanazione di energia, un punto di luce, un insieme di vari colori (irradiati dall'aura, cfr. QUI e QUI; ndt).

Però Io, nella mia posizione, ho due vantaggi su di voi:

Il primo è che non sono imprigionato in un corpo fisico d'argilla con tutti i suoi limiti e restrizioni.

Il secondo, che non sono condizionato dal tempo e quindi ho una maggiore visuale di voi sull'esistenza, perché riesco a ravvisare non soltanto la natura del percorso vitale terreno di ora, ma anche quello del passato e del futuro.

Voi potete solo inquadrare un frammento per volta, l'istante in cui vivete, ma Io ne posso vedere molti contemporaneamente in modo che, uniti, rendano la prospettiva completa.

Se voi doveste andare al cinema e guardare sullo schermo solo pochi fotogrammi di un film, avreste una grande difficoltà a comprenderne la storia o l'intera trama dall'incompleta proiezione.

Potreste soltanto immaginare gli accadimenti anteriori e quello che potrebbe avvenire dopo. In più, se in quelle brevi immagini osservaste la scena di un omicidio, allora, anche se vi verrebbe da reagire all'uccisione, di nuovo potreste solo ipotizzare le sue cause scatenanti.




Non sapreste dire se quella morte potrebbe avere un grande significato e uno scopo in piani superiori di vita, o rappresenti o no l'eliminazione di qualche pesante debito karmico.

Ma Io, dopo aver visto il film intero, per così dire, sarei in grado di gettare un po' di luce sulla motivazione e il nesso di causalità di tali eventi.

Capisco, quindi, perché troviate così difficile realizzare cosa stia succedendo nel vostro mondo d'oggi e il motivo per cui così tanto male e sofferenza siano presenti sulla Terra. Dunque, è dal mio punto di vista prospettico più vasto che ho la possibilità di illuminarvi.

L'esistenza sul vostro mondo è stata rapportata ad una rappresentazione che si svolge su un palcoscenico.

Non è una perfetta analogia, ma vi fornisce una certa similitudine perché, implicitamente, vuol dire che se voi siete gli attori sulla scena, allora il pubblico è costituito da milioni e milioni di Esseri, non soltanto sul Pianeta, ma anche su altri livelli di vita.

Ora, valutando la comparazione con un ulteriore passo avanti, proprio come si guarderebbe il contenuto delle opere di Shakespeare, sono consapevole dell'immensa e dolorosa vicenda terrena, del suo svolgersi, dei vari personaggi e del ciclo conclusivo della vita umana sulla Terra.

So che siete solo attori che interpretano dei ruoli e che, in quanto tali, non dovreste identificarvi con le maschere che rappresentate.

Tutti vi siete incarnati per avere una parte in questo grande dramma cosmico ed è essenziale che lo impersoniate dando il meglio delle vostre capacità, il massimo di voi stessi.

Pertanto,  non  sono  autorizzato  a  distrarvi  dal  vostro  ruolo,  a  confondervi  con visioni di altre performances passate o future per non togliere alcun realismo alla rappresentazione.

Come accade in ogni buona recita, c'è spesso uno scontro tra il Bene ed il Male che il pubblico vede e giudica. Quindi è importante comprendere che ambedue gli estremi sono stati coordinati dall'Autore della trama alfine di creare una situazione tragica o di apprendimento.




Questo è ugualmente vero per il vostro proprio cammino personale, per la vostra stessa esistenza, e dovete riconoscere che le persone o gli aspetti della vita che vi minacciano, in qualche modo, non sono automaticamente negativi solo perché vi stanno spaventando.

Ricordatevi che entrambi sono stati previsti dallo stesso Artefice – Dio, Colui che programma soltanto concomitanze perfette. 

Così, quando utilizzo i due termini "Bene e Male" non sto emettendo alcun giudizio. La Bontà è l'opposto della Cattiveria, questo è tutto. Non si deve dire che la Bontà sia giusta e la Cattiveria sbagliata, che quella deve essere innalzata e questa punita.

Se ci accingiamo a definire il Bene e il Male del Tutto, allora, è meglio guardarli in termini di flussi energetici. La Bontà non è altro che l'energia della Creazione utilizzata positivamente e il Male ne è la controparte usata negativamente o in senso inverso.

Quindi non si dovrebbe giudicare una persona da come utilizza tale energia. Ogni Essere umano è figlio di Dio, da Lui creato e amato come solo un Genitore perfetto può amare Suo figlio. Dunque non spetta a voi giudicarlo e condannarlo.

Quando si va a teatro per guardare una recita sul palcoscenico, da che angolatura si osserva un attore raffigurante un personaggio «maligno»? Si giudica l'attore o il ruolo?

Mentre da un lato si potrebbero criticare i comportamenti caratteriali che vengono raffigurati - per esempio dell'imperatore Nerone nell'antica Roma - dall'altro viene fatta una distinzione tra la parte e l'attore che la sta recitando.

Infatti, lo si applaudirà all'alzata del sipario per la sua bravura nell'aver interpretato il ruolo malefico come voi credete che sia.




L'attore, che è lo Spirito, in contrapposizione al «personaggio» che è l'Anima con il corpo fisico e i suoi corpi sottili (la «persona» che vuol dire proprio «maschera» ndt) unitamente al karma che deve trasmutare, è visto come un interprete.

L'esecutore invece (la maschera quindi) è apprezzato per la funzione che svolge nel dramma e per le lezioni o test che presenta al pubblico. Questo è vero a tutti i livelli di vita.

Sotto una tale ottica, diventa possibile per voi accettare come le forze del Bene e del Male, che si confrontano oggi così dolorosamente nel mondo, siano necessarie e previste.

Rientrano entrambe nel grande «disegno» stabilito da Dio dopo l'immensa tragedia (la Caduta Iniziale, QUI e QUI; ndt) avvenuta al Principio. Allora, qual è lo scopo del Male? (Vedere anche QUI, QUI, QUI  e  QUI; ndt). Perché Dio lo ha permesso?

È questo il momento necessario per introdurre l'aspetto che ho chiamato prospettiva. Se  siete  solo  alla ricerca  di  un  fotogramma  in  un  film,  equivalente  cioè  ad  una piccola parte nella vita di una persona, come potete anche solo iniziare a dare una valutazione oggettiva su ciò che è Bene o è Male?

State basando il vostro giudizio su una frazione di secondo dell'eternità. Ma se, invece, poteste osservare i fotogrammi prima e dopo tale azione, ossia la vita precedente e successiva, avreste un'idea più chiara del perché una persona si sia comportata in un certo modo.

Vi è mai venuto in mente che il Male ha motivo di esistere e che, al contrario, è proprio ad esso che si debbono alcuni dei più grandi passi avanti nell'evoluzione della società umana?

Si consideri il rapporto tra Gesù e Giuda. Anche se Giuda viene universalmente disprezzato e insultato per ciò che ha compiuto, il tradimento in questione era programmato e previsto, così come qualsiasi altro evento verificatosi nella vita di Gesù.




Molto di ciò che è accaduto era stato profetizzato secoli prima che avvenisse. Giuda era semplicemente un «attore» chiamato per adempiere il suo ruolo sulla scena di quel periodo storico.

(Infatti era un'anima involuta che avrebbe comunque perpetrato dei crimini a cui è stata data la possibilità, innestandosi nella vita del Cristo, di potersi evolvere più celermente. È stata la sua decisione di impiccarsi a rovinare tutto; ndt).

Considerate, di conseguenza, i numerosi esempi minori di tradimento che avvengono quotidianamente nei vostri confronti e i giudizi che emettete verso le persone che li attuano. Sono davvero un male?

È persona stolta e superficiale chi formula un tale giudizio, mancante della visione spirituale volta all'eternità e non scorgendo quindi né la ragione, né lo schema insito in ogni azione umana.

La vita è una sapiente miscellanea di Bene e di Male ed è progettata per agire come uno specchio nel quale potete vedervi. 

Dipende da come rispondete alla sua sfida il trarne un bilancio sulla crescita e l'evoluzione. Questo è lo scopo del dramma, il ruolo del Bene e della Luce. È per farvi conoscere voi stessi.

Il Male, l'energia negativa, è presente in ogni aspetto dell'esistenza, non importa se a livello nazionale, internazionale o familiare. Ma esso arriva sempre per un motivo. Non avviene mai casualmente.

Nessuno soffre per caso. Attirate a voi esattamente quello che avete prodotto con le vostre azioni passate, in questa o in altre vite precedenti, e questo è vero sia come nazione che sul piano singolo. (Cfr. QUI, QUI, QUI e QUI; ndt).

In questo momento del Ciclo Cosmico, alla fine di un'Era, quando così tanto male viene messo in evidenza sul Pianeta, pronto alla trasmutazione karmica, siate consapevoli che l'Umanità deve fronteggiare una prova suprema.



John Pitre (dettaglio)

È un tempo in cui tutti acquisirete la Consapevolezza spirituale, la comprensione del senso della vita, sarete testati fino all'estremo limite. Giornalmente sarete esposti e sollecitati ad agire davanti a grandi sofferenze umane. Dovrete assumere misure adeguate di Pensiero, Parola ed Azione.

Vi domanderete costantemente: "Perché deve succedere questo?" Lasciate che vi dica il perché! In tempo di relativa pace, l'Umanità raramente riflette sulla ragione della vita e della morte, tranne nel caso in cui esse sono viste come eventi "naturali".

Ma in tempo di guerra, quando milioni di individui soffrono e muoiono, quasi tutti esaminano le loro Anime per rapportarsi ai massacri e alla degradazione umana tentando di scorgerne il vero scopo e il significato recondito. Essi sono costretti a misurarsi con la propria esistenza e la propria dipartita.

Voi, voi stessi, sapete fin troppo bene che è soltanto in tempi di crisi, quando i vostri problemi appaiono insormontabili, che vi rivolgete a Dio per chiedere aiuto, che cercate la guida dell'Essere Supremo, perché semplicemente non potete affrontare il mondo che vi circonda. Sentite di non avere più il controllo sugli accadimenti intorno a voi.

Il Male, dunque, può essere considerato come un grande processo di riassetto. Costringe le persone a rivolgersi all'interno onde esaminare il loro atteggiamento esistenziale, per divenire Entità in sintonia con Dio.

Esse sono obbligate a confrontarsi con il Male e a decidere se trasformarlo o distruggerlo. Non siate indotti a pensare che dal momento in cui vi parlo da un piano dimensionale superiore sia in qualche modo più evoluto di voi.

Anche un'anima evoluta, quando scende in un'incarnazione fisica, soprattutto ora, mentre ci avviciniamo al tempo di Armageddon (lo scontro ultimo dell'Apocalisse, ved. QUI e QUI; ndt),  può essere soggetta in qualche modo al karma dell'uomo.




È fin troppo facile, a volte, dimenticare la propria eredità divina, l'eternità dello Spirito, e rimanere intrappolati nei propri sensi credendo che la vita sia reale e che l'Anima sia un'illusione. Ma questa è la prova, la conquista dell'esistenza.

La vita sulla Terra ora è un po' come una fornace. Verrete fusi nei fuochi di trasformazione della battaglia finale, le vostre impurità scorreranno via e voi emergerete, come la Fenice della leggenda antica, nella forma più pura e più alta, pronti a prendere il vostro posto nella Nuova Era.

Ricordate  sempre,  tuttavia,  l'analogia del dramma.  Anche  il  lungo  periodo  dei Pesci si riproporrà come di volta in volta viene ripetuta una rappresentazione shakespeariana.  Sebbene  gli  attori  mutino,  i  ruoli  rimangono  i  medesimi.

Quindi osservate pure la recita, ma non diventate tutt'uno con essa. Non permettete che il dolore lì espresso diventi la vostra sofferenza personale.

Riconoscete una tale raffigurazione per quello che è: soltanto uno strumento di apprendimento e di evoluzione divina.

Siate coscienti d'essere dei privilegiati sulla Terra in questo momento, avendo presenziato al termine dell'Era dei Pesci; vi è stata concessa questa suprema opportunità per ripulire le vostre incisioni karmiche.

Tutto ciò che vi viene domandato è che impersoniate la vostra parte al meglio delle singole capacità fisiche e spirituali, ma abbiate sempre la consapevolezza di stare interpretando un personaggio, come un attore, che è il vostro Spirito divino.

Non è facile, lo so, riconoscere che voi non siete il vostro corpo. Allorché si è racchiusi nella forma umana e suscettibili a tutte le sue percezioni sensoriali, sentirsi un'Anima rispetto alla coscienza del corpo è molto arduo.



Tomasz Alen Kopera 1976

Come lo è realizzare che siete una Scintilla Eterna, una Particella che sta ascoltando Me anche adesso, un Ente che esisteva prima della nascita e che esisterà ancora dopo il trapasso; una piccola Luce che ha vissuto numerose volte su piani dimensionali diversi e che ha trascorso sulla Terra parecchi cicli d'evoluzione. (Cfr. QUI; ndt).

È difficile, lo so, soprattutto in tempi come questo, ascoltare il richiamo dello Spirito dentro di voi. La Sua Voce pacata è stata sommersa dalla cacofonia dell'esistenza mondana.

Ma la sfida del Male e la conoscenza del dolore vi fanno ripiegare su voi stessi spingendovi alla riflessione interna, e quindi all'ascolto della vostra nota d'Anima, della vostra Essenza spirituale.

Il vostro corpo fisico e i sensi, confinati alla Terra e alle restrizioni del piano fisico, non potranno mai contemplare la natura dei grandi eventi cosmici che si stanno manifestando ora nel vostro mondo.

La comprensione dell'esistenza al vostro livello è molto limitata ed è connessa alle esperienze di questo ciclo vitale. Ma la vostra coscienza d'Anima, collegata alla Sorgente di ogni Vita, può darvi la visuale di cui vi ho parlato.

La caratteristica di uno Spirito veramente evoluto è la sua capacità di focalizzare il suo percorso, di vedere il passato, il presente e il futuro (ved. QUI; ndt) come un continuum temporale, in modo da inquadrare tutte le esperienze reincarnative compendiandole  in  una.

Un tale Essere è quindi in grado di osservare correttamente lo scenario teatrale dell'esistenza che fluisce davanti ai suoi occhi, e può inserirvi qualsiasi evento tragico in prospettiva.

Soprattutto, però, si rende conto che l'obbiettivo di ogni patimento è soltanto quello di purificare i molteplici aspetti della sua Individualità eterna.

Voi soffrite veramente quando siete intrappolati nella dimensione fisica. Vi sentite non amati e reietti nel momento in cui siete lontani dalla Fonte Originaria.

Quando create una scissione tra voi e il vostro Creatore, tra la rappresentazione della vita e il suo Artefice, allora siete condannati a sperimentarla e ad assumere i suoi ammaestramenti.

Compenetrerete il dolore e la pena dei meno evoluti e le loro lezioni diventeranno le vostre. Ma questa è la vostra scelta e tale è lo scopo del percorso esistenziale.

L'Anima progredita, che ha camminato un po' più a lungo sul Sentiero dell'evoluzione umana, può vedere la mano di Dio in tutti e in ogni cosa. Sa che non succede nulla a cui non sia stato permesso di accadere dal Creatore stesso.




Comprende che ogni capello sul suo capo è contato e che ogni Pensiero, Parola ed Azione vengono osservati dall'Eterno ed acquisiti perennemente. (Negli Annali Akashici, cfr. QUI; ndt).

È consapevole di dover vivere nel mondo, ma di non appartenere al mondo.

Sa che la vita non è che una raffigurazione di passaggio, interpretata per la crescita e l'evoluzione individuali e che, in verità, nessuno muore mai realmente, né soffre mai davvero.

La Terra è una scuola di formazione, una scuola di vita. Siete voi che decidete la natura degli insegnamenti e scegliete le vostre esperienze di apprendimento. Ogni giorno attirate a voi nel vostro campo aurico le lezioni che siete in grado di svolgere.

Nessun evento accade mai per caso. Nessuna prova è il risultato di un destino cieco. Ogni giorno è un dono del vostro Creatore, progettato appositamente per presentarvi delle opportunità o dei test per ripulire gli aspetti spirituali del vostro Essere.

Altre persone si troveranno ad affrontare prove differenti. Non pensate di dovervi addossare i loro pesi, di caricarvi dei loro fardelli. Non assorbite, appesantendovi, tutto il Male e la Sofferenza che si manifestano sul vostro Pianeta. È una lezione necessaria per l'Umanità in questo momento.

Riconoscete che il dolore ha uno scopo e un senso, inquadratelo in un'ottica giusta. Se riuscite a comprendere lo svolgersi dell'esistenza e dei cicli cosmici che la controllano, allora avrete la facoltà di scegliere se parteciparvi o meno.

In quel momento, potrete veramente chiamare voi stessi «Maestri» del piano fisico di vita.