lunedì 16 luglio 2018

DRAMMATICO APPELLO DI GESÙ AI SACERDOTI DEL MONDO!


Jacek Yerka

Sebirblu, 16 luglio 2018

Ripropongo questo mio articolo pubblicato due anni fa sui Messaggi di Maria della Divina Misericordia perché rispecchiano esattamente quello che sta accadendo oggi ai vertici vaticani.

Meritano una seria riflessione, con mente aperta, soprattutto da parte dei sacerdoti, che in questo periodo sono messi a dura prova per la nuova "dottrina modernista" ecclesiale. (Cfr. anche QUI, QUI e QUI).

Molti di loro, purtroppo, hanno osteggiato e irriso queste comunicazioni che invece, nel corso degli anni si sono puntualmente avverate, soprattutto per quanto riguarda gli eventi succedutisi nella Chiesa di Roma: dalle dimissioni di Benedetto XVI alle elezioni del Falso Profeta – Bergoglio.

Tali Messaggi sono perfettamente in linea con quelli di Conchiglia, del Movimento d'Amore San Juan Diego, di cui mi sono occupata particolarmente QUI, con le profezie sull'attuale papa.

Ne riporto uno alla fine di questo post perché si tratta di un forte APPELLO-MONITO proveniente dal CRISTO – rivolto a tutti i consacrati del mondo – affinché prendano coscienza dell'allarmante situazione in cui versa la Chiesa da Lui istituita e siano guidati nei loro giusti comportamenti.

Possa questo mio lavoro contribuire a "risvegliare" il discernimento di coloro che si ostinano, nonostante l'evidenza dei fatti, a seguire – "come le pecorelle che escon dal chiuso... e ciò che fa la prima, l'altre fanno..."  le consuete direttive «infallibili» e perciò "incontestabili", della Santa Sede.




Ecco dunque alcuni brani, la cui datazione antecedente al nuovo pontificato, sgombra il campo da qualsiasi dubbio sulla loro veridicità.

5 marzo 2011 – Gesù, il Divino Salvatore. (QUI)

[...] Chiedi a tutti di pregare per il Mio amato Vicario, Papa Benedetto, poiché è circondato dai nemici del Mio Eterno Padre. Pregate per i sacerdoti che non hanno mai vacillato nella loro fede in Me. [...]

Essi hanno bisogno di riflettere intensamente ora, poiché il risultato di questo attacco al Mio Santo Pontefice sarà testimoniato da voi tutti. Pregate, affinché il Falso Profeta venga identificato per ciò che realmente è.

State attenti al suo comportamento e alla sua cura nel cercare il proprio fine, la giusta maniera in cui i Miei incauti servitori consacrati cadranno in soggezione ai suoi piedi. Poi ascoltate attentamente quello che ha da dire...

La sua umiltà sarà falsa, le sue intenzioni maliziose e l'amore che emana sarà tutto incentrato su di sé. Egli sarà visto come una persona innovativa e dinamica, una boccata d'aria fresca. Sebbene egli sia motivato ed energico, i suoi poteri non verranno da Dio, l'Eterno Padre. Verranno da Satana, il maligno. [...]

Ricordate una lezione: i Miei Insegnamenti non cambiano mai. Sono gli stessi di sempre. Come ho detto in precedenza, quando voi scoprirete che essi saranno manomessi, attenuati o, come in questo caso, distorti in modo da sembrare strani o in contrasto con i Miei Insegnamenti,  allontanatevi  e  chiedeteMi  la  guida.

6 giugno 2011 – Gesù, Re dell'umanità. (QUI)

[...] Papa Benedetto è circondato da nemici di Dio molto potenti, avidi di potere e dominio della Mia Chiesa. La preghiera può contribuire a ritardare la sua imminente partenza, allorché egli sarà costretto a lasciare il Vaticano, come predetto.

Questo tempo sarà il più buio che si sia mai presentato ai Miei servitori consacrati, ai vescovi, ai cardinali e a tutti i Miei veri discepoli. Ora, le Chiavi di Roma saranno restituite a Dio Padre Onnipotente. [...]



Nicolas Poussin (1594-1665) - Ordinazione di Pietro a cui il Cristo consegna le Chiavi.

17 gennaio 2012 – Gesù Cristo, il Salvatore. (QUI)

[...] Quanti di voi condannano sbrigativamente i Miei messaggeri stiano molto attenti. Voi, Miei servitori consacrati, sarete l'obiettivo principale dell'Ingannatore.

In primo luogo, saranno le vostre menti a girarsi dall'altra parte, poiché quando volterete le spalle a Me, allora voi guiderete il Mio popolo nella direzione sbagliata.

Involontariamente, gli impedirete di sentire la Verità dalle Mie Divine Labbra. Voi priverete i Miei figli del nutrimento essenziale per la loro crescita spirituale. [...]

18 gennaio 2012 – La Vergine Maria, Madre della Salvezza (QUI e QUI)

Figlia mia, vi è bisogno di perseveranza da parte di tutti i figli di Dio, durante questo tempo di apostasia nel mondo. [...]

Una setta malvagia sta complottando contro Papa Benedetto XVI dentro gli stessi corridoi vaticani. L'esistenza di questa fazione, all'interno della Santa Sede, è nota tra i consacrati, ma essi sono impotenti contro questo gruppo del Male che si è infiltrato nella Chiesa Cattolica ormai da secoli.

È responsabile di distorcere la Verità contenuta negli Insegnamenti di mio Figlio, e si conosce così poco delle sue vili opere! Ha spinto via l'effettiva Dottrina della Chiesa Universale e al suo posto, negli ultimi quarant'anni, i cattolici sono stati nutriti forzatamente con una versione tiepida e annacquata.

Una gran confusione è stata sparsa da questa demoniaca ed occulta setta, tanto che i miei figli hanno vagato lontano dalla Vera Chiesa.

Pregate, affinché non venga allontanato il Papa.

Pregate, perché il Falso Profeta non occupi il seggio di Pietro, diffondendo così delle menzogne.

Pregate, affinché i servitori consacrati all'interno del Vaticano siano abbastanza forti da resistere a questo ignobile complotto,  ideato per distruggere la Chiesa Cattolica.

Hanno pianificato di sostituire il Santo Vicario, Papa Benedetto XVI, con un bugiardo dittatore. Egli, in combutta con l'Anticristo ed il suo gruppo, creerà una chiesa diversa allo scopo di ingannare il mondo.


Da Conchiglia: "
Il Piano Massonico per la distruzione della Chiesa" -
 QUI. 

Tristemente, molti miei figli, per la loro dedizione alla Fede Cattolica, seguiranno alla cieca questa nuova falsa ideologia, come agnelli condotti al macello.

Figlioli, destatevi alla Verità. Nel corso degli anni, questo piano orribile ha cambiato la fondamentale autenticità della Dottrina Cattolica. Voi insultate mio Figlio quando ricevete la Santa Eucarestia nella mano. Questa è stata opera loro. [...]

Un grande Male, nascosto per secoli nei corridoi della Santa Sede, a breve emergerà perché il mondo lo veda. Coloro che sono assistiti dallo Spirito Santo capiranno la Verità non appena il perfido inganno verrà presentato al mondo. (Cfr. QUI e QUI; ndr).

Gli altri, purtroppo, lo seguiranno ad occhi chiusi finendo in un vicolo cieco. Si verificherà una grande divisione tra le fila dei sacerdoti, vescovi, arcivescovi e cardinali. Una parte contro l'altra. I veri discepoli dovranno nascondersi e predicare privatamente, altrimenti saranno uccisi.

La Chiesa autentica sarà talmente vessata, che i veri cristiani dovranno stringersi insieme per manifestare la loro fedeltà all'Eterno Padre. A motivo dello sdegno dell'Altissimo  per  questa  farsa, la  Terra  tremerà  ovunque.

Figlia mia,  costoro non possono vincere.  Sarà grazie alla fede e al coraggio del rimanente popolo di Dio che ne conseguirà la distruzione di questi diabolici impostori. Ora preparatevi, ed aspettate che la Chiesa di Roma annunci tali innovazioni.

Solo allora conoscerete la Verità di quello che vi dico. Pregate per Papa Benedetto e i suoi fedeli sostenitori.



Pare che i cristiani saranno ancora costretti a nascondersi come al tempo delle catacombe a Roma
quando l'apostolo Pietro predicava, come rappresentato qui.  

27 gennaio 2012 – Gesù Cristo: Chiamata per il Clero. (QUI)

[...] Miei amati discepoli, clero religioso e sacerdoti appartenenti alla Santa Chiesa Cattolica, sappiate che Io vi amo tutti. Moltissimi di voi, che con generosità di cuore, hanno rinunciato alla propria vita per Me, adesso avranno bisogno del Mio appoggio.

Pregate per ricevere consiglio, per restare saldi nella fede e per ottenere in qualsiasi circostanza il discernimento. Non perdeteMi di vista nemmeno per un attimo.

Ho bisogno di voi per preparare il Mio gregge, affinché accolga la Mia Seconda Venuta tanto attesa sulla Terra.

Avrete la necessità di perseverare e non dovrete permettere che il vostro amore per Me venga affievolito in alcun modo, indipendentemente da quanto sarà intensa la pressione a cui voi sarete sottoposti.

Voi siete i Miei veri discepoli e devo esortarvi ad impugnare le vostre armi spirituali per salvare la Mia Chiesa che è fondata sulla Roccia, da Pietro, e come tale non verrà mai meno. Il nemico crede che possa essere distrutta, ma questa è una congettura insensata. Nessuno potrà mai annientarla.

Essa risorgerà dalle ceneri per proclamare la Mia Gloria mentre Io ritornerò per mettere al sicuro il Mio Regno sulla Terra. Voi non dovete mai abbandonare Me, il vostro amato Salvatore. Mai!

Senza di Me, infatti, non vi è alcuna Luce. Senza Luce non vi è alcun futuro. [...]




8 marzo 2013 – Gesù, il Cristo (QUI)

Mia amata figlia prediletta, Satana è in collera contro la Mia Chiesa sulla Terra e l'infestazione continua a diffondersi tra le sue mura.

L'astuto impostore, che è stato pazientemente in attesa dietro le quinte, dichiarerà presto il suo regno sui Miei poveri e ignari servitori. Il dolore che infliggerà loro è arduo da sopportare per Me, e tuttavia il suo regno culminerà nella purificazione ultima del Male dal cuore della Chiesa stessa.

Egli ha preparato con cura la sua posizione e presto il suo pomposo comportamento sarà visto in mezzo alla sua splendida corte.

All'inizio, il suo orgoglio, l'arroganza e l'ossessione di sé verranno accuratamente nascosti al mondo, che tirerà un sospiro di sollievo quando lo squillo delle trombe annuncerà il suo mandato come capo della Sede di Pietro.

Il Mio Corpo è la Chiesa, ma non sarà a Me che egli darà il pegno della sua fedeltà, poiché egli non ha per Me amore alcuno. La sua lealtà è per la Bestia, e quanto riderà e deriderà i Miei sacri servitori che lo sosterranno.

Colui che osa sedersi nel Mio Tempio e che è stato mandato dal Maligno non può dire il Vero, perché non viene da Me. Egli è stato inviato per smantellare la Mia Chiesa e ridurla in frantumi prima di sputarla fuori dalla sua ignobile bocca.

Essa è ancora viva, ma solo coloro che dicono la Verità e rispettano la Sacra Parola di Dio ne possono far parte sulla Terra. Ora che l'offesa finale sta per essere manifestata contro di Me, il Cristo Signore, attraverso la Cattedra di Pietro, capirete finalmente il grande inganno.

Il Libro della Verità, annunciato da Daniele per il tempo della fine (QUI), non sarà preso alla leggera dai membri della Curia Romana, poiché il suo contenuto farà sentire male i Miei amati sacerdoti quando si renderanno conto che Io dico la Verità.




Il Falso Profeta, colui che si pone come capo sul Soglio petrino, è pronto ad indossare le vesti che non sono state fatte per lui. (Bergoglio verrà proclamato papa dopo 5 giorni da questo messaggio; ndr).

Egli dissacrerà la Mia Santissima Eucaristia e dividerà la Chiesa a metà e poi ancora a metà.

Si impegnerà per allontanare i fedeli seguaci del Mio amato Vicario Papa Benedetto XVI, nominato da Me.

Sradicherà tutti coloro che sono fedeli ai Miei Insegnamenti e li getterà ai lupi. (Cfr. QUI; ndr).

Le sue azioni non saranno subito evidenti, ma ben presto i segni emergeranno non appena si proporrà di cercare il sostegno di leader politici influenti e di quanti ricoprono posizioni di prestigio.

Quando l'abominio prenderà piede, i cambiamenti saranno improvvisi. Subito dopo, verrà da parte sua l'annuncio di creare una Chiesa Cattolica unita, collegando tutte le fedi e le altre religioni. (Cfr. QUI e QUI, ma anche all'etichetta Bergoglio per tutti gli altri post; ndr).

Egli sarà il capo dell'Unica Nuova Religione Mondiale e regnerà su tutte le altre fedi. Abbraccerà l'ateismo, eliminando il suo simbolo (la Croce) che egli dirà essere fissato nel perseguimento dei cosiddetti diritti umani. (Cfr. QUI, le foto; ndr).

Tutti i peccati agli occhi di Dio, saranno considerati accettabili da questa nuova chiesa aperta a tutti. 




Chiunque cercherà di sfidarlo sarà ricercato e punito. Quei sacerdoti, vescovi e cardinali che si opporranno a lui saranno scomunicati e spogliati dei loro titoli. Altri saranno tiranneggiati e perseguitati (cfr. QUI; ndr), come molti sacerdoti che dovranno andare a nascondersi. (Cfr. QUI).

Voi, Miei poveri cari servitori che ora riconoscete la Mia Voce, siete pregati di ascoltarMi poiché vengo a voi per portarvi conforto. Non vi chiederò mai di rifiutare la Mia Chiesa sulla Terra perché sono Io che l'ho creata.

Ho offerto il Mio Corpo come Sacrificio Vivente per salvarvi. Vi è stata data la responsabilità di testimoniare in Mio favore per salvare le anime di coloro che voi istruite e guidate.

Tutto ciò che potete fare è avere fiducia in Me e continuare a servirMi. Quello che non dovete fare è di accettare qualsiasi dottrina presentata a voi e che vedrete subito non essere in conformità con i Miei Insegnamenti.

Dovete fare quello che il vostro cuore vi suggerisce, ma sappiate che questo periodo sta per causarvi una profonda angoscia, e il dolore vivo che proverete vi lascerà nel pianto quando vedrete come la Mia Istituzione Sacra verrà vilipesa.

Ma dovrete riconoscere le menzogne che vi verranno presentate per quello che sono: un affronto alla Mia Morte sulla Croce.

Tale distruzione può provocare il collasso dell'intera struttura ecclesiale. Le modifiche e gli adattamenti degli edifici, insieme con il nuovo tempio creato per l'Unica Nuova Chiesa Mondiale, saranno predisposti e sistemati a Roma.

Siate sicuri che, appena il Mio Tempio sarà profanato, Io, Gesù Cristo, il Salvatore di tutta l'umanità sarò eliminato e gettato nel fosso.



La fulminante risposta del Cielo per il destino della Chiesa di Roma e del papato, proprio
lo stesso giorno delle dimissioni di Benedetto XVI, avvenute l'11 febbraio 2013.
 Il Vero Motivo 
QUI, e QUI.

[Nel messaggio che segue, il Cristo annuncia che sarebbe stato compiuto un "gesto nefando" contro il Suo Santissimo Nome proprio durante la Settimana Santa, e così è avvenuto, ad opera del papa che era stato eletto da tre giorni; cfr. QUI; ndr].

 14 marzo 2013 – Gesù, il Cristo (QUI)

"Mia amata Figlia prediletta, che sofferenza viene vissuta dai Miei amati servitori sacri, vicini al Mio Cuore, che conoscono la Verità e che devono testimoniare l'abominio nella Mia Chiesa sulla Terra.

Ci sarà un insulto particolare, che verrà inflitto al Mio Santo Nome, nel tentativo di dissacrare Me, durante la Settimana Santa. (Segnalo pure, per un analogo motivo, l'articolo recente di Socci QUI; ndr).

Questo gesto nefando sarà visto da coloro che tengono gli occhi aperti e sarà uno dei segni con cui capirete che l'Impostore, che siede sul Trono di Pietro, non viene da Me.

Discepoli Miei, dovete sapere che le profezie date al mondo – preavvisi del periodo in cui il potere dentro la Mia Chiesa sarà preso da coloro che sono fedeli alla Bestia – sono su di voi. Il tempo è ora. (Cfr. QUI; QUI e QUI; ndr).

Ricordate che quelli che mostrano altezzosamente il distintivo dell'umiltà sono colpevoli di orgoglio. L'orgoglio è una colpa.



Allison Misti è un'altra mistica cattolica che annuncia le stesse cose. Il suo sito è QUI.

Quelli che sostengono come la Mia Chiesa debba rinnovare la propria immagine e aggiornare la sua dottrina asserendo che, modernizzandola, sarà accetta a più persone, sappiano questo:

– Quelli tra voi che dicono di seguire i Miei Insegnamenti, ma che vogliono leggi modificate per condonare gli atti che sono peccati ai Miei occhi, escano subito dalla Mia Chiesa. Voi non siete Miei. Mi avete girato le spalle e non siete degni di far parte di Essa. Eppure, questo è ciò che accadrà...

Voi, insieme a tutti quelli che chiedono cambiamenti e che sono abbracciati dal mondo secolare, verrete esauditi, poiché il Falso Profeta vi sedurrà in suo favore e applaudirete ogni momento del suo regno di breve durata. Ma, non sarò Io, Gesù Cristo, Colui che seguirete. Starete seguendo una falsa dottrina, non di Dio.

Così, tanti di voi abbracceranno il regno del Falsario e Mi spingeranno di lato con la gioia nei loro cuori. Poi, quando gli errori dei suoi modi diverranno evidenti, i Miei servitori sacri perderanno l'orientamento.

La loro afflizione muterà in paura e la paura si trasformerà in disperazione. Non sapranno più di chi fidarsi, ma devono capire questo: il Mio Corpo, ossia la Mia Chiesa, può essere flagellata e dissacrata, ma il Mio Spirito non potrà mai essere toccato, poiché non potrà mai morire.

Benedico ugualmente quelli che rigettano la Mia Parola ora, e la Verità che viene loro offerta come dono speciale dal Cielo. Continuerò a riversare le Mie grazie su tutti sino a quando non ritornerete a Me. Non Mi arrenderò, finché potrò salvare le vostre anime desolate.

La Mia Chiesa, dove gli Insegnamenti e i Sacramenti Miei rimangono intatti, vivrà e non potrà mai morire. Non ha bisogno di mattoni e malta per sopravvivere, perché Io Sono il Cristo, il Cui Corpo Mistico è la Chiesa stessa. (Cfr. QUI e QUI; ndr).

Voi, Miei preziosi e amati sacerdoti, servi sacri e fedeli, fate parte di Me. Siete le Membra di tale Corpo, quindi, dovete imparare ad essere forti, coraggiosi e rispettosi della Mia Parola, non importa quali argomenti vi siano presentati al contrario.

È vicino il tempo in cui lo scisma sarà messo a nudo, e già un disagio terribile è sentito a Roma. Quando lo Spirito Santo si scontra con lo spirito del Male, avviene una drastica scissione ed emergono i due lati.

La grande frattura avrà rapidamente luogo. Poi, molti di coloro che saranno stati ingannati dal Bugiardo torneranno di corsa tra le Mie Braccia per avere protezione.

Vi guido in questi tempi dolorosi e chiedo che tutti Mi affidiate le vostre lacrime affinché vi consoli nello spirito.

Vi benedico e vi proteggo portandovi la Pace del cuore.




Ed ecco, come suddetto, avverarsi l'insulto al Nome di Gesù, dopo solo due giorni che Lui stesso l'aveva profetizzato:

16 Marzo 2013 – Bergoglio benedice in silenzio per non urtare i non credenti.

All'udienza concessa oggi pomeriggio ai giornalisti, il Pontefice ha «impartito» questa inconsueta benedizione. Riportiamo alla lettera la formula, tradotta dall'originale in spagnolo:

"Poiché molti di voi non appartengono alla Chiesa cattolica, ed altri non sono credenti, di cuore impartisco questa benedizione in silenzio, a ciascuno di voi, rispettando la coscienza di ognuno, però sapendo che ognuno di voi è figlio di Dio. Che Dio vi benedica."

Conclusione

Termino con l'Ammonimento Cristico, annunciatovi all'inizio e pervenuto tramite Conchiglia, rivolto a tutti i Consacrati dell'intero pianeta affinché prendano coscienza della situazione drammatica in cui è precipitata la Chiesa in questi tempi apocalittici.

Appello di Gesù a tutti i Sacerdoti del Mondo

29 marzo 2014 (QUI)

"EccoMi figlia... eccoMi Conchiglia...
prestaMi di te e scrivi.

Desidero l'attenzione dei Sacerdoti che dicono di amarMi.
AscoltateMi bene...

Non vi rimane più molto tempo per decidere da che parte stare.
«L'Apostata» che ha in mano le redini della Mia Chiesa
vi metterà nella condizione di non poter fare più nulla per difenderMi...
O lo fate ora… ed è già tardi,
o non lo potrete fare più perché non ne avrete la forza.

Legioni e legioni di demoni rafforzano l'opera distruttiva «dell'Apostata»...
del «Falsario» che si è messo al Mio posto...
predicando ciò che Io non ho predicato...
concedendo ciò che Io non ho concesso...
frequentando chi Io non ho frequentato…
unificando ciò che Io non ho unificato...
e soprattutto... perdonando ciò che Io non ho perdonato.




«L'Apostata... il Falsario»...
sta abusando dell'autorità che gli è stata conferita dai suoi pari
disonorando il mandato che ho stabilito per Pietro.
Disonorando i Comandamenti...
disonorando le Mie Parole,
disonorando la Dottrina della Chiesa,
disonorando Me, che Sono Vivo, Vero e Presente
in Corpo... Sangue... Anima e Divinità nella Santa Eucarestia.

«L'Apostata... il Falsario»...
non lo potete più seguire, più di quanto non abbiate fatto fin qui. [...]

Ora vi dico: abbiate il coraggio di andare dai vostri Vescovi
a dire che non potete obbedire
né a loro né «all'Apostata... il Falsario»
poiché la loro autorità finisce dove inizia la Mia Autorità
e la vostra obbedienza di Sacerdoti
inizia dove obbedite a Me che Sono Dio
e alle Mie Leggi d'Amore...
che non possono essere in nessuna parte
e per nessuna ragione cambiate.

Ecco Conchiglia...
ferma la mano... ora riposa."

Relazione, adattamento e cura di Sebirblu.blogspot.it


   

giovedì 12 luglio 2018

Non c'è peggior sordo di chi Non Vuol Sentire!




Sebirblu, 12 luglio 2018

L'evolversi degli eventi sullo scenario del mondo invita tutti a riflettere sull'intreccio ormai evidente tra l'avanzata del Nuovo Ordine Mondiale e quello di un'Unica falsa Religione che peserà non poco sul destino dei popoli. (Cfr. QUI, QUI e QUI).

Per poter meglio inquadrare ciò che sta accadendo, penso sia necessario dapprima esporre ciò che concerne l'evoluzione dell'Uomo ‒ che è non solo "Materia" ma anche "Spirito" ‒ in una breve sintesi che possa chiarire il nesso tra questi due termini e il rapporto spesso inconsapevole che egli ha con la ragione stessa della vita.

L'Essere umano non si trova qui a "caso", come non è una "coincidenza" che viva proprio nel bel mezzo di questi tempi apocalittici.

Che continui perciò a non interessarsene, preferendo guardare altrove là dove i sensi lo attirano, o che voglia contestare quello che ancora non vede, non toglie nulla alla sua evoluzione che scorre come fiume inarrestabile nel buono e nel cattivo tempo.

Per cui, abbiano pazienza coloro che, ad ogni piè sospinto, storcono il naso tutte le volte che si parla di religione, perché presto dovranno ricredersi sull'importanza massima del tenersi aggiornati visto che, loro malgrado, ne saranno coinvolti.

Ecco, pertanto, la realtà in atto: la Chiesa di Pietro, chiesa spirituale su base materiale, si avvia al suo termine per essere sostituita dalla Chiesa di Giovanni (come ho già spiegato QUI, QUI e QUI), ossia una Chiesa spirituale su base spirituale.

Dopo venti secoli di cristianesimo, preparazione necessaria e indispensabile alla formazione dell'Uomo nuovo, più Spirito che materia, caratterizzato dall'amore in atto, egli deve pur nascere e nascerà.

Non esistono scelte: o il progresso evolutivo in espressioni di vita più ampie ed elevate, o la morte spirituale per un tempo indeterminato perdentesi nella notte dei tempi, per poi lentissimamente e faticosamente risalire.


"Dinamiche di elementi in movimento" di Marcello Ciampolini

È dovere di tutti conoscere e custodire la Parola Cristica per poi divulgarla, affinché altri esseri possano a loro volta apprendere e, fatti convinti dalla forza dell'Amore, diffonderla.

Ma è necessario dapprima realizzarla in noi, perché soltanto con l'esempio vissuto e sofferto si possono potenziare le forze del Bene e controbilanciare quelle del Male, dissolverle e raggiungere la pace e l'equilibrio di cui abbiamo estremo bisogno.

La maturazione di questa superumanità sarà la più grande creazione biologica dell'evoluzione antropica, rappresentante il passaggio ad una legge di vita superiore che va dalla forza bruta alla giustizia, dalla violenza alla bontà, dall'ignoranza alla coscienza, dall'egoismo distruttore all'Amore costruttivo evangelico.

Tutto deve nascere da un seme... tutto funziona per germi. È sufficiente guardarsi intorno. Ogni evento nasce con l'apertura di una parabola: inizia, si espande fino al suo vertice, poi si ripiega su sé stessa. E via di questo passo.

Come il seme fa il frutto e il frutto fa il seme, così il pensiero fa l'azione e l'azione fa il pensiero. Lo schiudersi del seme, quale si trova in natura, è il principio universale dell'espansione e della contrazione dei cicli.

I primi anni di ogni singola esistenza sintetizzano organicamente e psicologicamente tutte le vite passate. Ad ogni nuova ripresa del percorso vitale l'essere si rigenera da capo, per portare il proprio sviluppo ad un punto sempre più progredito. (Cfr. QUI).

La vita umana non è altro che un insieme di prove, di esami, di tentativi. Gli atti, le esperienze e le personali reazioni al contesto fisico si fissano in automatismi psichici, mutandosi in abitudini per poi diventare impulsi e idee innate. Così la vita organica si logora, ma è costruzione di coscienza. (Cfr. QUI e QUI).

Toccato il suo massimo sviluppo, il corpo deperisce, invecchia e la spirale si chiude. L'apice dell'esistenza psichica tarda a venire e compare spesso alla fine, molto dopo la giovinezza del rigoglio fisico, ultimo delicato fiore dell'anima.

Avviene un ripiegamento intimo della coscienza, una riflessione atta ad assimilare il frutto delle esperienze, una maturità di Spirito in un veicolo ormai decadente.




Pochi ‒ i più evoluti ‒ vi giungono presto; molti vi arrivano tardi, alcuni ‒ i neofiti alla vita psichica ‒ non vi pervengono affatto.

Similmente, nel campo delle coscienze collettive, ogni civiltà persegue, dopo una giovinezza conquistatrice ed espansionista, un massimo di maturazione che non può oltrepassare.

Quella fatalità che sembra incombere sui popoli e che ad un dato momento dice: "Basta!", non è che l'espressione della legge ciclica.

Così, a turni e a fasi alterne, salendo e scendendo da vincitori o da vinti, tutti vivono la stessa legge: individui, famiglie, classi sociali, popoli, umanità, fino a questo tempo attuale in cui il genere umano sta acquisendo una coscienza unitaria, preludio di una nuova civiltà.

Questa è l'evoluzione nel suo intimo meccanismo, che riassume il più profondo significato dell'Universo. Essa è arrivata ad un punto in cui necessita ormai salire, nascere all'Amore, l'Amore raccomandato e prescritto dal Cristo, all'incondizionato Amore del Vangelo.

In ogni tempo ci sono sempre state le avanguardie ‒ a volte veri fari luminosi ‒ che hanno dato il via a nuovi movimenti spirituali e hanno trascinato i pronti, quelli che sono in attesa della parola nuova, come vi sono stati e vi saranno sempre i ritardatari, coloro che non sanno procedere al passo e ripetono le prove.

Attenzione, però! Perché un fatto nuovo e non percepito dai tanti, si è inserito subdolamente, strisciando come serpe in seno alla Chiesa Cattolica: il tradimento di Giuda, come venti secoli fa, si ripete.

Giuda amava il Cristo e sulle prime Gli credette. Ma non Lo aveva compreso e si aspettava da Lui la libertà "umana" dall'oppressione straniera, insieme al trionfo e ai vantaggi del vincitore. 

(Egli era un rivoluzionario facente parte degli "zeloti", che volevano liberare la Palestina dal giogo romano anche a costo di usare le armi).

Gesù però si lasciò crocifiggere. Si dichiarava Figlio di Dio e permise di essere insultato, calpestato, ucciso come un malfattore! Aveva deluso in pieno il discepolo ribelle; aveva tradito la sua attesa, i suoi sogni, le sue speranze... e l'Iscariota, in un momento di maggiore sconforto, volle punirLo e Lo tradì.




Egli aveva ingannato un puro, un innocente, che nel suo inconscio più profondo ancora amava ed ammirava, per cui sconvolto e disperato si impiccò.

Anche ora tanti cristiani, che pure amano o hanno amato il Cristo, Lo tradiscono perché non Lo comprendono. (Cfr. QUI).

Osservando il dolore del mondo, guardando la gran massa di sfruttati ed oppressi, si credono ingannati dalla Sua Parola e ‒ delusi ‒ Lo abbandonano. Così, risvegliati dal fascino della rivolta, si illudono di potersi sostituire a Dio e, mediante la forza e la violenza, pensano di costruire un mondo di perfetta giustizia sociale e di benessere planetario.

Persino la Chiesa voluta dal Cristo con a capo Pietro, che avrebbe dovuto fare da guida e da baluardo a tutto ciò nell'arco di duemila anni, adesso, sulla soglia del tempo nuovo, lo tradisce proprio come Giuda, trascinando con sé nella caduta rovinosa i tiepidi, gli opportunisti e gli sprovveduti presuntuosi che non si accorgono dell'inganno perché, ancora impastoiati dal mondo, non hanno occhi per discernere il Vero. (Cfr. QUI e QUI).

Ma così dev'essere! È scritto da tempi immemorabili nelle Sacre Scritture, nel libro dell'Apocalisse, come in numerosissimi altri testi profetici vecchi e nuovi che asseriscono come il Corpo Mistico di Nostro Signore debba passare per un ultimo Calvario, a Sua immagine, prima di poter risorgere più splendente che mai!


"Il Corpo Mistico" di Greg Olsen

Dice Gesù, tramite Maria Valtorta:

«La Mia Voce parla da secoli ai Suoi ministri perché essi siano sempre quello che voi ora siete: gli apostoli alla scuola di Cristo. La veste è rimasta. Ma il Sacerdote è morto. In troppi di loro, nei secoli, è accaduto ed accadrà questo: 

Ombre inutili e scure, non saranno una leva che alza, una corda che tira, una fonte d'acqua dissetante, un grano che sfama, un cuore che attrae, una luce nel buio, una voce annunciante ciò che il Maestro dice.

Ma saranno, per la povera umanità, un peso di scandalo e di morte, dei parassiti, una putredine... Orrore! I Giuda più grandi del futuro Io li avrò ancora e sempre nei Miei Sacerdoti!...

...In Verità vi dico che sarà distrutta la Terra quando l'Abominio della desolazione entrerà nel Sacerdozio, conducendo il genere umano all'Apostasia per abbracciare le dottrine dell'inferno.

Allora sorgerà il figlio di Satana e i popoli gemeranno in un tremendo spavento, pochi restando fedeli al Signore, e poi, fra convulsioni d'orrore, verrà la fine dopo la vittoria di Dio e del suo "piccolo resto", e l'ira Sua piomberà su tutti i maledetti.

Guai, tre volte guai se per quei pochi rimasti non ci saranno ancora santi, gli ultimi padiglioni del Tempio di Cristo! Guai, tre volte guai se, a confortare gli ultimi cristiani, non ci saranno veri Sacerdoti come per i primi...

...La Mia Chiesa sarà scardinata dai suoi stessi Ministri! Ed Io la sorreggo con l'aiuto delle vittime. E i preti, che avranno unicamente la veste (ora nemmeno più; ndr) e non l'anima del Sacerdote, accentuano il ribollire delle onde, agitate dal Serpente infernale, contro la tua barca, o Pietro...

In piedi! Sorgi! Trasmetti quest'ordine ai tuoi successori: "Mano al timone, sferza sui naufraghi che hanno voluto naufragare e tentano di far naufragare la barca di Dio". Colpisci, ma salva e procedi. Sii severo, perché sui predoni giusto è il castigo....

...Un raffreddarsi dei cuori, un sostituirsi di dottrine eretiche, di dottrine e idee ancor più che eretiche, all'unica, vera Dottrina, un preparare il terreno alla Bestia per il suo fugace regno di gelo, di tenebre ed orrore... (Cfr. anche QUI).

...In Verità vi dico pure che la sorte dei Miei veri discepoli sarà simile alla mia: la sinagoga e i superbi li perseguiteranno come hanno perseguitato Me. Ma sia Io che loro abbiamo la nostra ricompensa, quella di fare la volontà del Padre e di servirLo sino alla morte di croce, perché la Sua Gloria risplenda e la Sua Conoscenza non perisca...»

(Estratti dal Vol. X, cap. 629 e 635 de "Il Poema dell'Uomo Dio").




Ma non allarmiamoci... perché sappiamo che il martirio è seguito dalla Risurrezione gloriosa e, comunque, ancor prima che questo avvenga, interverrà Dio a prelevare i Suoi per portarli in salvo, come descritto dall'apostolo Paolo in 1 Corinti 15, 51-55:

«Ecco, io vi annuncio un mistero: non tutti morremo, ma tutti saremo trasformati, in un istante, in un batter d'occhio, al suono dell'ultima tromba. Essa infatti suonerà e i morti risorgeranno incorruttibili e noi saremo trasformati.

È necessario infatti che questo corpo corruttibile si vesta d'incorruttibilità e questo corpo mortale si vesta d'immortalità. Quando poi questo corpo corruttibile si sarà vestito d'incorruttibilità e questo corpo mortale d'immortalità, si compirà la parola della Scrittura:

La morte è stata inghiottita per la vittoria. Dov'è, o morte, la tua vittoria? Dov'è, o morte, il tuo pungiglione?... ».

Come si vede siamo sulla soglia di un Tempo Nuovo, dove non si tiene conto, però, dell'imminente ingresso nella storia del mondo di Colui che detiene il potere dell'Universo e che non permetterà che alcuno dei Suoi muoia, con gran sorpresa e disappunto di quanti ancora si ostinano a credere che tutto rientri nella norma di una civiltà che ha ucciso il suo Dio.


martedì 10 luglio 2018

Quello che è necessario Sapere sull'Anima Gemella


Tomasz Alen Kopera

Sebirblu, 10 luglio 2018

Da tempi immemorabili, il genere umano ha dimostrato di essere molto interessato alla ricerca della propria "anima gemella". Ma quanto c'è di vero in questo concetto, al di là di un comprensibile desiderio di completamento personale? Esiste realmente questa fantomatica individualità atta a renderci felici?

Ebbene, l'anima gemella o semitermine spirituale è una realtà molto più profonda di quanto si possa immaginare e non rientra affatto in un mero desiderio chimerico raggiungibile solo nei sogni.

Come moltissime altre verità sostanziali, è l'Ultrafanìa (QUI) a dissolvere le nebbie dell'ignoranza, spiegandoci che questa scissione dell'Essere ha avuto origine, potenzialmente, nell'attimo stesso della "Caduta" (Cfr. QUI e QUI), mentre il suo esito conclusivo è avvenuto nel periodo Adamitico, ossia durante la massima condensazione dell'Umanità.

Infatti, dal momento in cui si è consumata la "Rivolta Iniziale" degli Spiriti ribelli, le energie da essi trattenute e non più emanate a favore del Tutto, li hanno condotti, di cielo in cielo e di piano in piano, ad appesantirsi sempre più fino a raggiungere la compattezza energetica.

Dice l'Entele Maestro (si avranno altri insegnamenti cliccando sull'etichetta relativa):

"Si tratta di chiarire se la scissione della Monade avvenne nell'istante della precipitazione o piuttosto durante il moto evolutivo successivo. La divisione del binomio principiò con l'inizio stesso del distacco dal grande Centro. Perché? Per un duplice moto di misericordia!

Il primo, in quanto lo Spirito, rappresentando la Scintilla assoluta, divina, nella sua onnipotenza avrebbe sofferto, spaventosamente sofferto giungendo integro, intatto, nel campo della costrizione: il movimento di separazione toglie potenza, per cui l'unità scissa avrebbe percepito in minor grado l'effetto della discesa nella materia.

Il secondo, perché, se lo Spirito legato a quel quantum di energia pesante avesse dovuto compiere nella sua interezza il ciclo evolutivo, il tempo, il vostro tempo, sarebbe trascorso in forma assai più tragica.

Scindendo l'unità, facendo evolvere separatamente le due metà, indipendentemente l'una dall'altra, l'Eterno, il Padre, raggiunse un duplice scopo: diminuire la fatica, accelerando il moto evolutivo."


Giulietta Romeo -  Frank Dicksee  -  1884

Incontrare, ma soprattutto riconoscere la propria anima gemella durante la vita non è facile, perché l'Essere umano, di solito, viene attratto maggiormente dalla forma fisica o tutt'al più da qualche espressione positiva del carattere ma mai o quasi mai dalla parte spirituale.

Per poter infatti individuare il proprio semitermine, sono indispensabili due requisiti sostanziali: il primo è quello di "conoscere sé stessi" – vale a dire aver preso coscienza della propria origine divina, non solo teoricamente, ma vivendo e pensando da Spirito, seppur incapsulati nella materia.

Il secondo requisito è quello di aver intrapreso e abbracciato decisamente il cammino dell'Operatore di Luce mettendo a disposizione degli altri la singola esistenza.

Questo,  perché  solo  conoscendo il proprio Ego divino  si  può sperare di riconoscere la  nostra  parte  complementare,  ma  anche  così  non  sarebbe  sufficiente  poiché, se non si è dediti all'Opera altruistica e senza fini secondari, si rischierebbe, una volta incontrato il nostro binomio d'anima, di chiuderci, assorbiti totalmente dall'incontro meraviglioso, bloccando in questo modo la nostra evoluzione e quella dell'altro.

Il più delle volte è la nostra cecità spirituale la causa di scelte sbagliate che portano a connubi infelici e a continue delusioni!




Prosegue l'Entele Maestro:

"Matrimonio? Se la congiunzione avviene per movimento superiore, se cioè questa unione ha in sé il sigillo della sostanzialità, non vi è più un legame umano imposto dagli uomini e dalla Chiesa, ma un nodo che porta l'impronta della Legge eterna.

Se invece, come spesso accade, queste unioni derivano da altre cause dettate dall'interesse o dalla passionalità, allora voi potete unire, congiungere, legare, ma la disunione continuerà a regnare fra i due partner.

Non quindi la Chiesa può perfezionare o sanzionare quella unione, non gli uomini col loro vincolo civile, ma questa sintonia, questa armonia si ottiene solo là dove la congiunzione è di Legge, dove il movimento è karmico.

Sulla frase evangelica "Ciò che Dio ha congiunto l'uomo non separi" (Mt. 19,6), la Chiesa ha fondato il proprio dogma sull'indissolubilità del matrimonio. Qual era il significato sostanziale dell'espressione? Quello che l'Istituzione le annetteva od uno infinitamente più elevato?

Quando le due anime gemelle, create e volute dall'Eterno, si fondono insieme unificandosi, nessuno può e deve sciogliere il binomio; non trovate riferimento alcuno ad un legame di rito, bensì ad un congiungimento sostanziale.

La Chiesa, impostando il problema del matrimonio in relazione al significato umano dell'espressione cristica, otteneva una coesione familiare, un'impronta inconfondibile di armonia, necessaria se si considera lo stato di arbitrio, di involuzione delle masse, ma errava essa poiché doveva lasciare alla frase cristica l'assoluta sua potenzialità.

Il Cristo non ha accennato al matrimonio, ma a quella unione che non si poteva distruggere perché voluta dal Padre e che si doveva e poteva compiere fra gli umani se, percorrendo nel tempo la via in purezza, avessero acquisita quella percezione che avrebbe loro consentito di individuare il termine gemello del binomio legalizzando anche umanamente il connubio.


Le Nozze di Cana di Vitaly Conti 

Sì, una legge morale, nel tempo, sconsiglia la distruzione di un focolare, ma la stessa morale sconsiglia la sua formazione quando non è cementata dalla spiritualità, ma provocata da ben altri sentimenti.

L'errore, quindi, non sta nello sciogliere ma nel legare, ed è la Chiesa stessa che, mentre solleva delle riserve per la separazione, non ne solleva alcuna per l'unione.

Non fatevi schiavi del dogma. Una legge morale impera anche tra di voi e dice che le molteplici congiunzioni hanno impronta satanica; colui che ha voluto per arbitrio legarsi ad un'altra individualità, sappia sopportare le conseguenze di questo gesto e sappia offrire alla Legge divina ogni angoscia, ogni fatica dal connubio derivante.

Ma al di là di tale fatica, ne esiste una superiore di ricerca, di liberazione, di evoluzione attraverso una profonda metamorfosi.

Quotidianamente voi assistete a tali congiunzioni e constatate la facilità con la quale l'uno o l'altro sesso ricercano la fusione. Ciò sta a dirvi l'«insufficienza» umana. Ogni individualità dovrebbe trovare nel tempo la parte mancante al proprio termine o non congiungersi, ed a ciò arriverete.

I connubi armonici, sintonizzati, tra semitermini o anime gemelle portano alla formazione iniziale dell'«unità» e alla certezza che il residuo moto evolutivo si compirà nei campi astrali e non più nel finito della vostra dimensione.


Jim Warren

Questo significa che ogni passione umana deve essere distrutta; non congiunzioni quindi per lussuria, per ambizione, per avidità o calcolo, ma solo per amore e l'Amore nella sua sostanzialità può essere elargito da un termine del binomio soltanto verso l'altro termine del binomio.

Vi riporto verso la semplicità del vivere, verso la Verità. Il karma vi condurrà al giusto tempo, all'ora giusta, ad incontrarvi con la vostra anima gemella; la passionalità, invece, vi trascinerà ad un movimento ripetuto e tortuoso che rallenterà il vostro ricongiungimento unitario.

La Legge, nella sua Perfezione, scisse ogni Monade in un binomio. Quando tutti questi semitermini si ricomporranno ritornando uno (diverranno degli Enteli, cfr. QUI e QUI in fondo ai post; ndr), dopo aver vagato separatamente per le vie del tempo, l'evoluzione dell'Umanità sarà compiuta e la Terra, così com'è, non avrà più motivo di esistere.

Ogni Essere avrà, allora, raggiunta la vetta della Sapienza, quella vetta che sta ai piedi del Trono divino."




Post Scriptum

"Nell'ora della precipitazione ogni unità conosceva, evidentemente, già il proprio destino, in quanto entrava nell'ambiente dell'oggi e del domani.

Ogni unità quindi visse in angoscia, in terrore, in ansietà pensando al momento in cui ogni Monade sarebbe stata dimezzata, privata di metà delle proprie capacità operanti. E allorché giunse l'ora della scissione, il fatto avvenne, l'unità si scisse.

Chiaramente, anche tra voi umani, che per amore non brillate troppo, il distacco da un familiare, che non è vostra materia, né vostro Spirito, procura un determinato stato d'angoscia, di affanno, di dolore e nell'attimo della separazione l'uno dona all'altro quanto maggior conforto può ed elargisce l'augurio di un proseguimento facile e proficuo.

Orbene, quella quantità una, scissa, tagliata, strappata a forza, come avrà guardato alla propria metà? La capacità «amore» era assai più sentita allora di quanto non lo sia oggi tra di voi, per cui ogni metà ha rinunciato ad una parte delle proprie energie e qualità peculiari al fine di rendere meno faticoso il cammino che avrebbe dovuto percorrere l'altra sua parte.

Dal canto suo,  l'altra metà faceva altrettanto,  cosicché,  dal punto di vista venutosi a creare (parlo ancora e sempre di fattori spirituali), l'una elargiva di sé determinate energie e l'altra, a sua volta, faceva lo stesso a seconda che ritenesse preferibile dotare di un certo tipo di prerogative il proprio semitermine onde rendergli più agevole il cammino."




Ecco spiegato il motivo per cui, cari Lettori, spesso le due anime gemelle sono identiche in certe espressioni, mentre in talaltre sono prive di alcune qualità che invece il proprio binomio possiede, e viceversa, come quando, ad esempio, uno dei due si esprime nella musica e l'altro nella pittura.

Relazione e cura di Sebirblu.blogspot.it

Fonte: brani estratti da "Scintille dall'Infinito" Ed. Il Cenacolo.